Caso Basso: dalla Procura sensazioni ok, ora il problema è Riis

| 29/09/2006 | 00:00
Si è fatto un altro passo avanti, lento, lentissimo verso la chiarezza, ma il traguardo è ancora lontano. Ivan Basso esce dalla Procura antidoping del Coni con il sorriso di chi ha voglia di sorridere senza freni inibitori. L'audizione è andata bene. «Sono sereno e soprattutto fiducioso - ha detto il vincitore dell'ultimo Giro d'Italia -. Ho risposto a tutte le domande, e a questo punto aspetto sereno la decisione del procuratore capo Franco Cosenza». L'audizione è durata circa un ora, da mezzogiorno all'una. Alle 11.57 è giunto dalla Spagna un documento molto importante ai fini di tutta l'inchiesta sul presunto coinvolgimento del varesino nell'Operacion Puerto (200 sacche di sangue sequestrate e l'accusa di aver utilizzato l'autoemotrasfusione): un certificato che ne attesta l'assoluta estraneità come persona indagata o imputata. Quindi? Adesso la parola passa al capo della procura Cosenza, che ha chiesto due o tre giorni per prendere una decisione. Negli ambienti federali si parla di cauto ottimismo, e quindi si andrebbe verso un'archiviazione. Una decisione, questa, che farebbe cadere la sospensione di Basso da parte della Csc, che oggi era rappresentata dal pierre del team danese Biarn Nygaard, il quale pare ha rilasciato dichiarazioni tutt'altro che concilianti. «Per noi quello che deciderà la Procura antidoping del Coni poco importa (domanda: perchè era lì?). A noi interessa solo il pronunciamento da parte del TAS e della Wada. Basso ha un contratto di due anni, e fin quando questi due organismi non si pronunciano, per noi Basso resta fermo». Insomma, il varesino potrebbe tornare a correre tra pochi giorni se il pronunciamento sarà favorevole, ma si profila all'orizzonte un braccio di ferro legale-contrattuale. Non è un mistero che tra Basso e Riis non scorra più buon sangue, così come non è un mistero che il varesino ha già diverse richieste da altre squadre di Pro Tour (Discovery Channel e Milram su tutte). L'idillio tra i due è ormai un remoto ricordo: un nuovo braccio di ferro sta per incominciare.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La prima corsa del 2024 per Primoz Roglic sarà in Francia, quando il 3 marzo lo vedremo al via della Parigi-Nizza. La stagione dello sloveno proseguirà poi con i Paesi Baschi e poi il Giro del Delfinato, prima di volare...


Alla presentazione degli eventi primaverili RCS la scorsa settimana c'era pure Moreno Moser, vincitore nel 2013 della Strade Bianche. Dalla corsa senese giovane ma già mitica, e rinnovata quest'anno con doppio circuito finale e distanza complessiva di 215 chilometri, parte...


Il mese di marzo è alle porte e si comincia a sentire profuno di primavera, almeno per quel che riguarda il ciclismo. E la primavera, come preambolo alle grandi classiche, porta con sé l'appuntameto con le prime gare a tappe...


Q36.5 introduce Elemental: la nuova collezione per la primavera e l’estate del 2024. La nuova collezione si compone di due linee capisaldo del marchio bolzanino: Dottore Pro e Gregarius Pro. Nei prodotti Dottore Pro, Q36.5 utilizza un tessuto tridimensionale caratterizzato da un tempo di asciugatura più...


La Coppa San Geo che si corre sabato 24 febbraio con partenza da Ponte San Marco e arrivo a San Felice del Benaco, fin dalla sua prima edizione è stata seguita, descritta, corteggiata e vinta da giornalisti e corridori che...


Il più giovane della squadra è il lucchese Pini che compirà 19 anni il 7 marzo prossimo; quello con la maggiore età invece Senesi classe 2002. E’ una squadra giovane, tutta di under 23 la lucchese Gragnano Sporting Club-La Seggiola,...


“Aspettando…… il Tour de France” che partirà da Firenze il 29 giugno, arriva sabato prossimo la Firenze-Empoli, la classica promossa dai compianti Paolo Marcucci e Renzo Maltinti nel 1988 e che da allora apre in Toscana la stagione dei dilettanti....


Oggi, 14 anni fa, morì Vanni Pettenella. Grazie al Comune di Milano, e in particolare al Municipio 9, ho dato parole e voce a questo podcast sulla vita e i miracoli di un pistard geniale e semplice. A ricordo di...


La tappa più dura del Tour du Rwanda arriva già al terzo giorno su otto: sette Gran Premi della Montagna in 140 chilometri a premiare il giusto mix di tenuta e potenza. Un tragitto da Huye a Rusizi che premia...


In un ciclismo amatoriale che oggi sembra trasformato, continua a crescere la passione per il Gravel, del resto è piuttosto evidente che i nuovi appassionati si moltiplichino alla velocità della luce e con loro le manifestazioni dedicate in tutta la...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi