Caso Basso: dalla Procura sensazioni ok, ora il problema è Riis

| 29/09/2006 | 00:00
Si è fatto un altro passo avanti, lento, lentissimo verso la chiarezza, ma il traguardo è ancora lontano. Ivan Basso esce dalla Procura antidoping del Coni con il sorriso di chi ha voglia di sorridere senza freni inibitori. L'audizione è andata bene. «Sono sereno e soprattutto fiducioso - ha detto il vincitore dell'ultimo Giro d'Italia -. Ho risposto a tutte le domande, e a questo punto aspetto sereno la decisione del procuratore capo Franco Cosenza». L'audizione è durata circa un ora, da mezzogiorno all'una. Alle 11.57 è giunto dalla Spagna un documento molto importante ai fini di tutta l'inchiesta sul presunto coinvolgimento del varesino nell'Operacion Puerto (200 sacche di sangue sequestrate e l'accusa di aver utilizzato l'autoemotrasfusione): un certificato che ne attesta l'assoluta estraneità come persona indagata o imputata. Quindi? Adesso la parola passa al capo della procura Cosenza, che ha chiesto due o tre giorni per prendere una decisione. Negli ambienti federali si parla di cauto ottimismo, e quindi si andrebbe verso un'archiviazione. Una decisione, questa, che farebbe cadere la sospensione di Basso da parte della Csc, che oggi era rappresentata dal pierre del team danese Biarn Nygaard, il quale pare ha rilasciato dichiarazioni tutt'altro che concilianti. «Per noi quello che deciderà la Procura antidoping del Coni poco importa (domanda: perchè era lì?). A noi interessa solo il pronunciamento da parte del TAS e della Wada. Basso ha un contratto di due anni, e fin quando questi due organismi non si pronunciano, per noi Basso resta fermo». Insomma, il varesino potrebbe tornare a correre tra pochi giorni se il pronunciamento sarà favorevole, ma si profila all'orizzonte un braccio di ferro legale-contrattuale. Non è un mistero che tra Basso e Riis non scorra più buon sangue, così come non è un mistero che il varesino ha già diverse richieste da altre squadre di Pro Tour (Discovery Channel e Milram su tutte). L'idillio tra i due è ormai un remoto ricordo: un nuovo braccio di ferro sta per incominciare.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il Team DSM ha accettato di rescindere il contratto con Tiesj Benoot. Durante la loro stagione 2021 - scrive il Team DSM in un comunicato ufficiale - è parso evidente che Benoot non era in grado di mantenere i suoi...


Si è chiuso lo stage di 3 giorni di casa Colpack Ballan. La formazione orobica, del Presidente Beppe Colleoni, per il 2022 presenta l'inserimento di 2 nuovi atleti stranieri. Si tratta dell'irlandese Ronan O'Connor e dello spagnolo Ruben Sanchez. Tocca...


Le previsioni meteorologiche annunciamo per mercoledì 8 dicembre una giornata caratterizzata dall’arrivo delle neve a Brinzio, classica località che accoglie ogni anno l’8 dicembre la Pedala con i Campioni – Memorial Michele Scarponi. E’ per questo motivo che gli organizzatori...


Mark Cavendish vestirà la maglia della Deceuninck Quick Step per un'altra stagione. Dopo essere arrivato all'inizio del 2021 per quella che si è rivelata una stagione storica, Mark rimane a far parte del Wolfpack, squadra con cui è tornato a...


Ventidue biciclette rubate, due dovranno presentarsi venerdì prossimo al Tribunale penale di Lilla. «Marcq-en-Baroeul disterà una decina di chilometri scarsi – racconta oggi Ciro Scognamiglio sulla Gazzetta dello Sport - : è lì che nella notte tra il 22 e...


Sarà stato fortunato, ma sicuramente bravo. Lorenzo Fortunato riparte da dove in pratica è partito e si è palesato al mondo: dallo Zoncolan, dove sabato scorso si è ripresentato per l’inaugurazione della nuova seggiovia dedicata al Giro d’Italia. Oggi La...


Una vita interamente dedicata alla bicicletta, un dinamismo, una lucidità e un entusiasmo mostrati ad ogni uscita pubblica, fino a un paio di mesi fa. Giovanni Meazzo, morto domenica a 93 anni, era la memoria storica del ciclismo alessandrino. Era...


Faè di Oderzo sta per diventare, per la 19^ volta, la capitale del ciclocross italiano. I rinomati vitigni di Prosecco di Borgo Barattin, nel cuore della pianura trevigiana, faranno come sempre da cornice al Ciclocross Internazionale del Ponte, 4^...


La Federazione Ciclistica Italiana ha tagliato ieir il traguardo dei 136 anni di storia. Nel bel libro di Roberto Livraghi “Pista! Alessandria capitale ciclistica della Belle Epoque” si ricorda nel dettaglio la prima corsa di velocipedi...


Immaginate la scena: è la sera del 22 ottobre, Ashton Lambie ha appena realizzato il suo sogno di vincere il titolo mondiale dell'inseguimento su pista e rientra nel suo albergo a Roubaix. Ha ancora addosso la maglia iridata, deve ancora...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI