TOUR. Da Nibali a Pinot, ecco dove si può vincere o perdere

PROFESSIONISTI | 29/06/2015 | 09:51
Domani i protagonisti del Tour sbarcheranno a Utrecht e ormai impazza il gioco dei pronostici. Tra i tanti, interessante quello proposto da L'Equipe che ha cercato di prevedere dove i grandi favoriti del Tour possono vincere o perdere la Grande Boucle. Ve ne proponiamo un sunto.

VINCENZO NIBALI
Dove può vincere il Tour: nella prima settimana.
Gli otto giorni che portano da Utrecht a Plumelec sono tutti "da classiche", con rischi di ventagli, il pavé e un finale da Freccia Vallone. Un attaccante come Nibali può mettere in crisi i rivali.

Dove può perdere il Tour: sulle lunghe salite dei Pirenei. Al Delfinato Froome ha dimostrato di poter imporere un ritmo diverso rispetto al siciliano che può pagare a Pierre-Saint Martin o a Plateau de Beille.

CHRIS FROOME

Dove può vincere il Tour: a Plateau de Beille e a La Toussuire.
Su queste salite Kennaugh, Thomas e Konig possono spianargli il terreno per l'assalto.

Dove può perdere il Tour: prima dei Pirenei. Nel 2014 è caduto due volte prima del pavé, nel 2013 era finito prigioniero dei ventagli. Il britannico può pagare la sua scarsa abitudine alle strade delle classiche.

NAIRO QUINTANA

Dove può vincere il Tour: all'Alpe d'Huez.
Dopo venti giorni di corsa, il colombiano può far valere il suo peso piuma e le sue straordinarie doti di scalatore.

Dove può perdere il Tour: nelle discese di Col d'Allos e di Gap. Nella prima settimana sarà importantissimo il lavoro di Malori e compagni per tenerlo protetto, ma in discesa Nairo dovrà cavarsela da solo, dimostrando di aver assorbito il colpo di sfortuna che lo fece cadere in discesa alla Vuelta dello scorso anno e che quella di non seguire Contador alla Route du Sud è stata davvero una scelta tattica.

ALBERTO CONTADOR

Dove può vincere il Tour: a Cauterets o a Pra-Loup.
Ovvero in tappe di montagna che sulla carta non sembrano durissime, ma sono l'ideale per un attaccante come lo spagnolo. Che ha dimostrato di sapersi inventare soluzioni imprevedibili.

Dove può perdere il Tour: nella cronosquadre. Intanto bisognerà vedere come lo spagnolo avrà recuperato le fatiche del Giro, ma soprattutto sarà necessario che la sua squadra dimostri quella compattezza e quella forza che al Giro d'Italia non si è mai vista.

THIBAUT PINOT

Dove può vincere il Tour: nella terza settimana.
Il francese ha dimostrato di possedere straordinarie doti di recupero che gli permettono di chiudere sempre in crescendo i grandi giri. E i tre arrivi in salita consecutivi delle Alpi sembrano fatti apposta per lui.

Dove può perdere il Tour: quando la corsa si fa nervosa. Al Giro di Svizzera, Pinot ha dimostrato di non saper gestire bene la corsa quando si fa nervosa o nei finali complicati. E sul pavé lo scorso anno ha perso due minuti da Nibali.
Copyright © TBW
COMMENTI
ma per favore
29 giugno 2015 16:00 ewiwa
Il riferimento al Delfinato è fuori luogo.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Voce e immagini arrivano via zoom da Gran Canaria e portano nelle sale dell'Hotel Principe di Savoia il volto sorridente e la voce squillante di Pippo Ganna. «Peccato non poter essere con voi stasera, ma Marco Villa ci ha spedito...


Anche il mondo del grande ciclismo internazionale ha voluto essere protagonista nella Notte degli Oscar tuttoBICI. Brent Copeland, general manager del Team BikeExchange, ha voluto premiare in prima persona Cristian Rocchetta, miglior élite della stagione, consegnandogli il Gran Premio Bike...


Elisa Longo Borghini è ormai una presenza abituale alla Notte degli Oscar tuttoBICI e ieri sera ha ritirato ben due riconoscmienti, avendo vinto il Gran Premio Alé tanto nel 202 quanto nel 2021. «La medaglia olimpica di Tokyo è stata...


La campionessa europea e del mondo Lucinda Brand e Toon Aerts brindano al successo nel classico Urban Cross che stamane si è svolto a Kortrijk in Belgio nel contesto della challenge X2O Trofee. Ennesimo trionfo dunque per l'olandese Brand che...


Filippo Baroncini è salto visibilmente emozionato sul palco della Notte degli Oscar per essere premiato da Mauro Gianetti, general manager della UAE Emirates. «Ringrazio tuttoBICI per questo riconoscimento che a va ad arricchire e a chiudere idealmente quella che per...


Sappiamo che la legge lo permette, ma porsi qualche domanda è comunque lecito. Sappiamo che non è questa la sede deputata, che il nostro è un sito di ciclismo, ma il pensiero chiede spazio e merita una riflessione. Il camionista...


Diego Ulissi sale sul palco degli Oscar tuttoBICI con evidente emozione: non è la prima volta, per lui, ma il premio come miglior professionista del 2020 gli dà brividi speciali. «Il 2020 per me è stata un'annata davvero buona, iniziata...


Ho ancora negli occhi i suoi, lucidi e carichi di emozione, per quel raccontare raccontandosi con “Coppiebartali”, tutto attaccato, quasi a sancirne l’impossibilità di parlare di uno senza narrare dell’altro. Una storia di due campioni assoluti, sullo sfondo di un’Italia...


Sonny Colbrelli è lì, in albergo a Udine, pronto al collegamento con la Notte degli Oscar e tiene ben stretto tra le mani l'Oscar tuttoBICI che ha conquistato come miglior professionsita della stagione: «È un premio di cui vado orgogloso....


Cresce il gruppo dei corridori sudamericani alla Drone Hopper Androni Giocattoli. Nel 2022, infatti, nel  team arriveranno tre nuovi giovani corridori colombiani. Si tratta di Didier Merchan, Brandon Rojas e Juan Diego Alba. I tre rappresentano una volta di più la...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI