COLEDAN. Come ti difendo la maglia nera...

GIRO D'ITALIA | 30/05/2015 | 19:41
«Guarda là, c'è un corridore che aspetta e non taglia il traguardo». E scatta il clic dal palco del Giro per inquadrare Marco Coledan che. aggrappato alle transenne, aspetta. E resta lì per qualche minuto, aspettando l'arrivo di Roger Kluge. Per arrivare ultimo e difendere così la sua maglia nera, il suo ultimo posto nella classifica generale.
Non siamo agli agguati, alle fughe verso i cespugli e i cascinali di Pinarello, Carollo e Malabrocca, ma poco ci manca. Con nonchalance, Coledan ha aspettato il suo rivale diretto, l'ha fatto passare e ha difeso la sua posizione.
Copyright © TBW
COMMENTI
stranezze
30 maggio 2015 22:34 angelofrancini
La vicenda triste di questo scatto é che COLEDAN é stato oggi sanzionato dalla Giuria con 500 FS di ammenda per non aver difeso le proprie possibilità.
Ma come: ha difeso pienamente i suoi interessi.
Forse in modo ingenuo, ma secondo la Giuria avrebbe dovuto nascondersi a 2 km dall'arrivo in un bar?
I suoi interessi erano di arrivare ultimo al Giro d'Italia ed essere ricordato negli annali allo stesso modo dei primi classificati.
Se fosse arrivato penultimo chi se lo filava Marco Coledan?
Sicuramente di questa Giuria nessuno si ricorderà.......
Ma é strano che una Giuria che non vede e rileva e sanziona i rifornimenti irregolari negli ultimi 10 km della tappa dell'Aprica che tutti abbiamo visti in TV, fatti ai primi tre gruppetti in testa alla corsa rilevi questa cosa.

la maglia nera per passione
30 maggio 2015 22:37 Rockins
Conosco personalmente l\'ultima maglia nera vera e ufficiale del 79 Bruno Zanoni che è una persona straordinaria con una passione sconfinata e quella maglia è stata per sua stessa ammissione la sua fortuna e ne va fiero. Se un corridore moderno ha ancora lo spirito di voler arrivare ultimo per lasciare a modo suo un segno nella storia del giro allora secondo me c\'è ancora passione anche nel ciclismo professionistico che sembra averla persa...

31 maggio 2015 09:41 pincopallo
1.2.081 - I corridori devono difendere sportivamente le loro possibilità. Sono vietati ogni intenzione o comportamento tendenti a falsare o nuocere all’interesse della competizione.

Ecco l'articolo che questo imbarazzante Collegio di Giuria ha applicato per sanzionare Coledan.
È sempre più facile prendersela con i più deboli anzichè con i più forti, come ha correttamente fatto notare nel suo post Angelo Francini.
Si è trattato certamente di una goliardata, una gesto ingenuo al termine di tre settimane di fatica immonda per giungere ogni giorno al traguardo col gruppetto. Un gioco tra colleghi di fatica che nulla ha a che vedere col "falsare o nuocere all'interesse della competizione".
Non te la prendere Marco. Complimenti per aver portato a termine il tuo Giro d'Italia. L'anno prossimo andrà meglio vedrai...
Evviva la Maglia Nera del Giro 2015!!!

stranezze
31 maggio 2015 13:53 20100
Sono d'accordo con Angelo Francini quando dice che i 500FS sono eccessivi soprattutto nella motivazione: non aver difeso le proprie possibilità!!!! Ma quali possibilità quelle di arrivare ultimo???????
Non mi trova molto d'accorso quando dice che la giuria non ha visto (o ha fitto finta di non vedere, e quindi non sanzionare) i rifornimenti negli ultimi 10 km della tappa dell'Aprica. L'ho già scritto in un altro commento; non può essere che la giuria abbia esteso la fine del rifornimento fino all'inizio dell'ultima salita e quindi non abbia sanzionato i corridori? Mi meraviglia soprattutto il fatto che Angelo Francini (che stimo soprattutto per i suoi interventi i n materia di regolamenti sempre precisi e puntuali) non preveda questo (lui che con Aldo Spadoni e Marco Bognetti qualche merito sulla stesura delle "regole di casistica" credo l'abbia) e si ostini a dar contro alla giuria sulla non applicazione delle regole...................... Per dirimere ogni dubbio; ebbene si sono un giudice di gara!

@20100
1 giugno 2015 11:13 angelofrancini
A scanso di equivoci: non ho scritto le regole di casistica, semmai alcune sono state modificate a seguito di alcuni fatti che mi hanno visto coinvolto (chiedere a Danilo Mugnaini). Vero che con Spadoni, Farulli e Meloni abbiamo scritto i Regolamenti Tecnici che ancora sono vigenti benché siano passati 15 anni....
Estensione fine rifornimento: nessuno lo ha comunicato in corsa.
Io invece sono un ex-giudice: ho smesso nel 1984....

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La prima pulsione, di chiaro stampo animale, è trascinare in Italia l'autista tedesco che ha ammazzato Davide Rebellin e darlo in mano al popolo della bicicletta, magari facendolo risalire a sberle il Passo del Pordoi durante una tappa del Giro....


Quarant'anni e non sentirli. Il tormentone potrebbe calzare perfettemante a Domenico Pozzovivo, classe 1982 lucano nato a Policoro vicino a Matera. L'incredibile carriera del piccolo grande scalatore sembra non finire mai. Il 2023 potrebbe essere il suo diciannovesimo anno da...


In una serata per sottolineare il valore positivo della bicicletta, come quella che venerdì scorso ha lanciato il progetto "Bike For Good" delle fondazioni Laureus Sport for Good ed EOS (Edison Orizzonte Sociale) non poteva mancare un corridore importante. La...


Aveva promesso di dare un arisposta ai suoi ragazzi nella giornata di venerdì e Jerome Pineau ha mantenuto la parola. Ieri in videoconferenza con i corridri e o staff, il manager della B&B Hotels ha fatto il punto della situazione...


Caro direttore, non ho titolo per occuparmi dell’estremo saluto di un Mito del Ciclismo, ma non farlo mi sembra ancora peggio. La mia passione per il ciclismo, dopo un piccolo albore in tenera età, spento dalla mia indole fragile incapace...


E’ stata una giornata particolare, all’insegna del ciclismo, quella di giovedì 1 dicembre, per Camaiore, la bella località in provincia di Lucca, nella prestigiosa zona della Versilia, con il notevole centro storico, ricco di monumenti e molteplici tradizioni in vari...


Il design influisce sul funzionamento di un oggetto? Non giriamoci attorno, la risposta è sì, soprattutto se si parla di un oggetto creato ad arte per fare un determinato lavoro. Il reggisella per bici da corsa URSUS Magnus SP700 non è...


Un avvincente penultimo round della UCI Track Champions League 2022 a Londra ha visto Matthew Richardson (Australia) togliere la maglia blu di leader dalle spalle di Harrie Lavreysen (Paesi Bassi) per la prima volta nella storia della serie. Richardson ha...


Il Master Cross Selle Smp entra più che mai nel vivo. Domenica prossima 4 dicembre Vittorio Veneto ospiterà la 3^ prova, mentre pochi giorni dopo, giovedì 8 dicembre, toccherà a Faè di Oderzo spalancare le proprie porte alla carovana...


Il Team Piton Minuter T&T  Italia riprende la sua corsa nel Master Cross Selle SMP. Domenica 4 dicembre la squadra bresciana sarà alla partenza infatti del Ciclocross Nazionale di Vittorio Veneto, nel Trevigiano, terza prova della prestigiosa Challenge a punteggio.Il...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach