COLEDAN. Come ti difendo la maglia nera...

GIRO D'ITALIA | 30/05/2015 | 19:41
«Guarda là, c'è un corridore che aspetta e non taglia il traguardo». E scatta il clic dal palco del Giro per inquadrare Marco Coledan che. aggrappato alle transenne, aspetta. E resta lì per qualche minuto, aspettando l'arrivo di Roger Kluge. Per arrivare ultimo e difendere così la sua maglia nera, il suo ultimo posto nella classifica generale.
Non siamo agli agguati, alle fughe verso i cespugli e i cascinali di Pinarello, Carollo e Malabrocca, ma poco ci manca. Con nonchalance, Coledan ha aspettato il suo rivale diretto, l'ha fatto passare e ha difeso la sua posizione.
Copyright © TBW
COMMENTI
stranezze
30 maggio 2015 22:34 angelofrancini
La vicenda triste di questo scatto é che COLEDAN é stato oggi sanzionato dalla Giuria con 500 FS di ammenda per non aver difeso le proprie possibilità.
Ma come: ha difeso pienamente i suoi interessi.
Forse in modo ingenuo, ma secondo la Giuria avrebbe dovuto nascondersi a 2 km dall'arrivo in un bar?
I suoi interessi erano di arrivare ultimo al Giro d'Italia ed essere ricordato negli annali allo stesso modo dei primi classificati.
Se fosse arrivato penultimo chi se lo filava Marco Coledan?
Sicuramente di questa Giuria nessuno si ricorderà.......
Ma é strano che una Giuria che non vede e rileva e sanziona i rifornimenti irregolari negli ultimi 10 km della tappa dell'Aprica che tutti abbiamo visti in TV, fatti ai primi tre gruppetti in testa alla corsa rilevi questa cosa.

la maglia nera per passione
30 maggio 2015 22:37 Rockins
Conosco personalmente l\'ultima maglia nera vera e ufficiale del 79 Bruno Zanoni che è una persona straordinaria con una passione sconfinata e quella maglia è stata per sua stessa ammissione la sua fortuna e ne va fiero. Se un corridore moderno ha ancora lo spirito di voler arrivare ultimo per lasciare a modo suo un segno nella storia del giro allora secondo me c\'è ancora passione anche nel ciclismo professionistico che sembra averla persa...

31 maggio 2015 09:41 pincopallo
1.2.081 - I corridori devono difendere sportivamente le loro possibilità. Sono vietati ogni intenzione o comportamento tendenti a falsare o nuocere all’interesse della competizione.

Ecco l'articolo che questo imbarazzante Collegio di Giuria ha applicato per sanzionare Coledan.
È sempre più facile prendersela con i più deboli anzichè con i più forti, come ha correttamente fatto notare nel suo post Angelo Francini.
Si è trattato certamente di una goliardata, una gesto ingenuo al termine di tre settimane di fatica immonda per giungere ogni giorno al traguardo col gruppetto. Un gioco tra colleghi di fatica che nulla ha a che vedere col "falsare o nuocere all'interesse della competizione".
Non te la prendere Marco. Complimenti per aver portato a termine il tuo Giro d'Italia. L'anno prossimo andrà meglio vedrai...
Evviva la Maglia Nera del Giro 2015!!!

stranezze
31 maggio 2015 13:53 20100
Sono d'accordo con Angelo Francini quando dice che i 500FS sono eccessivi soprattutto nella motivazione: non aver difeso le proprie possibilità!!!! Ma quali possibilità quelle di arrivare ultimo???????
Non mi trova molto d'accorso quando dice che la giuria non ha visto (o ha fitto finta di non vedere, e quindi non sanzionare) i rifornimenti negli ultimi 10 km della tappa dell'Aprica. L'ho già scritto in un altro commento; non può essere che la giuria abbia esteso la fine del rifornimento fino all'inizio dell'ultima salita e quindi non abbia sanzionato i corridori? Mi meraviglia soprattutto il fatto che Angelo Francini (che stimo soprattutto per i suoi interventi i n materia di regolamenti sempre precisi e puntuali) non preveda questo (lui che con Aldo Spadoni e Marco Bognetti qualche merito sulla stesura delle "regole di casistica" credo l'abbia) e si ostini a dar contro alla giuria sulla non applicazione delle regole...................... Per dirimere ogni dubbio; ebbene si sono un giudice di gara!

@20100
1 giugno 2015 11:13 angelofrancini
A scanso di equivoci: non ho scritto le regole di casistica, semmai alcune sono state modificate a seguito di alcuni fatti che mi hanno visto coinvolto (chiedere a Danilo Mugnaini). Vero che con Spadoni, Farulli e Meloni abbiamo scritto i Regolamenti Tecnici che ancora sono vigenti benché siano passati 15 anni....
Estensione fine rifornimento: nessuno lo ha comunicato in corsa.
Io invece sono un ex-giudice: ho smesso nel 1984....

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Se non l'avessi vissuta dal vivo, stenterei a crederci. È successo davvero: l'Italia del ciclismo è nell'Olimpo. Il quartetto azzurro si è tramutato d'oro firmando un nuovo record del mondo: 3'42”032. La Danimarca, che tanto ci ha fatto innervosire negli...


Doppio colpo per la Intermarché-Wanty-Gobert Matériaux che annuncia l'ingaggio dei norvegesi Alexander Kristoff, vincitore di 79 gare tra i prof, e di Sven Erik Bystrøm, ex campione del mondo U23. L'esperto duo di Stravanger sta attualmente gareggiando per l'UAE Team...


Sventola la bandiera colombiana sul traguardo della seconda tappa della Vuelta Burgos 2021. Juan Sebastian Molano, velocista 26enne della UAE Team Emirates, ha ottenuto la prima affermazione stagionale anticipando sulla linea bianca il veneto Alberto Dainese (Team DSM).Terzo gradino del podio...


Anche in Romania sventola il tricolore. Andrea Guardini si è aggiudicato la prima tappa del Tour of Szeklerland, da Târgu Mureș a Odorheiu Secuiesc di 124 chilometri. Lo sprinter del team Giotti Victoria Deu Savini ha regolato l'austriaco Daniel Auer...


Cambia decisamente volto la Bora Hansgrohe per le prossime stagioni e lo fa annunciano i contrati triennali firmati con Jai Hindley, Sergio Higuita e Marco Haller. «La firma di Jai, Sergio e Marco è un passo importante verso un'ulteriore mutamento...


Doppio annuncio per la Groupama FDJ che ingaggia per le prossime due stagioni Quentin Pacher e Michael Storer. Il 29enne francese e il 24enne australiano, recente vincitore del Tour de l'Ain, rafforzeranno il gruppo degli scalatori del team francese. ...


Grandissima emozione in casa Biesse Arvedi Premac! Il nostro Francesco Lamon, con Simone Consonni, Jonathan Milan e Filippo Ganna regala un oro storico all'Itala nel quartetto e il record del mondo. Francesco ha sposato il progetto Arvedi Cycling, fortemente voluto...


Ivano Fanini nella sua carriera di scopritore di talenti, ne ha lanciati davvero tanti e tra questi c'è anche Marco Villa, attuale tecnico della nazionale italiana e responsabile della pista. Con Fanini, Villa ha vinto un mondiale, quindi è naturale...


L’avventura olimpica della nazionale italiana al velodromo di Izu continua domani con l’omnium che vedrà impegnato a Elia Viviani.Il veronese è campione olimpico uscente anche se la specialità da Rio 2016 è completamente cambiata: allora erano sei specialità in due...


Il primo vagone, colui che apre le danze, che fa carburare i motori e lancia i compagni. Francesco Lamon verrà ricordato come il grande apripista di questo quartetto azzurro che ha fatto la storia: «La partenza è delicata perché non devo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI