VAN AVERMAET. «Sono un corridore onesto»

PROFESSIONISTI | 16/04/2015 | 15:27
«Sono un corridore onesto e non ho mai fatto niente di male. Solo una volta ho usato il cortisone e avevo una ricetta che ne giustificava l’uso».
È sotto choc, Greg van Avermaet, dopo la richiesta di due anni di squalifica presentata dalla procura della Federciclismo belga.
«Il procuratore federale dice che ho assunto cortisone il 29 marzo, tre giorni prima del Giro delle Fiandre, ma non è vero, l’ho utilizzato solo una volta, il 12 aprile 2012, il giorno dopo la Freccia del Brabante, per curare un problema al tallone. Il dottor Mertens? Se non ci sossi andato non sarei qui, ma insisto nel dire che lui non ha fatto nulla di sbagliato con me. E' un buon medico, non si può dire il contrario. Il Vaminolact? Ho una ricetta per questo farmaco, ma non l’ho mai né acquistato in farmacia. Non è stato facile continuare a correre in queste condizioni, non è stato facile restare concentrati: ora spero che la commissione utilizzi il buon senso e giudichi in maniera giusta».
Copyright © TBW
COMMENTI
letterina
16 aprile 2015 18:48 giiocas
" caro Gesù bambino ecc. ecc. per chi ci crede ancora. Si, si va bene continuiamo così che tanto è lo stesso. Ma non l'hanno ancora capita? Liberarizzare!!! Se poi uno vuole finire i suoi giorni prima del tempo, scelta sua. O no?

Liberalizzare stoca!!
16 aprile 2015 20:32 Bartoli64
Liberalizzare STOCA caro giiocas!!
IL CICLISMO E’ UNO SPORT e non una baracconata stile wrestling dove vince chi se la spara più grossa!

A me non importa che chi prenda porcherie per vincere (o peggio ancora per finire almeno le corse) finisca prima del tempo i suoi giorni.

A me importa di vedere uno spettacolo sportivo combattuto nel pieno rispetto delle regole e dell’etica sportiva - e che sta in piedi anche grazie ai miei soldi - e non una fiction spudoratamente artefatta (e artificiale) magari decisa all’interno di uno studio medico.

Bartoli64

va be
16 aprile 2015 23:28 viga
sempre lostesso denominatore comune impossibile fare pulizia pultroppo ognuno ha una storia diversa tutti sono innocenti e andiamo avanti tanto sta finendo il ciclismo ormai.........di luca di luca meditate gente meditate

Cosi non si può andare avanti!
17 aprile 2015 08:02 The rider
Va bene la presunzione d'innocenza, ma se ci sono le prove di una malefatta il corridore se non confessa tutto (soprattutto chi lo ha aiutato a doparsi e come) va radiato, non solo chi lo ha aiutato va allontanato PER SEMPRE dal Ciclismo, altrimenti non ne veniamo più a capo.
Ultima cosa, non è ammissibile aspettare decenni per sapere se il corridore è innocente oppure colpevole.
Pontimau.
PS: D'accordo con Bartoli64, il Ciclismo è sport non fiction, quindi non si libera una mazza!!!!!

ma allora
17 aprile 2015 13:25 geom54
quale appellativo si potrebbe pure dare agli assidui frequentatori di cime HIMALAYANE e consimili disseminate geograficamente qua e la;
forzare/abituare, il confine fra i due termini risulta molto labile, il proprio sangue a mutare "naturalmente" di consistenza con soggiorni infallibilmente programmati intermezzati con allenamenti e quindi da gare;
si potrebbe anche proseguire forse!!!!?? ..... nel ragionamento, ma ci si limiti a considerare che la forza del soldo consente in maniera "naturale" ad alcuni non pochi di mutare in tempi opportunamente ben programmati i propri valori e rimanere quelle poche dita sopra gli altri per lunghi periodi;
poi chiaramente l'asino non sarà mai veloce come il cavallo, ma certamente non pochi di questi servono per tirare innanzi ai già cavalli e/o puledri scalpitanti.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La domanda che nel corso della sua santa esistenza Bartali si è sentito porre con più frequenza è questa: “Chi ha passato la borraccia?”. Se avesse avuto davanti un coppiano, il buon Gino rispondeva che gliela aveva data Fausto, viceversa...


Come se non bastasse la mazzata della pandemia, altre situazioni negative stanno penalizzando il ciclismo. Ne parliamo con Fabio Sabatini, figlio d'arte - anche papà Loretto è stato un ottimo ciclista - 35enne originario di Monsummano ma che risiede a...


Ancora nulla da fare per gli sport di squadra in Emilia Romagna. «Stiamo monitorando quotidianamente la curva dei contagi - afferma Gianmaria Manghi, responsabile delle segreteria politica della Giunta regionale - ancora non abbiamo deciso un giorno per la riapertura...


Massimo Ghirotto è stato uno di quei logotenenti che avevano doti e capacità per cogliere vittorie importanti e da oltre dieci anni racconta il Giro d'Italia dal cuore della corsa per RadioRai. E ha accettato il nostro invito per partecipare...


Da ormai un trentennio Alberto Brambilla si dedica allo studio del rapporto fra sport e scrittura: in questa ricerca affondano le radici di questa antologia critica dedicata al luinese Vittorio Sereni - sfegatato tifoso interista e fervente ammiratore del campionissimo...


Non si pone obiettivi particolari, gli basta lottare con gli avversari più forti per la vittoria. Gabriele Arzilli è il figlio dell'ex professionista Fabrizio Arzilli, due stagioni alla Cantina Tollo, dal quale ovviamente ha erediato la passione per il ciclismo....


La stagione 2020 era stata interrotta, prima ancora di cominciare agonisticamente, a causa del diffondersi della pandemia di Coronavirus all’inizio di marzo. Da allora in tutto il mondo lo sport, e non solo, si è fermato. Anche gli atleti del...


Durante l’assemblea generale del CPA che si è tenuta a fine giugno la divisione femminile ha avuto modo di presentare ufficialmente membri e ambasciatrici del CPA Women. Approfittando della presenza del presidente dell’UCI David Lappartient, le cicliste hanno ringraziato l’Associazione...


L’UCI fa il punto sulle corse annullate e sui programmi di ogni specialità alla luce della crisi pandemica. Ecco la situzione aggiornata: Mountain bikeLe manche della Coppa del Mondo di Mountain Bike UCI Mercedes-Benz 2020 di Lenzerheide (Svizzera) e Les Gets...


Il primo colpo di pedale sarà dato domani mercoledì 8 luglio alle ore 18 presso Opendream in Via Noalese, 94 a Treviso, alla presenza delle maggiori autorità locali. Un progetto ambizioso, che darà vita ad un nuovo concetto di benessere...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155