PLEBANI. Tra gli U23 per dimostrare il mio valore

CONTINENTAL | 29/12/2014 | 17:12

Se oggi corre in bicicletta lo deve a un calendario delle categorie giovanili che era appeso nel Bar dei suoi  genitori. Così Davide Plebani, bergamasco doc, è salito anno dopo anno alla ribalta del ciclismo giovanile fino a conquistare, quest'anno, il titolo tricolore su strada della categoria juniores (17-18 anni) che si è svolto a San Paolo d'Argon che da Sarnico, dove Plebani vive con la sua famiglia, è distante si e no una ventina di chilometri. "I miei genitori sono molto appassionati ed è grazie a loro che ho imparato a conoscere la bicicletta- spiega Davide 18 anni-. Da Giovanissimo G5 ho scelto di concentrarmi sul ciclismo perchè è uno sport che sa regalare emozioni uniche, nonostante comporta molti sacrifici e rinuncie che però vengono ripagate dalle vittorie, ma anche dalle esperienze di vita". Plebani ha chiuso il 2014 nel Team Lvf con sette successi e, oltre al campionato italiano, si è aggiudicato il titolo regionale di categoria e quello riservato agli Studenti, e la 4.tappa della Tre Giorni Orobica. E' stato anche in nazionale indossando la maglia azzurra agli europei su strada (6° a Nyon, Svizzera) e ai mondiali su pista in Corea, dove si è piazzato quarto nell'Inseguimento a squadre e quinto nell'Omnium. Avrebbe dovuto correre anche la prova iridata su strada a Ponferrada (Spagna) ma una indisposizione lo aveva costretto a rinunciare. Con questi requisiti Plebani è atteso al salto di categoria, che avverrà dal prossimo anno nella formazione continental Unieuro Wilier Trevigiani. Cosa ti sapetti? "Come inizio vorrei dimostrare il mio valore, che fin qui ho cercato sempre di migliorare. La voglia di far fatica non mi manca, ma so quello che comporta il cambio di categoria, con gli under 23 sarà tutta un'altra musica, bisognerà essere competitivi ad alti livelli e anche gli allenamenti richiederanno maggior tempo e sacrificio". Pista o strada. Che intenzioni hai per il futuro? Alternare l'attività oppure concentrerai tutto sulla strada? "Un programma ben definito non esiste e con la mia nuova squadra non l'abbiamo ancora affrontato - tiene a precisare Plebani-. So di poter lavorare bene sia su strada che su pista il mio pensiero o preoccupazione è solo quello di non poter trovare il tempo necessario per svolgerle entrambe bene, visto che in mezzo ho anche la scuola". Oltre a pedalare cosa fai nella vita? "Lo studente. Frequento la scuola professionale di Seriate come elettricista e quando mi capita di avere qualche ora libera colgo l'occasione per passarla con gli amici". 


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Le previsioni meteorologiche annunciamo per mercoledì 8 dicembre una giornata caratterizzata dall’arrivo delle neve a Brinzio, classica località che accoglie ogni anno l’8 dicembre la Pedala con i Campioni – Memorial Michele Scarponi. E’ per questo motivo che gli organizzatori...


Mark Cavendish vestirà la maglia della Deceuninck Quick Step per un'altra stagione. Dopo essere arrivato all'inizio del 2021 per quella che si è rivelata una stagione storica, Mark rimane a far parte del Wolfpack, squadra con cui è tornato a...


Ventidue biciclette rubate, due dovranno presentarsi venerdì prossimo al Tribunale penale di Lilla. «Marcq-en-Baroeul disterà una decina di chilometri scarsi – racconta oggi Ciro Scognamiglio sulla Gazzetta dello Sport - : è lì che nella notte tra il 22 e...


Sarà stato fortunato, ma sicuramente bravo. Lorenzo Fortunato riparte da dove in pratica è partito e si è palesato al mondo: dallo Zoncolan, dove sabato scorso si è ripresentato per l’inaugurazione della nuova seggiovia dedicata al Giro d’Italia. Oggi La...


Una vita interamente dedicata alla bicicletta, un dinamismo, una lucidità e un entusiasmo mostrati ad ogni uscita pubblica, fino a un paio di mesi fa. Giovanni Meazzo, morto domenica a 93 anni, era la memoria storica del ciclismo alessandrino. Era...


Faè di Oderzo sta per diventare, per la 19^ volta, la capitale del ciclocross italiano. I rinomati vitigni di Prosecco di Borgo Barattin, nel cuore della pianura trevigiana, faranno come sempre da cornice al Ciclocross Internazionale del Ponte, 4^...


La Federazione Ciclistica Italiana ha tagliato ieir il traguardo dei 136 anni di storia. Nel bel libro di Roberto Livraghi “Pista! Alessandria capitale ciclistica della Belle Epoque” si ricorda nel dettaglio la prima corsa di velocipedi...


Immaginate la scena: è la sera del 22 ottobre, Ashton Lambie ha appena realizzato il suo sogno di vincere il titolo mondiale dell'inseguimento su pista e rientra nel suo albergo a Roubaix. Ha ancora addosso la maglia iridata, deve ancora...


A Vermiglio i cannoni non serviranno e ieri, dopo abbondanti nevicate, è stato ultimato il tracciato della tappa di Coppa del Mondo in Val di Sole che sabato e domenica accoglierà i big del ciclocross. Sarà un circuito di 3...


Prosegue il dibattito sullo stato del ciclismo giovanile. Dopo l’appello e le argomentazioni di Daniele Di Batte relativamente alla categoria Giovanissimi in provincia di Livorno, tuttobiciweb raccoglie ora l’intervento di Roberta Santini, vicepresidente provinciale della Federciclismo labronica che si fa...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI