SCATTO FISSO. Santaromita se la prende comoda

PROFESSIONISTI | 24/11/2014 | 11:35
Corridori d’inverno, corridori che si allenano ma che se la prendono easy perché l’inizio delle gare è ancora lontano. Questa mattina abbiamo fatto due chiacchiere con Ivan Santaromita, il trentenne varesino ex tricolore, in forza alla Orica GreenEdge: l’abbiamo raggiunto in palestra dove lavora per  preparare il 2015 con tanta voglia di riscattare un’annata contraddistinta da problemi fisici. “Santino”, tra una ripetuta e l’altra, ci ha svelato la sua preparazione e i suoi programmi.

Partiamo dal tirare le somme sul 2014.
«Sarebbe meglio dimenticarlo, non è proprio stato l’anno che avevo programmato e desiderato. Considerato che debuttavo in un nuovo team e soprattutto con indosso la maglia prestigiosa di Campione d’Italia, volevo onorarla ma non ci sono riuscito. Ho iniziato la stagione in Argentina, al Tour de San Luis, e lì devo aver contratto un virus debilitante o qualcosa del genere. Rientrato in Italia ho commesso la leggerezza di non andare a fondo al problema, di trascurare il fatto che non riuscivo ad esprimermi al meglio, così mi sono portato dietro questo fardello fino al Giro d’Italia. Nel corso della Vuelta a España sembrava stessi ritrovando la condizione dei giorni migliori quando sono caduto rompendomi un dito e sono stato costretto a tornarmene a casa. La ruota, come si suol dire, non è per niente girata bene».

Sei stato in vacanza?
«No, perché mia moglie Chiara era impegnata con il lavoro (è maestra d’asilo, ndr) e non aveva ferie. Ci siamo concessi solo un week end a Venezia. Con la bici però ho staccato da Il Lombardia fino a una settimana fa, a metà novembre, anche se qualche giretto in mtb per i sentieri di Varese l’ho fatto per tenermi in forma cambiando un po’ aria, visto che la strada mi aveva annoiato. Ora ho ripreso a uscire con la bici da strada, alternata alla palestra e a un po’ di mtb».

Sai già dove inizierai la stagione?
«Il calendario definitivo non ce l’ho ancora, la settimana prossima mi riunirò con la squadra a Saint Moritz e definiremo un programma di massima. Penso di iniziare a correre verso marzo, anche per questo me la sto prendendo con un pochino più di calma rispetto agli ultimi due anni, nei quali attaccavo il numero sulla schiena già a gennaio. Nei primi mesi la squadra sarà impegnata solo al Tour Down Under, Tour of Qatar e Oman, i ragazzi non schierati a queste tre gare iniziano tutti a marzo. A gennaio andrò in ritiro con la squadra in Spagna 15 giorni, a febbraio abbiamo in programma un training camp di due settimane in Sudafrica. Con la fortuna che ho di questi tempi, speriamo di non prendere l’ebola…(scherza, ndr)».

Cosa ti sei messo in testa per la prossima stagione?
«L’obbiettivo è riscattare l’annata storta vissuta, ma preferisco avere pochi programmi piuttosto che particolari ambizioni, perché quando pianifichi il minimo dettaglio in genere va tutto a rotoli. Sinceramente mi auguro solo di avere dalla mia la salute e un pizzico di fortuna in più, se così sarà sono sicuro che riuscirò a fare delle belle cose. Valutando i percorsi dei grandi giri, mi piacerebbe essere al via del Tour, piuttosto che del Giro visto che in Francia non c’è una crono di 60 km e il percorso è più adatto a uno scalatore come me. Di sicuro disputerò la Vuelta, ma il programma dipenderà anche dalla squadra, che quest’anno mi affiancherà giovani di talento come Esteban Chaves e i fratelli Adam e Simon Yates a cui cercherò di fare da chioccia, trasmettendo loro la mia esperienza».

Giulia De Maio

SCATTO FISSO - già pubblicati

Matteo TRENTIN; Michele SCARPONI; Manuel QUINZIATO; Rinaldo NOCENTINI
Copyright © TBW
COMMENTI
ancora x Vegni
24 novembre 2014 13:34 bernacca
anche il bravo Ivan farà di sicuro la Vuelta (come giro di riparazione n.d.r.)
mentre forse non farà il giro .

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È tornato a respirare aria pura pochi minuti fa, in questo m pomeriggio di sole, e finalmente ha potuto tornare a casa dopo una settimana di ricovero in ospedale. Davide Boifava racconta così a tuttobiciweb la sua disavventura: «È accaduto...


Il momento di rimettere il numero sulla schiena è arrivato anche per la Zalf Euromobil Désirée Fior: sabato 11 luglio a Roveredo di Guà (Vr), andrà in scena la Ciclismoweb Crono Challenge - Berti Group, la gara a cronometro individuale che segnerà la...


Dopo essersi immerso nella cultura italiana alla Pinacoteca di Brera e essersi cimentato ai fornelli come “Chef Sagan”, il fuoriclasse slovacco della BORA – hansgrohe si inventa sarto nell’Atelier di Ermenegildo Zegna. A fargli da modello, Giuseppe Sala, Sindaco di...


Seconda puntata dopo la ripartenza per Radiocorsa, il talkshow settimanale di Raisport HD, condotto in studio da Andrea De Luca. Questa sera alle 19.30 potremo seguire dai loro ritiri gli interventi di Vincenzo Nibali, Giulio Ciccone, Fausto Masnada ed Elia...


Ciclismo veneto in lutto: addio all'imprenditore Italo Michelin„ Si è spento ieri l'imprenditore Italo Michelin, fondatore e presidente della Fac Michelin, una delle storiche aziende trevigiane del settore delle biciclette. Aveva 97 anni. Ciclismo veneto in lutto: addio all'imprenditore Italo Michelin„Fino...


Pochi minuti dopo il comunicato del Team Ineos, ecco quello della Israel Start-Up Nation: «Chris Froome correrà con noi dalla stagione 2021». «È un momento storico per la Israel Start-Up Nation, per lo sport israeliano, per i nostri tifosi e...


È il primo tassello ufficiale di una trattativa che va avanti da tempo: il team INEOS ha confermato oggi che non rinnoverà il contratto di Chris Froome alla fine di questa stagione. Sir Dave Brailsford ha dichiarato: «Il contratto di...


Il grido di allarme di Gaetano “Nino” Daniele è stato composto, misurato e responsabile, il tutto dettato da buonsenso e senso della realtà. Il noto medico dello sport, responsabile sanitario di Trek Segafredo, sa perfettamente, come i suoi colleghi e...


Il prologo del Sibiu Tour è uno dei suoi obiettivi e Matthias Brandle ci arriverà con una motivazione speciale: il trentenne austriaco ha infatti firmato un rinnovo biennale del contratto che lo lega alla Israel Start-Up Nation, formazione alla quale...


La quarantena di Nicolas Roche non è andata poi così male: il balcone vista Montecarlo - dove Nicolas è residente da 8 anni - non è certo da buttar via. Allenamenti, gare virtuali, e ogni tanto, soprattutto nel week-end, un...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155