EX PROF TRIVENETO. Premi per sei campioni del mondo

PREMI | 30/10/2014 | 09:13
Sei ex campioni del mondo professionisti - il vicentino Marino Basso, iridato a Gap nel 1972; il trentino Francesco Moser (a San Cristobal nel 1977); il veneziano Moreno Argentin (a Colorado Springs nel 1986); il trentino Maurizio Fondriest (a Ronse-Renaix nel 1988); la vicentina Alessandra Cappellotto (a San Sebastian nel 1997 - prima donna italiana a vincere il titolo) ed il trevigiano Alessandro Ballan (a Varese nel 2008) - saranno alcuni dei protagonisti del 40° Convegno dell'Associazione Glorie del Ciclismo Triveneto in programma domenica 9 novembre, con inizio alle ore 12, nell'Hotel Antica Postumia di Vedelago, in provincia di Treviso. A sottolinearlo sono stati i dirigenti del sodalizio guidati dal presidente Mario Beccia.  
  Il grande evento, preparato per festeggiare i 40 anni di attività dell'Associazione che comprende i corridori delle regioni Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige, ha l'obiettivo di premiare le promesse ovvero i corridori del NordEst d'Italia delle varie categorie giovanili che si sono distinti nella stagione da poco conclusa e ha come slogan "I Corridori di ieri premiano le promesse di oggi".
A ricevere i riconoscimenti saranno i campioni di oggi ma anche del futuro come l'Europeo veronese Edoardo Affini (Contri Autozai), tra gli Juniores; il veneziano campione italiano della pista, Leonardo Marchiori (Mirano), il tricolore su strada veronese Luca Mozzato (Cage Capes-Vc Silvana) e l'altoatesina e campionessa italiana Elena Pirrone (Mendelspeck), tra gli Allievi ed il friulano Elia Staffus (Vc Latisana), tra gli Esordienti. A ricevere il premio destinato alle società che svolgono con grande impegno e passione il lavoro nel settore giovanile sarà il Team Velociraptors di Torre di Mosto (Venezia) presieduto da Valter Prataviera. Il sodalizio è un'autentica scuola di vita e di sport per i ragazzi che si avvicinano al ciclismo ed in modo particolare al fuoristrada.
  I "Premi Fedeltà", destinati ai soci che hanno partecipato attivamente alla vita del club, andranno all'indomito Aldo Moser e, alla Memoria, a Vito Favero; mentre quello alla carriera sarà consegnato alla mitica "mamma volante", l'altoatesina Maria Canins. Un riconoscimento alla Memoria sarà consegnato alla famiglia di Giovanni Pinarello, fondatore e primo presidente dell'Associazione Glorie del Ciclismo Triveneto.
  Il 40° Convegno delle Glorie del Triveneto, patrocinato della Provincia di Treviso, è stato realizzato con la collaborazione di sponsor grandi amici del ciclismo come lo stesso "Hotel Ristorante Antica Postumia", la "Terre di Ger" di Gianni Spinazzé, il "Lago le Bandie", l'"Hotel Garden Beach", la "GSG-Global Sports Gear" di Simone Fraccaro, l'"Astoria", la "Northwave", l'"Azienda Agricola Moser", la "Fdb", il "Club 88 Maglierie Antonella", la "Sara Sport Line" e la "Safi".

Francesco Coppola

Il direttivo dell'Associazione:
Francesco Moser (presidente onorario); Mario Beccia (presidente); Simone Fraccaro (vice presidente vicario); Alessandra Cappellotto ed Aurelio Cestari (vice presidenti); Aldo Moser (vice presidente Trentino-Alto Adige); Italo Bevilacqua (vice presidente Veneto); Dino Borgobello (vice presidente Friuli-Venezia Giulia). Paolo Amadio, Andrea Barro, Attilio Benfatto, Aldo Beraldo, Bruno Carraro, Luciano Dalla Bona, Federico Galeaz, Renato Giusti, Lucillo Lievore, Sergio Toffoletto, Romano Tumellero e Giovanni Zanon (componenti). Revisori dei Conti: Renato Giusti (presidente); Dino Borgobello e Pier Antonio Bernardelli (componenti).

Gruppo Operativo:
Aurelio Cestari (presidente e pubbliche relazioni); Italo Bevilacqua (rapporti con la Federazione Ciclistica Italiana); Paolo Amadio, Attilio Benfatto, Aldo Beraldo, Adriano Filippi, Pietro Guerra, Rino Piccoli, Dino Netto, Giovanni Zanon, Sergio Toffoletto, Lucia Pizzolotto e Stefano Zanatta (componenti).
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Dopo il Giro di Romandia, una seconda gara di WorldTour getta la spugna e cancella ufficialmente l'edizione 2020. Gli organizzatori della  E3 Binck Bank Classic hanno deciso di tornare nel 2021 e in una dichiarazione rilasciata a Wielerflits il capo...


  Ieri ho scritto di Italo Mazzacurati, oggi mi occupo di Mario Minieri. Sono sempre i reperti archeologiciclistici, inediti e dimenticati, di quell’incontro del 2003, o forse del 2004, tra Bologna e Ozzano, da cui nacque il libro “Una vita...


La pandemia di Covid-19 ha fermato lo sport e modificato le nostre abitudini ma, nonostante tutto, ci sono persone che in questo periodo tagliano traguardi importanti e prestigiosi, per cui hanno faticato tanto. È il caso di Alice Gasparini, ventiduenne...


Davide De Cassan è di Cavaion Veronese, 20 km da Verona, ed ha compiuto 18 anni il 4 gennaio. Già nell'orbita della Nazionale Italiana, l'anno scorso si è classificato infatti al secondo posto nella gara di osservazione di Ascoli Piceno...


Il Tour de Langkawi è una corsa molto italiana, soprattutto grazie ai velocisti. Basti pensare ai ventiquattro successi di tappa di Andrea Guardini... Per trovare un azzurro in grado di vincere la classifica generale si deve risalire al 2001, alla...


È una cosa nota ai più, l’industria tessile ha un fortissimo impatto nei confronti dell’ambiente, un produzione di emissioni di monossido di carbonio e inquinanti che la mette al secondo posto dietro al comparto che lavora il petrolio. Endura, brand scozzese...


Combattivo di natura, con il ciclismo nel cuore, profondendo il massimo impegno, motivandosi senza conoscere la fatica, senza arrendersi alle difficoltà. Questi è Marco Zamparella, 32 anni, sanminiatese di nascita. La sua strada nei momenti più importanti della carriera professionistica...


  In questo momento particolare  di emergenza, arriva la testimonianza da parte dell’USD Montecarlo, attraverso le parole del suo presidente Ferdinando Di Galante e del dirigente sportivo Stefano Bendinelli, in un comunicato che vuol essere la testimonianza dei ragazzi tesserati...


Ancora un mese, forse un mese e mezzo di speranza. Il Tour de France vuol sfruttare tutto il tempo a disposizione prima di decidere la sorte dell'edizione 2020. Secondo l'emittente belga RTBF, la tv di lingua francese, la dead line...


Venerdì 20 marzo la Usada (agenzia statunitense antidoping) ha comunicato la squalifica per 4 anni inflitta a John Gleaves, a decorrere dal 31 agosto 2019, data della sua posività a tre sostanze: clomifene e idrossi-clomifene (inibitori ormonali) e oxandrolone (steroide)....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155