Contador: «Sarò al Giro se la Spagna potrà vedermi in tivù»

PROFESSIONISTI | 20/09/2014 | 17:17

«Vengo al Giro d’Italia, è vero, ma ad una sola condizione: voglio che la corsa rosa sia trasmessa anche dalla tivù spagnola».  È stata questa la richiesta di Alberto Contador espressa oggi a Bormio a Mauro Vegni, precipitatosi nella località valtellinese dopo l’annuncio di ieri in conferenza stampa dell’evento RH.

«Amo l’Italia, questa corsa è nel mio cuore, per la gente, i percorsi e la bellezza dell’evento. La prima volta sono venuto in Italia contro voglia, obbligato dal team Astana. Gareggiavo contro italiani che volavano ma la regolarità mi ha permesso di vincere. In quel Giro, dopo una settimana, il mio team manager (Johan Bruyneel, ndr) mi chiese di tornare a casa ma io mi opposi e rimasi in corsa perché volevo vincere. Quello è uno dei ricordi ciclistici più belli che ho». 

Mauro Vegni ha appreso della notizia della presenza della partecipazione al Giro di Contador dalle numerose telefonate da cui è stato subissato dopo l’annuncio del campione di Pinto. Subito ha chiamato in Valtellina per avere la conferma.

«Mi era stata lasciata una porta aperta – spiega il direttore del Giro – ma non pensavo arrivasse così presto l’annuncio. Dopo il Tour sfortunato del 2013 non credevo ad una partecipazione alla nostra corsa quest’anno.: sapevo che Alberto voleva tornare a lottare per la maglia gialla. Ora nel 2015 ha lanciato una grande sfida».

Vegni e Contador si sono confrontati oggi pomeriggio dopo pranzo in una saletta appartata dell’Hotel Palace. Un meeting molto breve, i punti erano già chiari, andavano solo trattati di persona.

da Bormio, Pietro Illarietti

Copyright © TBW
COMMENTI
Per favore divinità del ciclismo,o babbo natale...
20 settembre 2014 19:16 XMarcoClaX
Voglio vedere Nibali Contador froome e quintana l\'uno contro l\'altro sia al giro che al tour...non chiedo tanto...tutti pari condizioni...(poi se andassero pure alla vuelta...ma quello è proprio impossibile)

Bravo Contador!
20 settembre 2014 20:27 giannitendola
Anche noi sportivi italiani vogliamo vedere la Vuelta alla TV italiana (raisport 2) e non solo il giro e il tour

Gianni Tendola
20 settembre 2014 22:52 mak1968
Infatti nel 2015 Raisport trasmetterà la Vuelta in diretta

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Mattia Frapporti, ventisei anni il prossimo 2 luglio, è un altro dei professionisti che vivono nella provincia di Brescia, una delle più colpite dalla pandemia Coronavirus. E’ passato tra i prof nel 2017 ed è sempre rimasto alla corte del...


  Immaginate di essere in un bar dello sport, fra vecchi della “parrocchia”, a raccontare storie di ciclismo. Qui, ritrovate nei miei cassetti, ce ne sono di meravigliose. “Quando trovava Eddy Merckx, Gino Bartali gli diceva: ‘Vieni qui, che ti...


Gabriel Fede è, nel suo genere, un corridore polivalente: forte su strada, ottimo nel ciclocross, bravo in pista. Diciasette anni tra pochi giorni (sabato 11 per la precisione, ndr), Gabriel è una giovane promessa che risiede nel cunese, a Santa...


Lo zampino dei pro serve sempre, soprattutto in casi come questo. È così che nasce Watt, la nuova sella per il triathlon di Selle Italia sviluppata insieme al campione Patrick Lange e al Team BMC-VIFIT. Ovviamente c’è il grande lavoro del reparto...


La Granfondo Squali - Trek di Cattolica e Gabicce Mare dà appuntamento a tutti al 14-15-16 maggio 2021. per leggere l'intero articolo vai su tuttobiciìtech.it


Le differenze non sono mai state un problema. Professionista o no, performance-oriented o meno, La Passione Cycling Couture ha creato le sue collezioni tenendo in considerazione tutte le possibili esigenze. Esperienza e ossessionata ricerca dell’innovazione a disposizione di qualsiasi tipologia...


Il Gc Michele Scarponi comunica l’annullamento definitivo dell’edizione 2020 della Granfondo Michele Scarponi - Strade Imbrecciate. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Non solo dieci atlete Juniores pronte a dar battaglia nella categoria trampolino di lancio verso le “grandi” (Elite). Alle loro spalle, anagraficamente parlando, ci sono sedici “panterine” desiderose di crescere in sella e graffiare sui pedali in una stagione che...


  Marzo, aprile, maggio. Tre mesi di stop da parte della Federciclismo per l’emergenza sanitaria. Novanta giorni di sospensione e circa 120 le gare sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana che sono saltate ed alle quali vanno poi aggiunte quelle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155