TRICOLORI. Il Melinda e il ricordo di Marco Brentari

PROFESSIONISTI | 18/06/2014 | 08:44
Piccole, ma pensiamo importanti, considerazioni tratte durante la presentazione del Trofeo Melinda, anche quest’anno valevole come Campionato Italiano professionisti strada e del Campionato tricolore a cronometro del giorno dopo, durante la presentazione nella nuovissima e bellissima sede del Muse di Trento animata da moltissimi visitatori.
E’ la prima volta del Trofeo Melinda senza Marco Brentari, il creatore e l’anima della manifestazione. Marco Brentari non c’era ma il rimpianto e il ricordo affettuoso di tutti, rappresentanti delle istituzioni, amici del Consorzio Melinda e del Gruppo Sportivo Melinda, nelle differenti articolazioni – dirigenziali, tecniche e organizzative -, hanno ricordato con affetto e commozione Marco Brentari al quale è intitolato il memorial del 23^ Trofeo Melinda e il tracciato del campionato su strada, a circa metà percorso, passerà per due volte dalla sua Nanno, dove dal  1980 Brentari iniziò l’organizzazione di un duro circuito degli assi, come erano definiti, per undici anni. Una vera e propria festa con la partecipazione attiva di tutta la popolazione e i petali di rose preparati dalle ragazze lanciati dalle finestre durante il giro di presentazione dei corridori agli ordini bonari di Nino Recalcati, manager e, pure,  speaker di questo tipo di manifestazioni, ora rarissime.
Poi si è buttato anima e corpo, nel Trofeo Melinda, la sua passione che coniugava l’amore per il ciclismo e per le sue terre, la Val di Non e pure la Val di Sole.
Non ricordi di maniera ma vere e proprie testimonianze d’amicizia si sono intrecciate nella Sala Conferenze del Muse, senza retorica (Marco non avrebbe gradito….) ma con commozione. Commozione che ha mostrato anche – e perfino, viene da dire, come hanno rilevato molti dei presenti che lo conoscono bene – Francesco Moser che era legato a Marco e alla sua famiglia da lunga, lunghissima, amicizia. Entrambi, con orgoglio, amavano definirsi “contadini”. Sono entrambi “conti della zolla”, per usare una definizione di Gianni Brera, ma nell’accezione più alta e nobile del termine. Marco Brentari ha seminato bene e i frutti, anche ciclistici, si vedono e continuano a fiorire rigogliosamente, come i suoi amati meli della Val di Non in primavera.
Ci fermiamo qua altrimenti il ruvido brontolio, con rimbrotti, di Marco Brentari ci raggiunge. Lo pensiamo però sicuramente soddisfatto dei suoi ragazzi di varie età – alcuni, anzi molti, rientrano a stento nella giacca rossa originaria della divisa del G.S. Melinda…. – per il lavoro svolto per un “Melinda grandi firme” che si prospetta.

g.f.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
  Un Gran Premio Industria e Artigianato con al via diverse stelle del ciclismo internazionale. Non è cosa da tutti i giorni e per questo è giustificata la soddisfazione dell’U.C. Larcianese e del presidente Gabriele Varignani. Peccato solo che essendo...


Scatta oggi la Parigi-Nizza, tradizionale appuntamento dell'inizio di primavera. La Corsa del Sole propone una prima tappa non scontata, con partenza e arrivo a Sant-Cyr L'École, 166 km. Siamo a sud di Parigi e il percorso propone due giro di...


È una scelta interessantissima, ancor di più se consideriamo le parti in gioco. POC e MIPS® inaugurano una nuova fase del loro rapporto con una notizia bomba, infatti, tutti i nuovi caschi POC saranno equipaggiati dal 2021 con il nuovo...


  Ivo Luigi Bensa, molto prossimo alle ottantacinque primavere, imperiese di nascita e residenza, commendatore della Repubblica, Stella d’oro CONI (per 39 anni è stato presidente del CONI di Imperia), Commissario F.C.I. dal 1970 al 1993, con un palmarès di...


Dopo la Strade Bianche di ieri, si scrive oggi a Montignoso - sempre in Toscana- un'altra pagina di ciclismo femminile. Si corre infatti il Trofeo Oro in Euro che vedrà al via un lotto di atlete di tutto riguardo, tanto...


Mercoledì 12 maggio la città di Cattolica si tingerà di rosa grazie al ritorno del Giro d’Italia sulle sue strade a oltre 40 anni dall’ultima volta. Sulla carta si tratta di una tappa completamente pianeggiante, disegnata su misura per le...


Sottrarre rifiuti alle discariche, dare vita a nuove materie prime seconde, fare corretta informazione e sensibilizzazione sul tema dell’economica circolare e sviluppare nuove tecnologie. Il progetto Esosport prende ufficialmente forma grazie alla collaborazione tra Regione Marche, Legambiente Marche e le Federazioni regionali...


Dopo aver vinto la Strade Bianche nel 2019 al suo debutto ed essere stato messo fuori dai giochi per una serie di forature lo scorso anno, il francese Julian Alaphilippe è tornato sul podio della classica toscana, arrivando secondo alle...


Dopo la vittoria dello scorso anno, Wout van Aert oggi a Siena si è accomodato ai piedi del podio. Un quarto posto per il corridore della Jumbo-Visma che certamente si aspettava un risultato migliore. «Abbiamo preso il controllo della gara,...


Mi pare proprio che non ci si possa più confondere: in tema di corse in linea, l'Italia ha il ciclismo più fiacco del mondo, ma ha la corsa più bella del mondo. Questa sì “La corsa più dura del mondo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155