Davide Rebellin, sul suo sito, spiega le ragioni «argentine»

| 31/08/2004 | 00:00
La notizia è ormai di dominio pubblico, soprattutto in ambito ciclistico: Davide Rebellin ha avviato le pratiche burocratiche per richiedere la cittadinanza argentina, il tutto per poter correre il Mondiale di Verona il prossimo 3 di ottobre. Alla base di questa importante scelta da parte del corridore veneto - si legge nel sito del corridore veneto (www.rebellin.it), ci sono le due esclusioni dalla Nazionale italiana per i Mondiali di Hamilton (Canada- ottobre 2003) e dai recenti Giochi Olimpici di Atene, mai sensatamente motivate dal C.T. Franco Ballerini. «Sono ricorso ai ripari - spiega Rebellin - in vista dei Mondiali di Verona in ottobre, un appuntamento al quale non voglio assolutamente mancare, sono un corridore di primo piano e merito di gareggiare la competizione iridata. Tutto ha inizio dalla passata stagione, credevo che sarei stato chiamato in Nazionale per Hamilton ed invece non è stato così, oltretutto senza sapere ancora oggi il motivo dell'esclusione. Il C.T. Ballerini mi promise però che avrei fatto parte del gruppo dei cinque per Atene. Ma anche questa volta sono rimasto a casa, senza sapere il vero motivo. Non so se ci riuscirò - continua Rebellin - ad ottenere l'ok dall'Argentina, ma la mia grande voglia di correre a Verona mi spinge a fare il possibile. Avrei fatto volentieri a meno di compiere questo passo, avrei preferito difendere i colori della nostra nazionale al nostro Mondiale. Se tutto ciò è accaduto la responsabilità non è tutta mia, non sono stato rispettato per l'atleta che sono». Nel frattempo alla scelta di Rebellin fa immediatamente eco la replica del C.T. Ballerini che non condivide la strada intrapresa dal leader di Coppa del Mondo, il quale inoltre aggiunge che lo stesso Rebellin sarebbe stato di sicuro da Lui chiamato per Verona. «A questo punto è pure troppo facile - riprende Rebellin - dire che sarei stato convocato per Verona, perché già si da per sicuro il mio passaggio al paese sud-americano. E' solo una scusa per salvare la faccia. Non mi avrebbe portato comunque, questa è la verità. Spero solo di non doverci rimettere ancora una volta». Come già detto, a livello burocratico tutto è già stato avviato, a giorni si conoscerà l'esito della richiesta e di conseguenza se Rebellin (neo-cittadino argentino) potrà correre il Mondiale di Verona da avversario. Tutto questo, è meglio ripeterlo, "scaricato" scrupolosamente dal sito del corridore veneto con residenza monegasca e con ambizioni argentine.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Voce e immagini arrivano via zoom da Gran Canaria e portano nelle sale dell'Hotel Principe di Savoia il volto sorridente e la voce squillante di Pippo Ganna. «Peccato non poter essere con voi stasera, ma Marco Villa ci ha spedito...


Anche il mondo del grande ciclismo internazionale ha voluto essere protagonista nella Notte degli Oscar tuttoBICI. Brent Copeland, general manager del Team BikeExchange, ha voluto premiare in prima persona Cristian Rocchetta, miglior élite della stagione, consegnandogli il Gran Premio Bike...


Elisa Longo Borghini è ormai una presenza abituale alla Notte degli Oscar tuttoBICI e ieri sera ha ritirato ben due riconoscmienti, avendo vinto il Gran Premio Alé tanto nel 202 quanto nel 2021. «La medaglia olimpica di Tokyo è stata...


La campionessa europea e del mondo Lucinda Brand e Toon Aerts brindano al successo nel classico Urban Cross che stamane si è svolto a Kortrijk in Belgio nel contesto della challenge X2O Trofee. Ennesimo trionfo dunque per l'olandese Brand che...


Filippo Baroncini è salto visibilmente emozionato sul palco della Notte degli Oscar per essere premiato da Mauro Gianetti, general manager della UAE Emirates. «Ringrazio tuttoBICI per questo riconoscimento che a va ad arricchire e a chiudere idealmente quella che per...


Sappiamo che la legge lo permette, ma porsi qualche domanda è comunque lecito. Sappiamo che non è questa la sede deputata, che il nostro è un sito di ciclismo, ma il pensiero chiede spazio e merita una riflessione. Il camionista...


Diego Ulissi sale sul palco degli Oscar tuttoBICI con evidente emozione: non è la prima volta, per lui, ma il premio come miglior professionista del 2020 gli dà brividi speciali. «Il 2020 per me è stata un'annata davvero buona, iniziata...


Ho ancora negli occhi i suoi, lucidi e carichi di emozione, per quel raccontare raccontandosi con “Coppiebartali”, tutto attaccato, quasi a sancirne l’impossibilità di parlare di uno senza narrare dell’altro. Una storia di due campioni assoluti, sullo sfondo di un’Italia...


Sonny Colbrelli è lì, in albergo a Udine, pronto al collegamento con la Notte degli Oscar e tiene ben stretto tra le mani l'Oscar tuttoBICI che ha conquistato come miglior professionsita della stagione: «È un premio di cui vado orgogloso....


Cresce il gruppo dei corridori sudamericani alla Drone Hopper Androni Giocattoli. Nel 2022, infatti, nel  team arriveranno tre nuovi giovani corridori colombiani. Si tratta di Didier Merchan, Brandon Rojas e Juan Diego Alba. I tre rappresentano una volta di più la...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI