BALLAN. Situazione delicata, ma il peggio sembra passato

| 22/12/2012 | 12:27
Alessandro Ballan è stato operato per la seconda volta nel giro di ventiquattro ore in seguito alla drammatica caduta di giovedì, mentre si allenava in Spagna con i compagni della Bmc, e ha passato la notte in terapia intensiva, intubato e sedato. Poche ore dopo l'incidente, avvenuto scendendo dal Coll de Rates, nell'ospedale di Denia i medici spagnoli avevano subito asportato la milza all'ex campione del mondo. Ieri, dopo aver valutato positivamente l'evolversi dei parametri sanguigni, si è deciso per il secondo intervento e in serata è stata ridotta la frattura scomposta del femore sinistro. Oggi, se non ci saranno complicazioni, il trevigiano verrà riportato gradualmente in stato cosciente. «Tenere un paziente intubato e sedato è normale prassi dopo un intervento addominale — ha spiegato Kiko Llacer, uno dei medici dello staff dell'Unità di cure intensive della struttura alicantina —. Questa prassi si utilizza anche per evitare che il paziente soffra per i dolori fortissimi. Inoltre, nel caso di un'urgenza, è meglio agire su un paziente già stabilizzato. Se, come pensiamo, non ci saranno complicazioni, in una settimana Alessandro potrà tornare a casa».

Occhio al rene A tenere desta la preoccupazione dei medici, però, non è la milza, né il femore o il piccolo pneumotorace conseguente della frattura della 7ª, 8ª e 9ª costa, bensì il rene sinistro. «Non abbiamo dato il nulla osta al trasferimento in un altro ospedale proprio per questo — ha aggiunto il medico —. Al momento l'emorragia si è fermata e siamo ottimisti. Ma un'eventuale ripresa porterebbe verso la decisione dell'asportazione del rene, cosa che vorremmo e crediamo di potere evitare: in quel caso sì che la carriera sarebbe in pericolo». Parole incoraggianti accompagnate da bel un sorriso, in una sala d'attesa dove si mescolano gioia e angoscia, sorrisi e lacrime, vita e morte: qui attendono i famigliari delle puerpere e di persone aggrappate a un filo sottile di speranza. Ma quel sorriso è una bella iniezione di ottimismo.

Lacrime Daniela, la signora Ballan, è stata l'unica persona ammessa al capezzale di Alessandro. «Dorme. È immobile con tutti i tubi attaccati»: sono le uniche parole che è riuscita a forza a tirare fuori appena uscita dalla stanza dopo la visita mattutina, prima di scoppiare in lacrime. Era arrivata a Valencia con un volo all'alba da Bergamo. «La nottata più lunga della mia vita. Non sono riuscita a chiudere neanche un occhio». A farle compagnia Cesco Bergamin, un anziano amico, un secondo padre per tanti corridori trevigiani. «Ale mi ha chiamato subito dopo l'incidente e prima di entrare in sala operatoria per dirmi di non preoccuparmi — ha aggiunto Daniela —. Ma ero in ansia, dal team mi dicevano le cose poco alla volta. Mi sa che il bagaglio che mi son portata stavolta non basta. Dovrò stare un po' in Spagna. Anche il 26». Già, il 26 dicembre, data magica per la famiglia Ballan: nel 2004 il matrimonio, l'anno dopo il battesimo di Stella, poi quattro anni fa quello della secondogenita Azzurra.

L'incidente In serata, conclusa positivamente l'operazione al femore, Daniela appariva già più rinfrancata. «Il peggio è passato, Alessandro è forte, ha una grande tempra, ora sono più sollevata. E fiduciosa». Intanto sono emersi alcuni particolari della dinamica dell'incidente. Ale, in seconda fila, si è piegato per prendere la borraccia quando il compagno di squadra che lo precedeva ha frenato per chiedere a un altro collega di controllargli la ruota difettosa. Impatto inevitabile. Ballan è volato via e s'è girato a una velocità tra i 50 e i 55 orari. Ancora in sella è finito contro la montagna: forse il manubrio è stato la leva che gli ha fatto saltare il femore. Subito dopo l'impatto rantolava immobile, ma non ha mai perso conoscenza. Ora, il gigante dagli occhi buoni, ma che sul pavé si trasforma in una belva, dovrà avere tanta pazienza.

da «La Gazzetta dello Sport» del 22 dicembre 2012 a firma Claudio Ghisalberti

Copyright © TBW
COMMENTI
Forza Ale
22 dicembre 2012 14:19 teos
Siamo tutti con te! Rimettiti in sesto in quattro e quattr'otto che ti vogliamo vedere battagliare al Nord non in un ospedale spagnolo!
Con stima e affetto, teo

Forza
23 dicembre 2012 21:57 mcipo
Forza Ale

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si è concluso oggi a Selve di Teolo, nel Padovano, il Giro del Veneto categoria juniores. La frazione conclusiva è stata conquistata allo sprint dall'azzurro Alessio Magagnotti, della Autozai Contri, che ha regolato Riccardo Fabbro (Industrial Forniture Moro C&G Capital)...


Un brindisi al Muro, che l’ha accolto trionfalmente il 25 maggio, nella penultima tappa dell’edizione numero 107 del Giro d’Italia. E, soprattutto, un brindisi a lui, che ha scelto Ca’ del Poggio per festeggiare – ieri, sabato 20 luglio -...


L’imbattibile Tadej Pogacar in fondo alla classifica di una corsa? Sembrerebbe impossibile, eppure c’è stato un tempo in cui le prendeva... e come se le prendeva. Una cosa che sembrerebbe incredibile, soprattutto oggi che si appresta a vincere il suo...


Un Tour storico come quello del 2024 si chiude con un'altra pagina di storia: per la prima volta in 111 edizioni, infatti, la Grande Boucle non si concluderà a Parigi. La capitale, che da giovedì ha cominciato ad accogliere gli...


Raffica di statistiche sulla ventesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 6+5: POGACAR INFRANGE UNA NUOVA BARRIERA Con una 5a vittoria di tappa al Tour de France, dopo averne vinte 6 al Giro...


Una normale giornata di allenamento in quota - la Soudal Quick Step è in ritiro al Passo San Pellegrino con Julian Alaphilippe, Ayco Bastiaens, Gil Gelders, Antoine Huby, William Junior Lecerf, Paul Magnier, Tim Merlier, Pepijn Reinderink, Pieter Serry, Martin...


Ancora un piazzamento per Jonas Vingegaard, che ieri nella tappa numero 20 da Nizza al Col de la Couillole è arrivato secondo alle spalle di Tadej Pogacar. Il danese non ha vinto questo Tour, ma ha lottato in ogni modo...


Il Tour del 1903? “Quella prima frazione durò circa 18 ore. E dopo averla vinta, Garin si saziò con due polli, quattro bistecche, una frittata con 12 uova e 12 banane”, “Nella seconda tappa verso Marsiglia, alla stazione di Montélimar...


Primo successo in stagione per Simone Gardani. Il parmense del Team F.lli Giorgi si è imposto a Osio Sotto (Bg) nella gara per juniores valida come Gran Premio Map-Memorial Giacomo e Carlo Sciola. Gardani ha preceduto Cristian Cornali (Romanese), che...


Acuto vincente di Efrem Zamboni nel Trofei città di Asola per allievi svoltosi a Castelnuovo nel Mantovano. Il corridore veronese del team Luc Bovolone, al secondo successo stagionale, ha superato Matteo Serini della Scuola Ciclismo Mincio Chiese, mentre la terza...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi