ARMSTRONG. New York Times: era "la" storia americana

| 30/10/2012 | 09:05
Negli ultimi 15 anni, non c'è stata una storia migliore nello sport di quella di Lance Armstrong: un ciclista professionista colpito dal cancro che batte la malattia e va a conquistare il Tour de France sette volte di fila. Armstrong poi ha sfruttato le sue vittorie per creare e far crescere LiveStrong, una fondazione per le persone colpite dal cancro, un nome che è finito al polso di molti. E’ stata una storia molto amata dalla stampa e dal pubblico, che sembrava non stancarsi mai di leggerla.
Il 10 ottobre, però, la Usada ha pubblicato un rapporto in cui svela come Lance Armstrong aveva organizzato un programma di doping sistematico per la sua squadra. Il corridore ha rinunciato al suo diritto di contestare le conclusioni e lunedì scorso l'Unione Ciclistica Internazionale gli ha tolto i Tour de France vinti dal 1999 al 2005.
Per quelli di noi che avevano solo un'attenzione occasionale per il ciclismo, la sua umiliazione - è stato lasciato cadere da Nike e da altri sponsor e si è dimesso da presidente di LiveStrong - ha rappresentato uno shock profondo. Certo, c'erano costanti voci di sospetto, ma Armstrong non era mai risultato positivo e le sue smentite erano sempre decise e convincenti.
Inoltre, c'era una storia di eroismo a frenare i tasti dei giornalisti, o perché coinvolti dalla sua leggenda o perché preoccupati di non perdere il contatto con una delle figure più importanti nello sport americano.
Tra i primi i primi dissidenti, il giornalista irlandese Paul Kimmage, David Walsh, e Giulietta Macur di The New York Times. Ma per la maggior parte, i giornalisti ci hanno detto pochissimo, il minimo appena di quello che ruotava attorno alla Us Postal. Perché dubitare di Armstrong era dubitare del sogno americano.

dal New York Times
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tutto come un anno fa... Dylan Groenewegen torna al Giro di Slovenia e colpisce ancora sul traguardo di Ormoz: il velocista olandese della Jayco AlUla si è imposto nella prima tappa grazie ad un perfetto colpo di reni che gli...


Seconda volata e seconda vittoria per Paul Magnier al Giro Next Gen 2024. Il talentuoso francese ha vinto abbastanza nettamente sul traguardo di Borgomanero, anticipando Tim Torn Teutenberg (Lidl-Trek) e Andrea D'Amato (Biesse-Carrera), che nulla hanno potuto contro lo strapotere...


È stata presentata questa mattina nella sala consigliare del Comune di Piacenza la sedicesima edizione  del Premio Coppa D’Oro. Promossa dal Consorzio Salumi Dop Piacentini in collaborazione con Comune di Piacenza, Camera di Commercio dell’Emilia e Regione Emilia Romagna, fin...


Siamo alla vigilia dei campionati italiani riservati alle donne e ai professionisti, tanto a cronometro quanto in linea. E la Lega Ciclismo Professionisti ha reso note le schede tecniche delle quattro gare in programma. Ecco le pagine: IN LINEA PROFESSIONISTI...


Non corre dal 4 aprile ma il nome di Jonas Vingegaard continua ad essere sulla bocca di tutti gli appassionati accompagnato da una domanda: correrà il Tour? Ed è una domanda al momento ancora senza risposta perché il campione danese...


Nella serata di lunedì si è avuta la ufficializzazione dell’elezione a consigliere comunale di Bergamo (nella lista civica Pezzotta sindaco) di Cesare Di Cintio. L’avvocato bergamasco entrerà a Palazzo Frisoni nel gruppo dell’opposizione di centro-destra. Fino a pochi mesi fa...


Puoi essere campione italiano o aver gareggiato in tutte le corse più importanti del mondo, ma non c’è gioia più grande di ritrovare la salute, di stare bene. Cristian Bernardi lo sa bene: il 26 ottobre scorso gli è stato...


Il modello Egos è uno di quelli utilizzati dal Team Bahrain Victorius, un casco destinato alle massime competizioni in cui gli atleti hanno bisogno di massima ventilazione. In questo progetto Rudy project ha concentrato tutta la tecnologia disponibile sfruttando forme e volumi idonei...


L'avvio del Giro Next Gen 2024 è stato davvero esigente e quella si oggi sulla carta è la prima giornata relativamente semplice della corsa rosa. In programma c'è la quarta tappa, da Pertusio a Borgomaneo con 139 km da percorrere....


Cento anni fa, a Parigi, il 20 luglio del 1924, Ottavio Bottecchia diventava il primo italiano a vincere il Tour de France. Per celebrare il ciclista di San Martino di Colle Umberto (TV), Raisport, con la co-produzione della Cineteca del...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi