FASSINO. «Torino capitale dello sport. E per il ciclismo...»

| 15/12/2011 | 16:00
"Torino deve diventare una sede di eccellenza per gli eventi sportivi": è l'obiettivo indicato dal sindaco, Piero Fassino, durante un incontro con il presidente del Coni, Gianni Petrucci, il segretario generale del Coni, Raffaele Pagnozzi, e il commissario straordinario della Fisi, Franco Carraro. L'occasione del vertice è stata la candidatura del capoluogo piemontese a capitale europea dello sport per il 2015, formalizzata ieri. "Abbiamo il sostegno di tutti i rappresentanti politici piemontesi a Bruxelles - ha affermato Fassino - La nostra è una candidatura forte, il concorrente più accreditato appare Cracovia. Da gennaio, comunque, istituiremo un comitato di sostegno che abbia la dimensione non solo locale ma nazionale forte di cui necessita, serve un'azione coordinata con il Coni e le federazioni". "Siamo legati a Torino da un grande affetto - ha detto Petrucci - Le Olimpiadi 2006 hanno portato la bella figura di Torino e dell'Italia nel mondo". La certezza è che Torino vuole continuare a cavalcare l'onda lunga dei Giochi che, ha spiegato Fassino, "ci hanno fatto fare un salto di qualità". La chiave diventano i grandi eventi sportivi: nel 2013 ci saranno i World Master Games, si sta verificando la possibilità di ospitare nel triennio 2013-2015 l'Asian Tour di golf, e si stanno valutando le proposte relative ai Mondiali di ciclismo, di nuoto e di hockey su ghiaccio. Grazie ai Giochi del 2006, infatti, Torino ha una dotazione di impianti di alto profilo. Proprio della gestione delle strutture olimpiche Fassino ha discusso con Petrucci. Obiettivo: vedere come ottimizzare il loro utilizzo, soprattutto per quanto riguarda la pista di bob di Cesana e i trampolini di Pragelato. "Non sono gestibili su scala locale - è stata l'osservazione di Fassino - si tratta di capire se possono diventare siti sportivi nazionali su cui investire portando eventi. Altrimenti bisognerebbe prendere delle decisioni perchè i costi di manutenzione sono ingenti. L'approfondimento di merito continuerà con le federazioni interessate e dal Coni abbiamo avuto la la disponibilità a convenire scelte rivolte all'ottimizzazione. Importante sarà destinare al meglio i 40 milioni di euro che rimangono dalle Olimpiadi. Ci auguriamo - ha concluso Fassino - che siano sbloccati il prima possibile". Ultimo capitolo lo stadio Filadelfia. "Stiamo lavorando concretamente con la società granata, la Fondazione Filadelfia, il Credito sportivo, gli enti territoriali per arrivare a una soluzioni in tempi consoni", ha concluso Fassino. (ansa).

Copyright © TBW
COMMENTI
Sport sempre sport
15 dicembre 2011 17:38 extremo1
La grandezza di una città, la sua storia dipende anche dallo sport a qualsiasi
titolo,amatoriale, dilettantistico e professionistico. Ha pensato bene Fassino ha capito dove sta il salto di qualità di una città, che questa sia Torino e perchè no, Napoli,Roma, Milano e tante altre e così via.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il mondo del ciclismo piange la scomparsa di Davide Rebellin a seguito di un tragico incidente mentre era in allenamento lungo la Strada regionale 11 a Montello Vicentino. 51 anni (era nato il 9 agosto 1971), aveva ufficializzato...


Un breve video inviatoci da uno dei lettori più fedeli di tuttobiciweb ci permette di rivedere il sorriso di Davide Rebellin, la cui vita è stata spezzata oggi da un camion. Lo scorso fine settimana Davide aveva partecipato insieme a...


Aveva smesso di gareggiare, ma non di pedalare. La sua ultima gara è stata la Veneto Classic, ma Davide Rebellin non aveva alcuna intenzione di appendere la bici al chiodo. Aveva tanti progetti in ballo, come ci aveva raccontato nel...


Una tragedia incredibile, un dolore incolmabile. Prima la notizia di un ciclista investito e ucciso da un camion lungo la Regionale 11, a Montebello Vicentino, in provincia di Vicenza. E poi la conferma che quel ciclista è Davide Rebellin. L'incidente...


Dopo l'infortunio patito al Tour de France, per l'ormai celebre "botta in testa" datale dall'australiana Nicole Frain il 25 luglio nella seconda tappa della Grande Boucle femminile, e la successiva rinuncia a partecipare ai Mondiali di Wollongong, Marta Cavalli è...


Remco Evenepoel correrà il Giro d'Italia nel 2023, tornando a disputare la corsa che ha rappresentato il suo debutto in un grande giro. Dopo un 2022 senza precedenti, che lo ha visto conquistare quindici vittorie, tra cui Liegi-Bastogne-Liegi, Clasica San...


Il Team corratec continua ad integrare il roster 2023 con l'arrivo di due nuovi corridori, Antonio Barac e Samuele Zambelli, che si aggiungono al rinnovo di contratto di Davide Baldaccini, settimo corridore confermato rispetto alla stagione appena passata. Per il...


Il ciclismo veronese vede ridusri la pattuglia di professionisti per la prossima stagione. Dopo Edoardo Zardini, infatti, anche Mauro Finetto ha deciso di chiudere la sua carriera. Finetto, 37 anni compiuti a maggio, lascia il professionismo dopo 14 anni come...


Gianmarco Garofoli passerà pofessionista con la Astana Qazaqstan Team dopo una stagione trascorsa nel team di sviluppo. Il 20enne corridore italiano, che ha disputato alcune gare con i colori del team WorldTour nel 2022, ha firmato un accordo biennale con...


Un autunno trascorso fra Slovenia e Colomia con qualche puntata in Italia ed è in occasione di una queste che abbiamo avuto modo di incontrare Tadej Pogacar, il numero uno del ciclismo mondiale, e di fare quattro chiacchiere con lui...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach