Donne: il Fiandre parla tedesco grazie a Teutenberg. La cronaca

| 05/04/2009 | 15:17
Parla tedesco il Giro delle Fiandre femminile, valido per la Coppa del Mondo. Ad imporsi è stata infatti Ina Teutenberg del Team Columbia Highroad: la tedesca ha battuto allo sprint un gruppo forte di 18 unità delle quali faceva parte anche l'italiana Noemi Cantele che ha fatto di tutto per vincere.
La corsa ha registrato un primo attacco dopo pochi chilometri con una fuga a quattro nella quale si è inserita anche Fabiana Luperini (Selle Italia Ghezzi). Riprese le 4 è stata la volta dell'ucraina Alyona Andruk della Safi Pasta Zara Titanedi che ha percorso in solitudine almeeno cinquata chilometri ed è stata ripresa sotto l'azione veemente della Cervelo.
Sul Muro di Grammont ha poi attaccato Noemi Cantele alla quale si sono agganciate Vos, Cooke e Johansson. Sembrava l'azione decisiva, ma il gruppo ha reagito nella discesa successiva. Dopo l'ultimo muro, ha tentato l'assolo Marianne Vos ma la Cervelo ancora una volta non ha concesso spazio e si è giunto così alla volata vinta da Teutenberg con Cantele all'ottavo posto.
La fresca campionessa mondiale della corsa a punti Giorgia Bronzini non si è limitata alla «corsa tranquilla» della quale aveva parlato in mattinata: ha concluso la corsa prendendosi il lusso di conquistare  la volata del gruppo inseguitore con un ritardo di 2'01" dalla vincitrice.

Davide Tricarico

Ordine d’arrivo
1 Ina Teutenberg (Ger) Team Columbia-Highroad
2 Kirsten Wild (Ned) Cervelo TestTeam
3 Emma Johansson (Swe) Red Sun Cycling Team
4 Nicole Cooke (Gbr)
5 Martine Bras (Ola) Selle Italia Ghezzi
6 Marianne Vos (Ola)
7 Juliya Martissova (Gaus RDZ Ormu Colnago)
8 Noemi Cantele (Bigla Team)
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

  Ai gesti di solidarietà che si ripetono in questo momento, segnaliamo con piacere quello della Ciclistica San Miniato-S.Croce sull’Arno, società che si occupa da anni dell’attività giovanile sotto la presidenza di Franco Biagini, con un numero elevato di tesserati...


I nostri occhi sono ormai lucidi da troppo tempo e il nostro cuore scosso dal dolore fatica a sopportare questo interminabile stillicidio. Anche oggi piangiamo un amico, un grande componente della famiglia del ciclismo, Paolo Colnago, fratello mite e schivo,...


È ancora ad Abu Dhabi, con Fernando Gaviria. Attendono che qualcuno li vada a riprendere, come del resto altri 250 italiani. Andrea Agostini la prende anche con filosofia, perché il peggio è alle spalle, ma sono pur sempre 43 giorni...


Il mondo del ciclismo si prepara a ripartire, studia un nuovo calendario, riflette e programma. Senza certezze, ovviamente, ma con la consapevolezza che il giorno tanto atteso si avvicina. Lo ha confermato il presidente federale Renato Di Rocco in una...


  Un mosaico di frasi tra confidenze, confessioni, ricordi. Si comincia da Peppino Prisco, avvocato, vicepresidente dell’Inter e alpino nella Divisione Julia, e si finisce con Felice Gimondi passando per Fiorenzo Magni, Imerio Massignan, Franco Balmamion e Arnaldo Pambianco. “Ad...


  Ieri, all’età di 67 anni, ci ha lasciato Giancarlo Ceruti. Colpito da coronavirus e ricoverato all’ospedale di Crema, negli ultimi giorni pareva uscito dalla fase più critica, quando invece, improvvisamente, il Covid-19 ha voluto compiere la sua ennesima e...


Con estremo rammarico, ma con la consapevolezza che la salute è il bene più prezioso, l’AD di Alé, Alessia Piccolo, organizzatore della Alé La Merckx, annuncia che la granfondo internazionale veronese quest’anno non avrà luogo. per leggere l'intero articolo vai...


Alberto Bettiol è fisicamente a Lugano, al tempo del coronavirus, ma il suo cuore e la sua mente sono in Toscana, a Castelfiorentino, dove si trovano i suoi affetti più cari e tanti amici: «Manco dalla Toscana da febbraio, sono...


Alex Zanardi, campione paralimpico, triatleta e due volte Ironman a Cervia lo scorso settembre insieme all’Equipe Enervit in un’avventura fra scienza e sport, ha condiviso in questi giorni un video sulla pagina Facebook Enervitsport.... per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Caro Direttore, con l'imperversare di questo "bastardo" (non voglio chiamarlo per nome, è un maledetto figlio di N.N.) stiamo perdendo pezzi importanti della nostra vita ciclistica. Dire semplicemente "vita" mi pareva riduttivo, giacchè - almeno per il sottoscritto - affiancarci...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155