ROGLIC, LA RED BULL E LA SFIDA SLOVENA AL TRONO DI VINGEGAARD

PROFESSIONISTI | 25/06/2024 | 08:20
di Bibi Ajraghi

Domani pomeriggio ll'aeroporto di Salisburgo - per la precisione al Red Bull Hangar-7 - si scriverà una pagina importante del ciclismo moderno con la nascita ufficiale della Red Bull - Bora Hansgrohe e l'ingresso a pieno titolo nel mondo del ciclismo del colosso austriaco fondato da Dietrich Mateschitz.


Presentazione ufficiale della nuova maglia della squadra capitanata da Primoz Roglic che, poco dopo, salirà in aereo per volare a Firenze per il più prestigioso dei debutti, quello sul palcoscenico del Tour de France. Un debutto che Red Bull non farà solo come sponsor, ma come proprietaria del pacchetto di maggioranza della formazione tedesca.


La carta più preziosa che la nuova Red Bull - Bora Hansgrohe metterà sul piatto del Tour de France sarà Primoz Roglic, il campione sloveno che ha lasciato la Visma Lease a Bike, dopo aver contribuito in maniera determinante alle fortune del team olandese, per lanciarsi in una nuova sfida che ha sempre e solo un grande obiettivo: il Tour de France.

La corsa francese è sempre stata nei pensieri del campione sloveno che ha accarezzato la vittoria nel 2020, quando è stato incredibilmente beffato dal connazionale Pogacar nella crono de La Planche des Belles Filles, poi ha racciolto solo sfortuna nel 2021 e 2022 scegliendo poi di saltare l'appuntamento nel 2023.

Ora, il nuovo assalto con nuovi compagni di squadra - la formazione sarà annunciata oggi ma certamente ci saranno Vlasov, Hindley e il nostro Sobrero - e nuova determinazione: «Ho fatto la storia con i ragazzi della Jumbo, ma anche se avessi vinto la Vuelta lo scorso anno avrei cambiato squadra me ne sarei andato. L'ho fatto perché qui ho più opportunità di raggiungere i miei obiettivi: è stata una decisione naturale, era semplicemente arrivato il momento di lasciare».

E altrettanto semplicemente - dopo la brutta caduta del 4 aprile nei Paesi Baschi, la stessa nella quale sono stati coinvolti anche Evenepoel e Vingegaard, e il ritorno alle corse al Criterium del Delfinato (vinto) - Primoz si prepara a volare fino a Firenze. Si lancerà da un nuovo trampolino che può portarlo fino al podio di Nizza, meglio se sul gradino più alto.

Copyright © TBW
COMMENTI
La vedo dura per Roglic
25 giugno 2024 15:56 JeanRobic
Potrà vincere anche delle volatine ma se avrà i compagni Vlasov e Hindley al 100 per cento, visto il Roglic di quest'anno, toccherà tenerli a freno perché secondo il primo a staccarsi sarà lui, anche se ha la crono dalla sua.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


L'ultima tappa in linea della Grande Boucle numero 111 ha caratteristiche che ricordano quelle di ieri - chilometraggio contenuto e ben quattro gpm - anche se non si toccano i picchi altimetri del Vars e del Col de la Bonette....


Raffica di statistiche sulla diciannovesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 15: POGACAR EGUAGLIA CAVENDISH E SUPERA MERCKX Con la 15ª vittoria di tappa, Tadej Pogacar raggiunge Freddy Maertens al 12º posto della...


Due ore dopo le donne, sabato 27 luglio sullo stesso identico percorso verranno assegnate le medaglie della crono individuale maschile. Ricordiamo che il tracciato misura 32, 4 chilometri, parte e termina nel cuore di Parigi ed è completamente pianeggiante, destinato...


Sarà la prima medaglia in assoluto per il ciclismo ai Giochi Olimpici di Parigi 2024: la cronometro su strada femminile aprirà la corsa all'oro per il mondo delle due ruote. L'appuntamento è fissato per sabato 27 luglio alle 14.30: per...


Chi pensava o sognava l’impresa impossibile, affermando che il Tour era ancora aperto è servito. Che oggi Tadej Pogacar arrivasse solo era una sentenza già scritta. Infermabile. Imbattibile. Però sentiamo se anche Mario Cipollini è dello stesso parere. Cipo, che...


La Status 2 di Specialized non è una bici comune. Anche se riceve lo stesso livello di ingegneria delle nostre Stumpjumper o Epic,  la differenza sta nella sua intenzione. Progettata per essere semplice e pronta a tutto, la Status 2 offre prestazioni eccezionali...


Dopo il terzo posto conquistato ieri da Rachele Barbieri al termine della prima tappa in linea, le atlete italiane continuano ad essere protagoniste del Baloise Ladies Tour. Sul traguardo di Zulte, dove si è conclusa la tappa odierna, Sara Fiorin...


Matteo Jorgenson e Wilco Kelderman hanno avuto il via libera dalla squadra per andare a conquistare la tappa, ma di fronte ad uno straordinario Tadej Pogacar, i loro piani sono saltati nel finale. Lo statunitense della Visma-Lease a Bike fino...


Tadej POGACAR. 10 e lode. Incontenibile e impareggiabile Tadej. Luce abbacinante di un Tour e di un ciclismo sublime che lui sa sublimare come nessuno. Lassù dove osano le aquile, questo ragazzo con il ciuffetto e il sorriso di chi...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi