IL TOUR DE FRANCE 2026 PARTIRA' DA BARCELLONA E STABILIRA' UN NUOVO RECORD

TOUR DE FRANCE | 18/06/2024 | 11:50

Andiamo a sud. La sede scelta per la Grand Départ del Tour de France 2026 stabilirà un nuovo record nella storia dell'evento, poiché Barcellona, a cavallo del 41° parallelo, supererà Porto-Vecchio come partenza più meridionale della corsa.


La Grande Boucle ha già calcato le strade della capitale catalana, l'ultima volta nel 2009, quando Thor Hushovd superò in volata i velocisti spagnoli Óscar Freire e José Joaquín Rojas conquistando la tappa 6 proprio accanto allo stadio Montjuïc. Da quel fugace soggiorno spagnolo, il Tour ha vissuto l'esperienza selvaggia di una Grand Départ nei Paesi Baschi nel 2023 e ora si prepara per un'altra avventura altrettanto intensa sulle rive del Mediterraneo. La Grande Boucle condividerà un'occasione importante con i barcellonesi, poiché la Sagrada Família dovrebbe essere completata nel 2026. La cattedrale, la cui sagoma è diventata un simbolo iconico di Barcellona, è nata dalla mente geniale dell'architetto Antoni Gaudí, che ha abbellito la città con numerosi edifici e parte del suo spirito stravagante prima di morire, come il destino ha voluto, nel 1926.


Il sindaco di Barcellona, Jaume Collboni, ha ospitato il direttore del Tour de France, Christian Prudhomme, in una cerimonia ufficiale tenutasi questa mattina per annunciare che la 113aedizione prenderà il via nella capitale catalana sabato 4 luglio 2026: il percorso del 2026 prevede due tappe nella Catalogna e la partenza di una tappa con arrivo in terra francese.

Barcellona è un centro globale di architettura e un fulcro dello sport in Spagna. Molto prima dei Giochi Olimpici del 1992, la collina di Montjuïc è stata teatro di un circuito cittadino che ha ospitato eventi come il GP di Spagna di Formula 1 negli anni '70. Ancora più importante, la città è il punto focale di una delle gare più antiche e prestigiose del calendario ciclistico: la Volta a Catalunya, tenutasi per la prima volta nel 1911. La Vuelta a España ha visitato Barcellona 40 volte nel corso degli anni, tra cui due partenze nel 1962 e nel 2023.

I tifosi francesi di una certa età ricorderanno senza dubbio una cronometro di 3,8 km nel 1978, vinta da Bernard Hinault sulla strada per il suo primo trionfo alla Vuelta a España. Ce n'è anche per i tifosi italiani, con la vittoria del mondiale di Felice Gimondi qui nel 1973, così come il ricordo struggente dell'oro olimpico di Fabio Casartelli nel 1992. Il belga Claude Criquielion salì sul gradino più alto del podio quando i Mondiali tornarono a Barcellona nel 1984. Nel frattempo, i maniaci del ciclismo spagnolo ricorderanno uno dei loro più grandi di tutti i tempi, Alejandro Valverde, e le sue due vittorie di tappa a Barcellona nella Volta a Catalunya, una corsa che ha vinto quattro volte. Ultimo ma non meno importante, gli appassionati catalani hanno tutto il tempo per vedere il talento locale Juan Ayuso continuare a svilupparsi in un corridore ancora più raffinato, pronto a brillare sulle strade di casa nel 2026.

Tappe del Tour de France a Barcellona

2009
Tappa 6 , Girona > Barcellona, 181,5 km (Thor Hushovd, NOR)
Tappa 7, Barcellona > Andorra Arcalís, 224 km (Brice Feillu, FRA)

1965
11ª tappa Ax-les-Thermes > Barcellona, 240 km (José Pérez Francés, ESP)
12ª tappa > Perpignan, 219 km (Jan Janssen, NED)

1957
Tappa 15a , Perpignan > Barcellona, 197 km (René Privat, Da)
15a tappa Barcellona > Barcellona, 9,6 km a cronometro (Jacques Anquetil, FRA)
Tappa 16 , Barcellona > Ax-les-Thermes, 220km (Jean Bourlès, FRA)

 

 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Soldi
18 giugno 2024 15:23 Cicorececconi
Servono solo quelli per ospitare un colosso come il Tour

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


L'ultima tappa in linea della Grande Boucle numero 111 ha caratteristiche che ricordano quelle di ieri - chilometraggio contenuto e ben quattro gpm - anche se non si toccano i picchi altimetri del Vars e del Col de la Bonette....


Raffica di statistiche sulla diciannovesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 15: POGACAR EGUAGLIA CAVENDISH E SUPERA MERCKX Con la 15ª vittoria di tappa, Tadej Pogacar raggiunge Freddy Maertens al 12º posto della...


Due ore dopo le donne, sabato 27 luglio sullo stesso identico percorso verranno assegnate le medaglie della crono individuale maschile. Ricordiamo che il tracciato misura 32, 4 chilometri, parte e termina nel cuore di Parigi ed è completamente pianeggiante, destinato...


Sarà la prima medaglia in assoluto per il ciclismo ai Giochi Olimpici di Parigi 2024: la cronometro su strada femminile aprirà la corsa all'oro per il mondo delle due ruote. L'appuntamento è fissato per sabato 27 luglio alle 14.30: per...


Chi pensava o sognava l’impresa impossibile, affermando che il Tour era ancora aperto è servito. Che oggi Tadej Pogacar arrivasse solo era una sentenza già scritta. Infermabile. Imbattibile. Però sentiamo se anche Mario Cipollini è dello stesso parere. Cipo, che...


La Status 2 di Specialized non è una bici comune. Anche se riceve lo stesso livello di ingegneria delle nostre Stumpjumper o Epic,  la differenza sta nella sua intenzione. Progettata per essere semplice e pronta a tutto, la Status 2 offre prestazioni eccezionali...


Dopo il terzo posto conquistato ieri da Rachele Barbieri al termine della prima tappa in linea, le atlete italiane continuano ad essere protagoniste del Baloise Ladies Tour. Sul traguardo di Zulte, dove si è conclusa la tappa odierna, Sara Fiorin...


Matteo Jorgenson e Wilco Kelderman hanno avuto il via libera dalla squadra per andare a conquistare la tappa, ma di fronte ad uno straordinario Tadej Pogacar, i loro piani sono saltati nel finale. Lo statunitense della Visma-Lease a Bike fino...


Tadej POGACAR. 10 e lode. Incontenibile e impareggiabile Tadej. Luce abbacinante di un Tour e di un ciclismo sublime che lui sa sublimare come nessuno. Lassù dove osano le aquile, questo ragazzo con il ciuffetto e il sorriso di chi...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi