L'ORA DEL PASTO. UNA BORRACCIA DI AMARO GREGARIO

NEWS | 07/05/2022 | 07:57
di Marco Pastonesi

E’ un corridore d’altri tempi. Cappello con visiera, occhiali da motociclista, tubolare a tracolla, baffi a manubrio, braccia secche, cosce forti, occhi sbarrati forse per l’attenzione, bocca aperta forse per catturare più aria possibile, fili esterni, pedali a gabbietta. Sembrerebbe più eroico che tecnologico, più in discesa che in salita, più inseguitore che fuggiasco, più in lotta per la maglia nera che per quela rosa (ma la sua maglia è nera, dunque potrebbe essere il titolare della maglia nera che lotta contro il fuori tempo massimo). Sullo sfondo: il cielo azzurro e le Alpi innevate. E in primo piano, sull’etichetta, la scritta tutta in maiuscolo AMARO GREGARIO.


Amaro sostantivo, non aggettivo. Amaro in senso liquido, non umorale. Se i campioni brindano a champagne, se i vincitori festeggiano a spumante, i gregari si ricaricano - se è vero che più lo mandi giù e più ti tira su - con l’amaro. L’amara vita (ma neanche tanto, dai) del gregario. E allora un’antica ricetta delle Alpi Retiche, almeno una decina di erbe alpine, una denominazione balsamica mentolata (non sarà un caso che amaro è anagramma di aroma), una gradazione alcolica di 25 gradi, una distilleria artigianale locale.


L’idea è venuta a due Luca di Brescia, quasi quarantenni. Il primo Luca è ristoratore e oste, da una ventina di anni lavora in cantine ed enoteche, da 16 gestisce l’Osteria Croce Bianca; il secondo Luca è fotografo e grafico. Se il primo Luca ci mette conoscenze ed esperienze nella produzione, il secondo Luca si libera e si sbizzarrisce nella comunicazione. Ma la passione per la bici, più che per il ciclismo, per il mondo gravel e mountain bike, più che per quelli della strada e della pista, appartiene soltanto al primo Luca.

L’illuminazione nel 2020, il prototipo nel 2021, adesso l’Amaro Gregario pedala forte, tanto da prevedere un allargamento dell’offerta (non più solo bottiglie da 0,70 e mignon, ma anche formati speciali per speciali eventi) e il sostegno del merchandising (T-shirt, calze...). Intanto esplora il territorio a forza di sterrati (la Strade brute–Franciacorta gravel, la Gravel Road di Bormio, la Gravaltenesi), ciclostoriche (la Rigonissima a Brescia) e raduni (la Bam! a Mantova). E si affida più al passaparola spontaneo che alla pubblicità istituzionale. Una bottiglia recapitata a casa di Sonny Colbrelli dopo la vittoria della Parigi-Roubaix 2021, una foto postata da Marco Frapporti su Facebook, la leggenda di Adelmo Gregarius scritta sul sito internet... Fino al giorno in cui due corridori saranno immortalati mentre si passano, non una borraccia d’acqua, come Bartali e Coppi, ma l’Amaro Gregario, come Luca & Luca, o come chiunque altro.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Le strade della Regione Veneto sono pronte a riempirsi di giovani corridori che, un giorno, sognano di diventare campioni. Dal 18 al 21 luglio, infatti, va in scena il Giro del Veneto Juniores 2024, che toccherà e colorerà le province...


Un grave lutto ha colpito Saverio Metti, presidente del Comitato Regionale Toscana della Federciclismo. Nel pomeriggio di oggi martedì 16 luglio, è morto suo padre Raffaello conosciuto da tanti amici come “Allolio”. Una scomparsa giunta improvvisa per Raffaello, dopo qualche...


Dopo il ritiro forzato dal Tour de France, Juan Ayuso è costretto a rinunciare anche alla prova a cronometro dei Giochi Olimpici di Parigi2024. Al suo posto correrà Oier Lazkano della Movistar. Ayuso resta tra gli iscritti della prova in...


Con il nuovo Cytal Carbon POC si conferma un marchio costantemente votato all’innovazione,  esattamente come accaduto in passato con i caschi Octal e poi Ventral. In questo caso ogni elemento essenziale di questo casco è stato ottimizzato, anzi, è stato...


I migliori atleti Under 23 si danno appuntamento dal 17 al 21 luglio al Giro della Valle d'Aosta che compie sessant'anni. La VF Group Bardiani-CSF Faizanè ha scelto i 5 giovani che prenderanno parte alla prestigiosa gara a tappe giovanile. Al...


In occasione del secondo giorno di riposo del Tour de France, torna protagonista Raymond Poulidor! La Alpecin-Deceuninck e @mathieuvanderpoel hanno lanciato infatti la nuova maglietta #MerciPoupou e la campagna di raccolta fondi 2024! Lanciata nel 2021 in ricordo del...


È la ricerca bellezza. È il nuovo ciclismo, la nuova frontiera della ricerca applicata allo sport, è un passo avanti dell'umanità nella direzione della perfezione e dell'armonia, perché questo insegue da sempre l'uomo e spesso lo fa prendendo abbagli e...


Il secondo giorno di riposo ha concesso un po' di tregua ai corridori del Tour, che vi sono arrivati dopo due tappe corse a velocità da record e due frazioni sui Pirenei che hanno segnato in maniera netta la classifica...


Jonas Vingegaard al Tour de France è venuto per vincere e lo ha confermato anche ieri durante la conferenza stampa nel giorno di riposo. Il danese ha vinto già due volte la Grand Boucle, ma questa volta deve confrontarsi con...


Il Tour de France 2024 riparte in direzione Nizza dopo il secondo e ultimo giorno di riposo per affrontare le ultime 6 tappe. Nelle 15 frazioni disputate finora sono 10 i corridori che hanno conquistato successi, in rappresentanza di 7...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi