ROSA. «VOGLIO FAR BENE E TORNARE A FAR DIVERTIRE I MIEI TIFOSI»

PROFESSIONISTI | 28/01/2022 | 08:15
di Luca Galimberti

Si è appena alzato il sipario - l'esordio è avvenuto mercoledì al Trofeo Calvia, oggi è al via del Trofeo Serra de Tramuntana - sulla decima stagione da professionista di Diego Rosa, la prima del corridore classe 1989 con la Eolo-Kometa di Ivan Basso e Alberto Contador.


Abbiamo raggiunto telefonicamente il piemontese in Spagna per sapere come sta affrontando questa nuova esperienza sportiva e professionale. «Sono felice di essere approdato alla Eolo – Kometa. Ho trovato un bel gruppo, molto professionale in cui abbiamo tutto quello che ci serve ma allo stesso tempo c’è aria di famiglia – racconta Rosa, che poi aggiunge - la matrice e il modo di lavorare italiano è una altra cosa che ho molto apprezzato».


Rosa - che dopo essere approdato nella massima categoria con la Androni Sidermec ha difeso anche i colori di Astana Pro Team, Team Sky e Arkea Samsic - già lo scorso settembre aveva confidato a tuttobiciweb «Non vedo l’ora di essere a gennaio 2022, sto già pensando alle prime corse della nuova stagione», ora che la stagione è in “rampa di lancio” conferma: «Ho voglia di attaccare il entrare nel vivo della stagione, di misurarmi e confrontarmi con gli altri; non ho avvertito la tensione del debutto come il primo anno da prof, ovviamente, ma le prime gare sono sempre una sorta di esame per capire a che livello si è. Da parte mia ho fatto un buon inverno preparandomi in maniera classica, l’obiettivo è far bene».

Per il ragazzo nato a Corneliano d’Alba ma da alcuni anni residente nel Principato di Monaco il programma è delineato: «Dopo Mallorca, correrò ancora in Spagna disputando Almeria e Andalucia Ruta del Sol; mi sposterò poi in Italia dove ho in programma il Trofeo Laigueglia (concluso al terzo posto nel 2020, ndr) e, sperando nell’arrivo della Wild Card, anche la Tirreno - Adriatico».

Potendo vantare finora otto partecipazioni a grandi giri, tre vittorie (Milano – Torino 2015; tappa alla Vuelta Pais Vasco 2016, Coppi e Bartali 2018,ndr) - e diversi piazzamenti tra cui spiccano il quinto posto a Il Lombardia 2015 e il secondo posto nella stessa gara l’anno successivo, Diego Rosa è corridore che può certamente aiutare a crescere le giovani leve della Eolo Kometa: «Capita spesso di rispondere a domande e curiosità dei ragazzi giovani. Mi fa piacere dare loro qualche consiglio e fare un po’ la chioccia», ammette l’atleta passato professionista nel 2013 quando Ivan Basso e Alberto Contador, ora dirigenti di riferimento della squadra, erano ancora in attività.

Proprio sul suo rapporto con Basso e Contador, Diego Rosa dichiara: «Siamo stati assieme in gruppo, devo ammettere che sentirli al telefono nel ruolo di “capi” inizialmente mi è sembrato un po’ strano. Ma sono felice mi abbiano chiamato e li ringrazio. Ora, come dicevo l’obiettivo è far bene».

Infine un messaggio ai tifosi: «È un po’ che mi aspettano, mi auguro di tornare a farli divertire alle corse».

Copyright © TBW
COMMENTI
Rosa
28 gennaio 2022 13:16 fix1963
Al suo posto, sarei andato in pensione con la INEOS.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Arnaud DEMARE. 10. Alé! Non è solo il logo del produttore di maglie, ma è l’ennesimo grido di battaglia del velocista transalpino, prima dell’urlo finale: olé! Terzo squillo di tromba del ragazzo in maglia ciclamino, terzo acuto rossiniano di uno...


Non capisco ma mi adeguo, dicevano una volta in casa Arbore. Qui al Giro 2022 si va avanti così. Bisogna andare avanti così per forza, alternative non ce ne sono. Dicono tutti, sempre, in continuazione, che bisogna aspettare la terza...


Disagi per l’ingorgo stradale provocato dal Giro E, che ha bloccato buona parte del seguito autorizzato: è la conferma che in questo Giro il principale problema resta il tappo. Sta bene il tecnico che ha oscurato la Rai in sala...


Tris di Arnaud Demare al Giro 2022. Il francese maglia ciclamino,   già vincitore a Messina e Scalea, si è imposto a   Cuneo al temine di una tappa (150 km)  che ha tenuto col fiato sospeso perché il gruppo ha...


Da qualche settimana Egan Bernal è tornato in Europa, per allenarsi e proseguire il suo lento cammino di recupero dop il bruttissimo incidente del quale è stato vittima nello scorso mese di gennaio. Ieri sera era a Cuneo, dove ha...


Lo straordinario 2022 del ciclismo femminile italiano continua e soprattutto porta alla ribalta nuovi nomi. Oggi gli applausi sono per Matilde Vitillo, portacolori della Bepink; che ha vinto la seconda tappa Vuelta a Burgos, la Sasamón - Aguilar de Campoo...


Dopo 35 km il colpo di scena: Romain Bardet scende di bicicletta, si accascia, poi si siede sul marciapiede. Pochi minuti e arriva la notizia clamorosa del ritiro del francese, capitano della DSM. Marco Saligari, motocronaca di RaiDue, era al...


Domani col Gran Premio Santa Rita scatta la Due Giorni Marchigiana 2022. Le due competizioni unite da una challenge a punti si svolgeranno con partenza e arrivo nel territorio comunale di Castelfidardo, attiva cittadina adagiata sulle colline dell’entroterra di Ancona....


La puntata di Velò andata in onda ieri sera su TvSei è stata particolarmente interessante, si è parlato di Giro d'Italia con Luciano Rabottini, Riccardo Magrini e Valentino Sciotto: sotto riflettori la seconda settimana della corsa rosa. Se la volete vedere o rivedere, potete...


Imprenditori e amministratori pubblici uniti per collaborare attivamente con gli organizzatori della tappa del Giro Donne in programma il 7 luglio con partenza da Prevalle e arrivo al Maniva dopo 112 chilometri abbondanti. Prima, durante e dopo la presentazione svolta...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach