FACCE DA CROSS. ETTORE FABBRO: "DELLA MTB MI DIVERTONO LE DISCESE, DEL CROSS MI PIACE L'ATMOSFERA"

CICLOCROSS | 22/01/2022 | 07:57
di Danilo Viganò

Zompicchia è una frazione che dista poco meno di 3 km da Codroipo e 20 km dalla provincia di Udine. In questo piccolo comune friulano ci abita Ettore Fabbro, stellina nazionale del Ciclocross e della Mountain Bike. Ma è anche il paese di Matteo Fabbro professionista della Bora Hansgrohe. Nessuna partentela tra i due, solo amicizia. Il giovane Ettore, classe 2007, nella prima settimana di gennaio ha conquistato due maglie tricolori in sole 48 ore: nella gara del Team Relay e nella prova individuale di Ciclocross riservata alla categoria allievi di primo anno.


Per Fabbro vincere è quasi una abitudine, una bella abitudine visto che il friulano ha in bacheca già cinque maglie tricolori: alle due citate anche il titolo di Mountain Bike a Pergine Valsugana e al Ciocco, e di Ciclocross con gli esordienti di secondo anno a Lecce 2021.

Nell'ultima sfida tricolore di Variano di Basiliano, nella sua Friuli, Fabbro ha anticipato di 42" Mattia Gagliardoni Proietti e di 1'13" Francesco Baruzzi. Un successo netto e strameritato che aumenta le quotazioni di questo ragazzo che ha iniziato a gareggiare all'età di 9 anni.

"La passione per la bici mi è venuta quando con mia cugino andavamo a trovare la nonna, pedalando su e giù dalle cunette del suo giardino. Ma è mamma che mi ha convinto a correre e con la Libertas Gradisca è iniziata la mia avventura sui pedali. Prima avevo giocato a Basket, oltre a praticare Nuoto, Atletica e Sci. Ma, la bici è stata subito una grande passione".

Oggi Fabbro
è un corridore della società Jam's Bike Team Buja diretta da Roby Ursella, e il suo modello di atleta è Mathieu Van Der Poel. Studia al Liceo Scientifico "Marinelli" di Udine con ottimi profitti. Inverno cross, primavera mountain bike e la strada?

"Vorrei provare quest'anno, quattro-cinque gare al massimo, tutte regionali possibilmente. E' un mondo a parte, diverso dal fuori strada, è gestirsi per molti chilometri. Del cross mi piace l'atmosfera, la mountain bike mi diverte fare le discese. In comune le stesse sensazioni di libertà".

Nato Udine il 12 febbraio 2007. Mamma Morena e papà Simone hanno un'azienda di Impiantistica a Codroipo. Figlio unico Ettore. E' stato lui a tirare dentro nel ciclismo i genitori che ora non smettono di seguirlo alle gare.

Fabbro, e ora?
"Mi prendo qualche giorno di pausa, la stagione è andata benissimo e posso esssere più che soddisfatto. Tornerò per le gare di mountain bike e tra i miei obiettivi quelli di vincere il campionato italiano e fare ancora esperienza agli europei giovanili che lo scorso anno mi hanno regalato la gioia di una medaglia d'argento nel Team Relay e il quarto posto assoluto nella prova individuale".





 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Arnaud DEMARE. 10. Alé! Non è solo il logo del produttore di maglie, ma è l’ennesimo grido di battaglia del velocista transalpino, prima dell’urlo finale: olé! Terzo squillo di tromba del ragazzo in maglia ciclamino, terzo acuto rossiniano di uno...


Non capisco ma mi adeguo, dicevano una volta in casa Arbore. Qui al Giro 2022 si va avanti così. Bisogna andare avanti così per forza, alternative non ce ne sono. Dicono tutti, sempre, in continuazione, che bisogna aspettare la terza...


Disagi per l’ingorgo stradale provocato dal Giro E, che ha bloccato buona parte del seguito autorizzato: è la conferma che in questo Giro il principale problema resta il tappo. Sta bene il tecnico che ha oscurato la Rai in sala...


Tris di Arnaud Demare al Giro 2022. Il francese maglia ciclamino,   già vincitore a Messina e Scalea, si è imposto a   Cuneo al temine di una tappa (150 km)  che ha tenuto col fiato sospeso perché il gruppo ha...


Da qualche settimana Egan Bernal è tornato in Europa, per allenarsi e proseguire il suo lento cammino di recupero dop il bruttissimo incidente del quale è stato vittima nello scorso mese di gennaio. Ieri sera era a Cuneo, dove ha...


Lo straordinario 2022 del ciclismo femminile italiano continua e soprattutto porta alla ribalta nuovi nomi. Oggi gli applausi sono per Matilde Vitillo, portacolori della Bepink; che ha vinto la seconda tappa Vuelta a Burgos, la Sasamón - Aguilar de Campoo...


Dopo 35 km il colpo di scena: Romain Bardet scende di bicicletta, si accascia, poi si siede sul marciapiede. Pochi minuti e arriva la notizia clamorosa del ritiro del francese, capitano della DSM. Marco Saligari, motocronaca di RaiDue, era al...


Domani col Gran Premio Santa Rita scatta la Due Giorni Marchigiana 2022. Le due competizioni unite da una challenge a punti si svolgeranno con partenza e arrivo nel territorio comunale di Castelfidardo, attiva cittadina adagiata sulle colline dell’entroterra di Ancona....


La puntata di Velò andata in onda ieri sera su TvSei è stata particolarmente interessante, si è parlato di Giro d'Italia con Luciano Rabottini, Riccardo Magrini e Valentino Sciotto: sotto riflettori la seconda settimana della corsa rosa. Se la volete vedere o rivedere, potete...


Imprenditori e amministratori pubblici uniti per collaborare attivamente con gli organizzatori della tappa del Giro Donne in programma il 7 luglio con partenza da Prevalle e arrivo al Maniva dopo 112 chilometri abbondanti. Prima, durante e dopo la presentazione svolta...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach