ANDREA BAGIOLI RINNOVA, ALTRI DUE ANNI CON LA DECEUNINCK

MERCATO | 27/10/2021 | 12:08

Reduce da un 2021 tormentato - dall'infortunio al ginocchio che lo ha costretto allo stop per diversi mesi, fino alla ricerca di una vittoria solo sfiorata sulle strade della Vuelta - Andrea Bagioli rinnova il contratto e rimarrà con la Deceuninck – Quick-Step per altri due anni.


«Quando Patrick ha detto che voleva tenermi in squadra, ho accettato immediatamente! Sono super felice di rimanere per altri due anni perché penso che questa sia la squadra perfetta per aiutarmi a migliorare e crescere come corridore. Mi sono davvero piaciuti i due anni che ho trascorso qui finora. Il primo anno, con l'impatto del Covid, è stato molto strano, e il 2021 con l'infortunio al ginocchio è stato duro, ma sono pronto a dare il meglio per i prossimi due anni. Ho conquistato la mia prima vittoria con la squadra al Tour de l'Ain 2020, che è stata una delle prime gare dopo il lockdown. È stata una grande svolta per me e un momento fantastico anche perché battuto un grande come Primoz Roglic allo sprint! Poi ho vinto di nuovo alla Coppi e Bartali. Poi ho fatto il mio debutto in un grande giro alla alla Vuelta, ma non sono stato in grado di finirla, cosa che invece sono riuscito a fare quest'anno».


E ancora: «L'infortunio al ginocchio purtroppo mi ha tenuto lontano dalla bici per cinque mesi, è stato un momento difficile e soprattutto è difficile tornare a correre dopo così tanto tempo. Ho dovuto rimanere un mese bloccato a letto con la gamba dritta , è stato davvero difficile guardare in televisione gare come il Tour de Romandie, ma la mia famiglia e la squadra hanno tenuto alto il mio morale. Quando abbiamo deciso che sarei andato alla Vuelta, non ero sicuro di cosa avrei potuto fare dopo uno stop così lungo, ma le prestazioni al Tour de l'Ain mi hanno dato fiducia. Sono arrivato vicino a una vittoria di tappa in due occasioni alla Vuelta, se ri ripenso provo orgoglio e frustrazione. È stato speciale arrivare così davanti, soprattutto dopo il lavoro che ho fatto per recuperare dalll'infortunio, ma quando arrivi così vicino alla vittoria... Imparerò da quelle giornate e spero di arrivare presto a cogliere una vittoria di tappa in un grande giro».

Infine sul rinnovo: «Ho due anni con Deceuninck – Quick-Step davanti a me. Di sicuro voglio vincere grandi gare. Mi piacerebbe ovviamente correre il Giro, ma voglio anche aiutare la squadra a vincere le gare importanti, come i Monumenti e le Classiche».

Patrick Lefevere, CEO di Deceuninck – Quick-Step, è stato altrettanto felice di aver raggiunto un accordo con Bagioli: «Andrea ha dimostrato in questi due anni di essere uno dei giovani corridori più talentuosi in circolazione e ora che abbiamo un accordo con lui non vediamo l'ora di vederlo crescere. Ha mostrato molto cuore e determinazione per superare un grande infortunio, mostrando grandi cose alla Vuelta e nelle gare italiane. Speriamo che ora abbia la salute dalla sua, perché sono convinto che possa davvero fare grandi cose».

Copyright © TBW
COMMENTI
Andrea
27 ottobre 2021 16:39 bicialchiodo
Il bello per te deve ancora venire!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Alessandro COVI. 10 e lode. Sarà anche nato sul Tainenberg, un muro varesino, uno strappo tipo Grammont o Pattenberg, ma questo è un ragazzo adatto a qualcosa di più lungo e duro, adatto anche alle salite più ardite. Classe purissima...


Remco Evenepoel conquista anche la quinta tappa del Giro di Norvegia, da Flekkefjord a Sandnes. Questa volta il belga della Quick Step Alpha Vinyl vince allo sprint superando un gruppetto di fuggitivi con Johannessen che chiude secondo e Plapp terzo. ...


A tarda sera, unità del Cai stanno ancora cercando le schegge del famoso Carlandley, questa strana entità che sembrava granitica e inscindibile, ottenuta saldando per tre settimane le singolarità di Carapaz, Landa e Hindley. Se dio vuole, sotto le pesanti...


L’esotne Norman Vahtra ha vinto la seconda e ultima tappa del Tour of Estonia - la Tart-Tartu di 164, 8 km - battendo in uno sprint a due il lituano Siskevicius. Il gruppo, staccato di 36 secondi, è stato regolato...


Due anni fa aveva visto il suo sogno rosa sfumare nella crono finale di Milano, battuto da Tao Geoghegan Hart, oggi Jai Hindley si è ripreso di forza la maglia rosa e ha tutta l'intenzione di non mollarla mai più:...


Lo scorso anno ci era andato molto vicino ad una vittoria al Giro d'Italia, quest'anno Alessandro Covi non ha sbagliato una sola mossa e si è portato a casa il successo nella tappa più bella: «Sono partito per vincere una...


Domani a Verona non sarà Vincenzo Nibali a salire sul palco dei vincitori, ma il siciliano il suo premio lo ha già vinto, grazie al  pubblico che con applausi e urla lo ha spinto sulla salita della ventesima tappa del...


Il giovane irlandese Darren Rafferty, classe 2003, della Hagens Berman Axeon si è aggiudicato le Strade Bianche di Romagna davanti a Petr Kelemen (Tudor Pro Cycling Team); terzo Simone Raccani (Zalf Euromobil Desiree Fior), il primo degli italiani. Alla gara...


Va ancora al Nord il Gran Premio Lari-Città delle Ciliegie. Dopo i successi di Davide Bais nel 2019 e di Stefano Gandin l’anno scorso, è stato il quasi ventunenne friulano di Buttrio provincia di Udine Nicolò Buratti ad imporsi con...


Due eroi sulla Marmolada: Alessandro Covi e Jai Hindley. Il 23enne varesino della UAE Team Emirates ha vinto una tappa da leggenda superando da solo in fuga Pordoi  e Marmolada per firmare l'impresa più bella della sua carriera, E Jay Hindley...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach