ULISSI. «FELICE IO, FELICE LA SQUADRA»

PROFESSIONISTI | 18/07/2021 | 16:36

L’inizio di questo 2021 non era stato dei migliori con tante incognite e paure per un problema cardiaco che per fortuna si è risolto in fretta. Diego Ulissi, che appena tre giorni fa ha tagliato il traguardo delle 32 primavere, si è imposto alla grande sulle strade della Sardegna con il gran bottino di due tappe vinte e la leadership nella classifica generale. Il corridore della Uae Team Emirates non è nuovo in carriera ad affermazioni finali nelle breve corse a tappe. Nel suo palmares ci sono: due successi nella classifica generale al Giro della Slovenia nel 2011 e 2019, uno nella Settimana internazionale Coppi e Bartali nel 2013, una al Czech Cycling Tour nel 2016, una al Giro della Turchia nel 2017 e una al Tour de Luxembourg 2020. Per il livornese nato a Cecina e residente a Donoratico una gran bella rivincita e un calcio alla paura. Queste le sue riflessioni appena terminata la premiazione.


La vittoria in classifica generale è nata giorno dopo giorno o ci avevi già fatto un pensierino prima della partenza della Settima Ciclistica Italiana Sulle Strade della Sardegna?
“E’ nata diciamo dal primo giorno dal momento che ho vinto la prima tappa che sembrava anche che fosse la più impegnativa. Da quel momento abbiamo lottato per mantenere il primato e il piccolo vantaggio che avevo, nella penultima tappa abbiamo incrementato con un’altra bellissima vittoria, la squadra ha lavorato molto bene e siamo veramente felici”.


Come lo definisci il tracciato di questa Settimana Ciclistica Italiana?
“Impegnativo ma non proibitivo. Ventoso perché la Sardegna presenta questa caratteristica. E’ veramente bello pedalare in questa bellissima stagione in questi posti, speriamo di ritornarci per correre, ma anche in vacanza...”

Hai iniziato la stagione con i problemi che tutti sappiamo, ora sei in grandissima forma. C’è un pizzico di rimpianto per le Olimpiadi di Tokyo oramai alle porte?
“Senz’altro partecipare alle Olimpiadi è il sogno di qualsiasi atleta quindi ci speravo, anche perché sono diversi anni che mi trovo al vertice delle classifiche mondiali. Però Davide (Cassani, il commissario tecnico della Nazionale, ndr) deve fare 5 nomi e sono pochissimi, io ho cercato di fare il miracolo per ripresentarmi bene dopo il problema che ho avuto, anch’io non mi aspettavo di essere così competitivo sin da subito. E’ già per me una vittoria il fatto che Davide mi abbia tenuto in considerazione fino all’ultimo momento, ci sono anche altri appuntamenti con la Nazionale quest’anno, cercherò di farmi trovare pronto per quelli”.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dominio di Gustav Wang nella cronometro maschile junior ai Mondiali delle Fiandre 2021. Nella prova di 22, 3 km da Knokke Heist e Bruges il danese, sceso in strada tra i primi, ha chiuso in 25'37" con una media di...


Ancora una prova di forza di Andrea Piccolo. Dopo il Giro del Valdarno, il milanese della Viris Vigevano coglie il successo nella Coppa Collecchio nazionale per elite e under 23 che oggi si è disputata sulle strade del Parmense. Piccolo...


«Nella mia carriera non avevo mai avuto problematiche del genere, ma mi riprenderò anche da questo. Per quel che riguarda il mio futuro, ne parlerò con il patron Massimo Levorato. Per decidere è presto» Davide Rebellin dal letto d'ospedale parla...


È davvero in grande condizione Jasper Philipsen! Dopo aver vinto domenica a Francoforte, il belga della Alpecin Fenix si è ripetuto oggi nel Gp de Denain, disputatosi nel cuore della Francia. Alle sue spalle nell'ordine l'altro belga Meeus della Bora...


Il giovane britannico Leo Hayter, portacolori della Development Team DSM, ha vinto per distacco la seconda tappa del Tour de Bretagne, la Corlay - Rosporden di 169 chilometri. Hayter, fratello di quell'Eitan che corre e vince con la Ineos Grenadiers,...


Tino Chiaradia è mancato oggi all'età di 87 anni. Aveva fondato il Gruppo Sportivo Caneva - oggi guidato da Michele Biz e Mario Ulian con l'amico Gianni Biz. Il senso del dovere, la passione, il rigore, la caparbietà: erano queste...


Mancano due settimane esatte alla disputa della centesima edizione della Tre Valli Varesine, classica del ciclismo professionistico che la Società Ciclistica Alfredo Binda ha posto in calendario per martedì 5 ottobre. Renzo Oldani e i suoi collaboratori hanno svelato il...


Un Mondiale ha tante problematiche e tra queste c’è quella sollevata dai corridori sugli spazi in cui potranno fermarsi per fare pipì. Potrebbe sembrare un problema da poco, magari un problema che fa sorridere, ma così non è affatto: a...


Volto emozionato e tirato quello di Johan Price-Pejtersen subito dopo la vittoria nel campionato del mondo a cronometro Under 23. Il danese, che è anche il campione europeo in carica, voleva vincere anche per ricordare il connazionale e amico Chris...


Alena Ivanchenko è la donna juniores più veloce del mondo. La fenomenale russa, che due settimane fa aveva vinto il titolo europeo, si è ripetuta anche a livello mondiale: prima al rilevamento intermedio con due secondi su Zoe Backstedt, la...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI