ENZO GHIGO DA LE DIMISSIONI, LA LEGA NON HA PIÙ IL SUO PRESIDENTE

POLITICA | 30/09/2020 | 11:11
di Pier Augusto Stagi

Lo ha fatto a malincuore, perché il ruolo gli calzava a pennello e, soprattutto, perché gli piaceva un sacco essendo un ciclista praticante. Enzo Ghigo ha rassegnato le dimissioni da presidente della Lega del Ciclismo Professionistico, carica che ricopriva dal 2015. Classe ’53, per due mandati Governatore del Piemonte sotto i colori di Forza Italia – anche se i suoi sono chiaramente e indelebilmente bianconeri -, dal novembre dello scorso anno è Presidente del Museo Nazionale del cinema di Torino. «Ed per questa ragione che sono arrivato a questa conclusione – dice a tuttobiciweb il diretto interessato -. Non è stato semplice, perché la passione per il ciclismo e la bicicletta è tanta, ma ormai come si suol dire non ci stavo più dentro. La macchina del cinema di Torino è sempre più grossa e complessa e non potevo più tenere il piede in due scarpe: urgeva una scelta di campo».


La scelta è stata comunicata lunedì al Presidente della Federazione Renato Di Rocco, il quale aveva avuto modo di scambiare due parole con Ghigo telefonicamente. «Devo solo ringraziare tutti – ha aggiunto Ghigo -: dal presidente Di Rocco al consiglio Federale, così come il mio consiglio e Stefano Piccolo prezioso compagno di viaggio ed esemplare segretario della Lega. Devo ringraziare in un momento come questo tutti, dai corridori agli organizzatori, così come tutto il mondo delle due ruote che con il sottoscritto è sempre stato amico. Ho trascorso in questo sport cinque anni bellissimi e spero anche proficui e, come si fa di solito in queste circostanze, auguro fin da ora al mio successore i migliori auguri di buon viaggio. Avrà al proprio fianco persone che sapranno accompagnarlo in un mondo, quello del ciclismo, davvero affascinante e stimolante».


 

Copyright © TBW
COMMENTI
Cassani?
30 settembre 2020 13:22 FrancoPersico
Potrebbe prendere la Presidenza ad interim il CT Cassani.

x francesco persico
30 settembre 2020 19:21 berto
in effetti Cassani ha bisogno di ricoprire qualche ruolo!!!!

X berto
30 settembre 2020 22:06 lele
Ahahahahaahahahaahahahahahahahha......muoio!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il nuovo leader della Vuelta di Spagna è l'ecuadoriano Richard Carapaz, che ha tolto a Primoz Roglic la maglia rossa della classifica generale. Adesso il corridore della Ineos Grenadiers è al comando della corsa con un vantaggio di 18” su...


Caro Nibali, finisce qui il calvario. Per te e per noi. Non neghiamolo: si avverte anche un certo senso di liberazione. In un Giro nato di suo già parecchio sconclusionato, per i motivi inevitabili che sappiamo, s'è dovuto incassare pure...


D come dubbio. Nel senso di incertezza, dilemma. Al Giro ne sono stati sollevati di continuo: la maggior parte sono rimasti sospesi in aria. Bellino è il direttore generale di Rcs o un giudizio tecnico su questo Giro? Perché si...


Tao Geoghegan Hart ce l’ha fatta, ha vinto il Giro d’Italia. I pronostici non avevano sbagliato, sulla carta veniva dato come netto favorito nei confronti di Jai Hindley e alla fine la strada lo ha confermato. Una crono incredibile, la...


Palermo, Camigliatello Silano, Valdobbiadene e Milano: Filippo Ganna firma uno straordinario poker in un Gior d’Italia che non potrà mai dimenticare e che lo consacra tra i grandi. Per la prima volta, dopo aver divoratouna pizza nella lunga attesa sulla sedia...


Vincenzo Nibali ha chiuso il suo Giro d'Italia con il trentesimo posto nella cronometroa 1'27" da Super Ganna e con il settimo posto finale a 8'15" dal sorprendente vincitore Tao Geoghegan Hart. «E’ stato un anno difficile, complicato, nel quale...


Jai Hindley è lo sconfitto di giornata, anche se il suo Giro d’Italia è stato davvero eccezionale. «Ovviamente in questo momento sono molto deluso e il risultato è difficile da accettare. Ma sarò sempre orgoglioso di quello che ho fatto...


Ion Izagirre mette a segno il colpaccio nella sesta tappa della Vuelta, la Biescas - Sallent de Gállego. Aramón Formigal di 146. km. Lo spagnolo della Astana è stato il migliore sui Pirenei spagnoli, è entrato nella fuga che ha...


Al termine dell'edizione 103 del Giro d'Italia il presidente Renato Di Rocco ha commentato: "Milano ha accolto il Giro con un disciplinato entusiasmo, dimostrando ancora una volta la maturità del pubblico del ciclismo. La corsa rosa ci dice che lo...


Tao Geoghegan Hart è il re del Giro d'Italia, Filippo Ganna firma il poker di vittorie. È questo il verdetto della crono decisiva della corsa rosa: i 15, 7 chilometri della Cernusco sul Naviglio-Milano hanno regalato al campione del mondo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155