GIROROSA. LA GIOIA DI VOS: «NON PENSAVO DI VINCERE COSI' TANTO...»

DONNE | 16/09/2020 | 17:00
di Giorgia Monguzzi

 

Ancora dominio Vos al Giro Rosa: sembra proprio che l’atleta olandese non voglia fermarsi per nulla al mondo. Soltanto ieri l’avevamo vista sfrecciare sul traguardo di Terracina battendo Lotte Kopecky, oggi la sinfonia si è ripetuta dimostrando che la Cannibale ha una forma strepitosa.

«Se devo parlare sinceramente, quando sono arrivata al Giro non mi aspettavo assolutamente di vincere e quando ad Assisi ho tagliato per prima il traguardo mi sono anche stupita di me stessa, mi ha messo una bella dose di adrenalina in corpo - scherza con noi Marianne in attesa del podio -. Soltanto ieri quando ho vinto ancora a Terracina, mi sono resa conto che che sto veramente bene e posso continuare a vincere. Con questo successo ho incrementato il mio vantaggio nella classifica a punti, ma preferisco essere scaramantica, per il momento il mio unico obiettivo è quello di continuare a sentirmi bene e logicamente, se ci sarà l’occasione, proverò a piazzare un altro successo di tappa».

Lavoro incredibile anche oggi da parte della CCC che ha controllato la corsa fin dai primi chilometri, un po’ come aveva fatto nella giornata di ieri. «Per certi versi queste due frazioni erano molto simili, sapevamo che la chiave di tutto era l’unico gpm di giornata e così ci siamo messe davanti a tirare, l’obiettivo era fare selezione ma anche controllare la corsa, in modo tale che nessuno prendesse il largo. Oggi però c’era un fattore in più a preoccuparci, il caldo terribile: ha rischiato di mettere fuori gioco molte atlete e abbiamo rischiato che colpisse anche noi. Le mie compagne sono state però straordinarie, alla fine il mio lavoro è stato solo quello di mettercela tutta negli ultimi metri ed alzare le braccia al cielo è stata un’orchestrazione veramente perfetta. Da fuori sembra tutto semplice, si ha l’impressione che basti un semplice click per vincere, invece ogni successo va costruito, metro dopo metro, sbagliare è questione di un attimo, non si può mai sapere come andrà a finire.»

Finale e podio insolito per la premiazione della tappa odierna, un centro commerciale che ha destato non poca curiosità da parte di Marianne Vos a cui abbiamo strappato più di un sorriso. «Ho vinto molte corse nella mia vita, ma sinceramente non mi è capitato quasi mai di essere premiata in un centro commerciale. Quando questa mattina ho visionato l’Anita (il vademecum del giro, ndr) credevo che fosse un teatro gigantesco, solo dopo ho capito che si trattava di un centro commerciale, così mi sono detta “ora potrò raccontare anche questo”. Però a parte il fatto che susciti un po’ di ironia, penso che in corse femminili arrivare in un luogo come questo non faccia altro che bene perché porta molti sponsor. Però diciamolo seriamente: questo podio difficilmente me lo scorderò».

foto di Flaviano Ossola

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Festa grande, questa sera, nel ritiro della nazionale femminile per il bronzo conquistato da Elisa Longo Borghini. Una fetta di torta, un brindisi e un grande applauso ma... senza esagerare perché mercoledì c'è la Freccia Vallone e la stagione è...


In tre giorni Anna van der Breggen ha conquistato due maglie iridate. Dopo essersi aggiudicata il campionato del mondo a cronometro giovedì, è tornata ad alzare le braccia al cielo all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola imponendosi oggi...


A Imola questa mattina c’è stata la consueta conferenza con il presidente dell’UCI David Lappartient affiancato dal presidente della Federciclismo Renato Di Rocco. Tre i temi affrontati dal numero uno del ciclismo mondiale: il doping, la sicurezza e il cattivo...


Il nemico più infido e subdolo è ancora tra noi, lo sapete bene tutti, e non bisogna abbassare la guardia. Anzi, bisogna... alzare la mascherina. Lo spiega bene anche Valerio Agnoli in un breve filmato realizzato per la Regione Lazio...


Un grazie a tutte le sue ragazze e quella medaglia al collo che ha un sapore tutto speciale. E’ un bronzo diverso questo che da, ad Elisa Longo Borghini, certezze per il futuro, per essere lei, un domani, ad avere...


Dopo il titolo nazionale e quelli europei e mondiali a cronometro (e quello al Giro Rosa, tanto per gradire) Anna Van der Breggen mette in cascina in questo fantastico 2020 la vittoria ai Mondiali in linea femminili nell'Autodromo Enzo e...


Dopo aver conquistato il decimo titolo italiano tra le Donne Elite (29 in totale in carriera) Eva Lechner sarà impegnata in Coppa del Mondo MTB da martedì 29 settembre a domenica 4 ottobre a Nove Mesto nella Repubblica Ceca. Con...


Arrivano buone notizie per Remco Evenepoel. Venerdì, infatti, gli esami svolti all'ospedale AZ di Herentals hanno mostrato che il recupero di Remco Evenepoel dalla frattura pelvica sta procedendo nella giusta direzione. Finalmente il belga non ha più bisogno delle stampelle...


Filippo Baroncini, 20 anni del team Beltrami TSA Marchiol, ha vinto la gara nazionale di San Michele di Paive, nel Trevigiano, valida per il 27simo Memorial Polese per elite e under 23. Il corridore ravennate ha preceduto il tricolore a...


Il quartetto juniores del Friuli Venezia Giulia ha conquistato il titolo italiano dell'Inseguimento a squadre al velodromo Ottavio Bottecchia di Pordenone. Nella finale, Manlio Moro, Alessio Portello, Alessandro Malisan, Bryan Olivo e Jacopo Cia, quest'ultimo impiegato nelle qualifiche, hanno superato...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155