VAN AERT: «UN SUCCESSO DAVVERO COOL!»

PROFESSIONISTI | 01/08/2020 | 18:50
di Francesca Monzone
Van Aert ha stupito e lo ha fatto anche sulla linea del traguardo, quando da solo e con gesto scaramantico delle corna con la mano, ha tagliato la linea del traguardo. In solitaria con uno splendido assolo, il campione belga della Jumbo-Visma, si è preso una vittoria importante, una rivincita la sua,  che lo ha portato dritto sul tetto del mondo. 
 
Tanti titoli vinti nel ciclocross, le sfide con Van der Poel e la caduta al Tour de France lo scorso anno. Esattamente un anno fa, Van Aert era in ospedale con una profonda ferita ad una gamba. Poi il lungo stop per la riabilitazione e il ritorno alle corse a dicembre e l’ultima corsa a febbraio alla Omloop Het Nieuwsblad dove ha chiuso 11°. Oggi per lui è arrivata la rinascita sullo sterrato senese,  tra il caldo torrido e la polvere dello sterrato, ha scritto il suo nome in una corsa dove solo i grandi campioni hanno saputo primeggiare. 
 
“Non c’era un motivo particolare per il gesto delle corna - ha subito dichiarato Van Aert durante la conferenza stampa a Siena - ho pensato che fosse figo fare un gesto così,  in particolare dopo un periodo difficile come quello che si è da poco concluso”. 
 
Strade Bianche ha dato il via alla stagione importante del world tour. A causa del Covid19, Strade Bianche era stata fermata a marzo e adesso è stata proprio questa corsa a far ripartire il ciclismo mondiale. “Siamo ripartiti in una stagione particolare, ho lavorato bene in questo periodo e sono contento di questo risultato. Questa corsa rappresenta una ripartenza importante per tutti”. 
 
Tornare a correre oggi è stato un test importante per tutti e trovare il ritmo giusto non è stato facile. “È stato difficile correre oggi in particolare all’inizio. Ho dovuto impiegare un po’ di tempo per capire bene come procedere e seguire il gruppo. La polvere e il caldo hanno reso la corsa molto difficile. Ho gli occhi che mi bruciano ancora, ci vorrà un po’ di tempo per recuperare e avrò bisogno di un po’ di riposo. Polvere e caldo  hanno reso la corsa molto difficile”. 
 
Per due volte è arrivato terzo a Siena e sono ancora vivi i ricordi dei crampi sulla rampa terribile di Santa Caterina. “Ho pensato per un momento ai dolori alle gambe che ho avuto nelle edizioni precedenti,  passando sul muro di Santa Caterina. Il ricordo è durato solo un attimo oggi e poi sono andato dritto per la mia strada”.
 
Un campione vero Wout Van Aert che nel suo palmares vanta 4 titoli mondiali nel ciclocross e un bronzo nei Campionati Europei su strada” Quando corro in bici cerco sempre di restare concentrato, a prescindere dalla strada o dal ciclocross. Sono modi di correre molto diversi, uno più esplosivo e breve e uno di lunga durata.  La sofferenza è sostanzialmente la stessa e amo fare entrambi”. 
 
Van Aert ricorda ancora il periodo trascorso in ospedale, la delusione per l’abbandono del Tour, dove stava ottenendo ottimi risultati e la lunga riabilitazione. “Questa  vittoria è molto importante per me, l’anno scorso di questi tempi ero in ospedale e molti pensieri negativi affollavano la mia mente.  Ho dato il mio massimo oggi.  È una bella sensazione salire sul gradino più alto del podio. Alcuni mi chiamano coltello affilato forse è vero, sono un po’ così. Con la mia squadra siamo ad un livello molto alto e ho raggiunto questo livello grazie ai miei compagni. I dettagli sono importanti in ogni corsa e in ogni allenamento  ed grazie al mio team che sono riuscito ad occuparmi anche dei piccoli particolari che mi hanno aiutato a vincere oggi”.
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nel cuore della splendida Rocamadour, uno dei più bei villaggi del Lot, Benoit Conefroy ha conquistato uno splendido successo, mettendo la sua firma sulla tappa conclusiva della Route d'Occitanie. La frazione è stata animata dalla solita lunga fuga che ha...


Trionfo di Eleonora Ciabocco nella gara delle donne allieve, che ha sancito la chiusura della "Giornata del Ciclismo Lombardo" nell'Autodromo Nazionale di Monza. La marchigiana, del Team Di Federico, si è imposta allo sprint sul gruppo compatto superando Beatrice Bertolini...


Samuel Quaranta ha firmato una grandissima volata conquistando il successo nella corsa juniores della Giornata del Ciclismo Lombardo. Il velocista, figlio d'arte, del Team LVF ha preceduto Giosué Epis della Aspiratori Otelli, e Lorenzo Gobbo della formazione GB Junior Team....


Con la gara riservata alle donne esordienti si è consumato il quinto e penultimo traguardo della lunga "Giornata del Ciclismo Lombardo" nell'Autodromo Nazionale di Monza. La prova femminile è stata vinta dalla piemontese Anita Baima, pronipote di Franco Balmanion (vincitore...


Sarà un’edizione particolare quella della Tirreno–Adriatico EOLO, in programma dal 7 al 14 settembre, non solo per il periodo in cui si correrà ma anche perché avrà la particolarità di svolgersi su otto tappe anziché le sette consuete. Mauro Vegni, Direttore...


Emozioni forti e lacrime cacciate indietro a forza, femrate sul ciglio dell'occhio... Stamane a Lectoure, prima della partenza dell'ultima tappa della Route d'Occitaine, il gruppo ha voluto rendere omaggio alla memoria di Nicholas Portal, l'ex professionista e tecnico della Ineos,...


Continuano in queste ore i movimenti di mercato. La Cofidis ha annunciato il rinnovo biennale di Anthony Perez mentre particolarmente attiva è la AG2R che si è assicurata i servigi del belga Van Hoecke, in scadenza di contratto con la...


Il terzo traguardo della Giornata del Ciclismo Lombardo, che ha visto in corsa gli allievi, premia lo sprint vincente di Milo Marcolli. Il velocista varesino di Sumirago, della società Busto Garolfo al suo primo anno nella nuova categoria, al fotofinish...


Siamo ad agosto e sullo Stelvio nella notte sono scesi 20 cm di neve. In questo momento, alle 12:00, sulla vetta ci sono zero gradi. Ciclisti, motociclisti e automobilisti hanno comunque già ripreso a scalare il versante valtellinese. Quello altoatesino...


Il Gino Bartali meno conosciuto è stato protagonista della serata di apertura di “Una montagna di cultura…la cultura in montagna”, rassegna organizzata da Pontedilegno-MirellaCultura con la collaborazione di Pro Loco e Biblioteca Civica Dalignese. Dopo la tre giorni di PontedilegnoPoesia,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155