UCI, PROTOCOLLI, MULTE E LE RISPOSTE CHE MANCANO

POLITICA | 05/06/2020 | 07:16
di Guido La Marca

Sono i paradossi - forse inevitabili ma sempre paradossi - del ciclismo che cerca di ripartire. L’Uci non ha ancora fornito alle squadre alcuna indicazione su protocolli e norme da seguire, ma chiede sin d’ora indicazioni su raduni e ritiri sotto minaccia di sanzioni economiche.

Dopo aver diramato un calendario che, lo ricordiamo, sarà reso definitivo solo il 9 giugno e soprattutto dalle decisioni dei singoli organizatori, molti dei quali non hanno ancora sciolto le loro riserve, l’UCi ha infatti inviato una lettera a tutte le squadre profesisonistiche per chiedere tasative informazioni circa raduni, allenamenti, orari delle competizioni e partecipazione alle gare. Data limite, 15 giugno, come previsto dai regolamenti.

Con una postilla inevitabile visto che, tanto per fare un esempio, alcune squadre hanno messo in calendario la Vuelta a Burgos i cui organizzatori non hanno ancora confermato se si correrà o meno: «Quando una squadra non sa con precisione quali saranno i suoi camp di allenamento / orari delle competizioni o la partecipazione alle gare della prossima stagione, deve fornire le informazioni al meglio delle proprie conoscenze e quindi aggiornarle periodicamente. I team devono indicare il nome e i dettagli di contatto della persona responsabile della fornitura di tali informazioni nella loro squadra».

E poi l’avvertimento: «Nel caso in cui le scadenze stabilite non vengano rispettate, il Team dovrà versare una sanzione pecuniaria di 1000 CHF al giorno di ritardo all'UCI. Inoltre, quando i ritardi superano i 15 giorni, il Team dovrà - a meno che circostanze di natura eccezionale non richiedano diversamente - essere sospeso dalla partecipazione a qualsiasi evento internazionale per un periodo determinato dalla Commissione Disciplinare dell'UCI. La sospensione non deve essere inferiore a 15 giorni e non superiore a 45 giorni».

Tutto giusto, naturalmente, tutto previsto dai regolamenti, tutto normale. Ma forse tempi e modi potevano esser studiati in modo diverso, soprattutto dopo aver fornito alle squadre le indicazioni e le risposte che stanno aspettando da settimane.

Questione di punti di vista...

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ciclismo giovanile comasco fermo fino al 2021. Niente gare e dispersione di corridori che, fermi da marzo e senza la prospettiva di competizioni, non si stanno più ripresentando agli allenamenti. È un quadro a tinte fosche quello che riguarda l’attività...


Le abbiamo viste i piedi di Gilbert in mezzo alla polvere della Roubaix, ma anche osservate bene indossate da Geraint Thomas e Carapaz, vincitori rispettivamente di Tour de France 2018 e Giro d’Italia 2019. Insomma,  le Infinito R1 di Fi'zi:k...


Manca meno di un mese alla tanto attesa quanto desiderata ripartenza, con il WorldTour che scatterà il primo di agosto con la “Classica del Nord più a Sud d’Europa”, vale a dire le Strade Bianche. Ed è proprio da Siena...


Anche in Franci a ieri si è ricominicato a gareggiare ed è stato Thibault Guernalec, portacolori del Team Arkéa-Samsic, a conquistare il successo nella crono SportBreizh di Plouhinec. La prova, aperta a professionisti e dilettanti epoi alle categorie giovanili, si...


E’ il 3 giugno 1990, si corre la Moena-Aprica, sedicesima tappa del Giro d’Italia. Per la prima volta la corsa rosa affronta il Mortirolo, seppur dal versante di Monno, il meno ripido. All’inizio della salita un ragazzino romagnolo classe ’77...


Il cognome Bergamo, nel ciclismo professionistico, si declina con i nomi propri si Marcello, Emanuele – due fratelli – e Marco, professionista trentino della Val di Non, per quattro anni, nella seconda metà del decennio 1980. Per spessore e rilevanza...


L'ispirazione l'ha avuta dal fratello Marco, ma il suo modello è Tom Dumoulin. Nicola Plebani, fino allo scorso anno juniores nel Team F.lli Giorgi, fa parte della nuova generazione di giovani talenti del bergamasco. Classe 2001, diciannove anni a ottobre,...


Quando ripartiremo? Una domanda che anche il mondo del ciclismo, tecnici, atleti e appassionati si sono ripetuti ossessivamente per mesi. Oggi questa domanda ha finalmente una risposta: si ripartirà mercoledì 9 luglio con la prima prova del Master delle Piste che...


  L’intervista. Ilaria Sanguineti, “Sono pronta per il rientro in Spagna”Dopo due anni in maglia Valcar-Travel & Service (e altrettanti quando era ancora una junior) Ilaria Sanguineti si appresta a vivere una stagione spartiacque della sua carriera. Sì, perché il...


Il portoghese della UAE Team Emirates si è imposto nella “Prova de Reabertura” del calendario ciclistico portoghese corsa oggi ad Anadia. Costa ha coperto i 22 chilometri del percorso in 28’10”. Secondo posto per Rafael Reis (Feirense) in 28’13”; terzo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155