ADDIO A GIUSEPPE CAINERO, FU GREGARIO DI COPPI E DEFILIPPIS

LUTTO | 22/05/2020 | 11:21
di Franco Bocca

Ancora un lutto nella grande famiglia del ciclismo torinese. Si è spento nella sua casa di Altessano, all'età di 87 anni, Giuseppe Cainero, che gareggiò tra i professionisti dal 1956 al 1961 al servizio di capitani che si chiamavano prima Fausto Coppi e poi Nino Defilippis. Nato in provincia di Udine, ma trasferitosi ad Altessano quando era ancora in fasce, tra i dilettanti aveva vinto tra l'altro la Coppa Sicurtà, la Torino-Cuneo, il Trofeo Camurati e il campionato piemontese d'inseguimento su pista. Nel '52 giunse 3° nel G.P. d'Autunno, gara di 215 chilometri aperta a dilettanti e indipendenti vinta al Motovelodromo da Defilippis, che in quella stagione aveva già conquistato una tappa e indossato la maglia rosa al Giro d'Italia.

Passò professionista nel '56 nella Carpano-Coppi, voluto espressamente dal Campionissimo, che ne aveva individuato le doti di passista-scalatore stilisticamente perfetto. Nella stagione del debutto giunse 2° nel Campionato di Zurigo (1° Clerici) e nella Milano-Vignola (1° Baffi), 3° nel Giro del Ticino. Nel '58 diede vita con altri 8 corridori ad una maxi-fuga nella Milano-Sanremo: transitò primo sul Turchino e fu tra gli ultimi, nel finale, ad arrendersi all'incalzare del gruppo. A metà stagione conquistò il fiore all'occhiello della sua carriera imponendosi in volata nel Campionato di Zurigo, davanti al tedesco Junkermann e agli elvetici Graf e Gimmi.

Sceso dalla bici, entrò nella Polizia Municipale di Venaria, di cui divenne comandante: ruolo che ricoprì fino al pensionamento, avvenuto nel 1994. Da tempo sofferente, Giuseppe Cainero lascia nel dolore la moglie Clelia e i figli Gisella e Roberto. I funerali saranno celebrati sabato alle 14,30 nella Parrocchia San Lorenzo Martire di Altessano.

da La Stampa - edizione di Torino

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Una vittoria al Tour de France 1998 indossando la maglia Gialla dalla prima all'ultima tappa, sette successi di tappa ottenuti in vari anni sempre al Tour, il campionato mondiale su strada a Verona nel 1999, due vittorie al Giro d'Italia...


Prendete la preparazione e le nuove brillanti idee di fi:zi’k, mettetele insieme allo stile unico di PEdALED ed ecco a voi le nuove Jary Terra Powestrap X4, calzature votate all’avventura e pronte per voi dopo aver sfidato alcuni dei sentieri più duri al...


Tutti insieme a protestare per la nmorte di un ragazzo investito. I professionisti ecuadoriani - Richard Carapaz (Ineos), Jonathan Caicedo (EF), Jefferson Cepeda (Caja Rural) e Alexander Cepeda (Androni) - sono scesi in piazza insieme ad un altro centinaio di...


Nella nuova GB Junior Team, formazione della categoria Juniores, è arrivato quest'anno Riccardo Groppo. Riccardo è il figlio di Marco Groppo, ex professionista e promessa del ciclismo italiano negli anni Ottanta, vincitore della classifica dei Giovani al Giro d'Italia del...


Chiariamolo subito, è un quiz nel quale non si vince nulla se non la soddisfazione - soprattutto se non si è un po' in là con gli anni - di riconoscere al volo i campioni che vi proponiamo. Quindi non...


  Una bicicletta Specialized personalizzata, donata a Papa Francesco dal campione del mondo Peter Sagan, una maglia della Roma in edizione limitata e la fascia di capitano, entrambe autografate da Francesco Totti, il body da gara autografato di Filippo Tortu...


Un messaggio di rinascita attraverso lo sport. Obiettivo tricolore è la grande staffetta di Obiettivo3*, un lungo e appassionante viaggio che in due settimane (dal 12 al 28 giugno) vedrà oltre cinquanta atleti paralimpici, tra i quali il campione Alex...


Proseguono i lavori di preparazione della 6 Giorni delle Rose di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), in programma al Velodromo “Attilio Pavesi” dal 30 luglio al 4 agosto, nuova collocazione nel calendario dopo un primo rinvio della manifestazione (che in origine sarebbe...


La bicicletta sta vivendo una nuova giovinezza, favorita dall'emergenza e dalle nuove regole che governano la nostra vita. E le due ruote possono diventare uno strumento prezioso anche per le vacanze, per scoprire l'Italia, per imparare ad amare il nostro...


Sono i paradossi - forse inevitabili ma sempre paradossi - del ciclismo che cerca di ripartire. L’Uci non ha ancora fornito alle squadre alcuna indicazione su protocolli e norme da seguire, ma chiede sin d’ora indicazioni su raduni e ritiri...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155