L'ORA DEL PASTO. LA BICI VERTICALE

NEWS | 22/02/2020 | 07:40
di Marco Pastonesi

 

E’ un’assurdità, un’impossibilità, un paradosso. Dunque è un sogno, un’illusione, un’utopia. Ma è anche una sfida, un progetto, uno slancio.

La bici verticale. Da alpinisti, da sherpa, da free climber. E da sognatori, illusionisti, utopisti. Per salire, di più, arrampicarsi, di più, scalare, di più, ascendere.

E’ solo un’insegna, ma è anche un simbolo, un’aspirazione, un messaggio. Una bamdiera immobile, un’icona metallica. Per decollare e volare, per raggiungere le nuvole e arrivare al cielo, per trasformare le gambe in ali e vincere la forza di gravità.

Spuntano bici verticali. Questa è argentina, fotografata a Buenos Aires, ma ce ne sono anche a Milano e Roma. Verticale deriva da vertice, può dare le vertigini e far vibrare le vertebre. Le bici verticali non solo si lubrificano, ma si librano e si liberano.

Si vedono bici verticali per segnalare ciclofficine, presidiare musei, indicare mostre. Tese, appese, sospese. Sono imprese, quelle bici verticali, a prescindere dallo scopo, dall’obiettivo, dalla missione. Puntano in alto, mirano allo zenith, cercano l’assoluto.

Intanto la stagione delle corse è cominciata. I corridori hanno già abbandonato l’orizzontalità dei deserti e dei lungomari e affrontano l’obliquità degli zampellotti e degli strappi prima di cimentarsi con la verticalità delle colline e dei colli, dei valichi e delle forcelle, dei passi e delle montagne. Orizzontale e verticale, il ciclismo è fatto di parole crociate.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Andrei Tchmil affida ai social un messaggio che ci fa tornare il sorriso. «Cari amici, vent'anni anni fa ho vinto la corsa dei miei sogni. Ora, a vent'anno di di stanza, ho dovuto combattere contro un altro avversario, che sembrava...


I professionisti francesi vogliono tornare ad allenarsi. E attraverso il loro presidente Pascal Chanteur hanno scritto una lettera al ministro dello Sport Roxane Maracineanu. «Chiediamo soltanto di essere trattati come gli altri lavoratori, come gli altri francesi - spiega Chanteur-....


L'elicottero si alzerà tra poco, alle 11, ovvero all'ora in cui i corridori del Giro delle Fiandre avrebbero dato il primo colpo di pedale. Si alzerà in volo da Anversa, da dove la corsa avrebbe dovuto partire. E volerà per...


"Le persone di diritto internazionale non sono tenute ad attenersi ad diritto dello stato se le norme non sono giuste". Marco Brazzo (il ciclista trentino balzato agli onori delle cronache il 15 marzo), si rivela un ottimo oratore e...


Mattia Frapporti, ventisei anni il prossimo 2 luglio, è un altro dei professionisti che vivono nella provincia di Brescia, una delle più colpite dalla pandemia Coronavirus. E’ passato tra i prof nel 2017 ed è sempre rimasto alla corte del...


  Immaginate di essere in un bar dello sport, fra vecchi della “parrocchia”, a raccontare storie di ciclismo. Qui, ritrovate nei miei cassetti, ce ne sono di meravigliose. “Quando trovava Eddy Merckx, Gino Bartali gli diceva: ‘Vieni qui, che ti...


Gabriel Fede è, nel suo genere, un corridore polivalente: forte su strada, ottimo nel ciclocross, bravo in pista. Diciasette anni tra pochi giorni (sabato 11 per la precisione, ndr), Gabriel è una giovane promessa che risiede nel cunese, a Santa...


Lo zampino dei pro serve sempre, soprattutto in casi come questo. È così che nasce Watt, la nuova sella per il triathlon di Selle Italia sviluppata insieme al campione Patrick Lange e al Team BMC-VIFIT. Ovviamente c’è il grande lavoro del reparto...


La Granfondo Squali - Trek di Cattolica e Gabicce Mare dà appuntamento a tutti al 14-15-16 maggio 2021. per leggere l'intero articolo vai su tuttobiciìtech.it


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155