KOMETA. JUAN CAMACHO SI RITIRA PER PROBLEMI AL GINOCCHIO DESTRO

CONTINENTAL | 17/01/2020 | 08:47

Il ciclista spagnolo Juan Camacho del Fresno ha confermato il suo ritiro dal ciclismo professionistico a poche settimane dall'inizio ufficiale della stagione 2020. Il portacolori della Kometa-Xstra Cycling Team ha preso questa decisione come conseguenza di ricorrenti problemi al ginocchio destro che gli impediscono di allenarsi normalmente. Camacho, che si preparava ad affrontare la sua terza stagione nella struttura Continental della Fondazione Alberto Contador, era diventato il membro più anziano della squadra.

«Non è una decisione facile da prendere, ma la scorsa stagione ho avuto qualche problema al ginocchio dai quali non mi sono ancora ripreso del tutto. Solo nella seconda metà della scorsa stagione ho iniziato a sentirmi meglio, ma il disagio non è mai andato via del tutto. Non posso dare il massimo in bicicletta, i dolori a volte sono difficili da sopportare e questo alla fine ti logora  psicologicamente. Pensavo che per il 2020 sarei stato in grado di riprendermi, ma a fine novembre ho avuto di nuovo qualche problema mentre ero ad Alicante. Sono molto grato alla Fondazione Alberto Contador e a Fran Contador per il sostegno che ho ricevuto in questo periodo. Avrei voluto ripagare della fiducia in corsa, con delle vittorie» spiega Camacho.

 

ENGLISH VERSION

Juan Camacho leaves professional cycling as a result of problems with his right knee

The La Mancha cyclist Juan Camacho del Fresno confirmed his retirement from professional cycling on Friday, just a few weeks before the official start of the 2020 season. The Kometa-Xstra Cycling Team rider has taken this decision as a consequence of recurrent physical problems in his right knee that prevent him from exercising normally. Camacho, who was facing his third season in the continental structure of the Alberto Contador Foundation, had become the oldest member of the team.

"It's not an easy decision to make, but last season I had some problems in this knee that I haven't quite recovered from. It wasn't until the second half of last season that I started to feel better, but the discomfort has never completely gone away. I can't give it my all on the bike, the pains were sometimes difficult to bear and that's something that in the end diminishes you psychologically. I thought that by 2020 I would be able to recover for good, but at the end of November I had again some discomfort while I was in Alicante and I started to have more clarity. I am very grateful to the Alberto Contador Foundation and Fran Contador for the support I have received during this time. I would have liked to have been able to give it back to them on the road, with victories," explains Camacho.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ieri ci era andato vicino,  cogliendo il secondo posto. Oggi Jhonatan Restrepo al Tour du Rwanda ha centrato il bersaglio grosso andando a vincere la terza tappa (Huye-Rusizi di 142 chilometri). Il 25enne colombiano conferma così il suo grande stato...


Gli organizzatori del Giro di Svizzera, in programma quest'anno dal 7 al 14 giugno, hanno ufficializzato le due wildcard a loro disposizione. Ad affiancare le 19 squadre di WorldTour e la Total Direct Energie - formazioni ammesse di diritto alla...


Per Gregorio Ferri questa stagione è cominciata in salita. Il corridore bolognese classe 1997 del Team Beltrami TSA - Marchiol, dopo un grande 2019 (quattro vittorie e cinque secondi posti, con tanto di partecipazione in azzurro ad Europei e Mondiali...


Nessuno di loro era nato quando la Mapei dominava il nome del ciclismo, nessuno pensava di suscitare tanto clamore nell’indossare una maglia con quel logo e soprattutto con quei cubetti che sono stati per un decennio il colore del ciclismo....


La scena è successa a Vò Euganeo, paesino in quarantena per il Coronavirus. I Carabinieri chiudono l'accesso ed effettuano uno sbarramento all'ingresso del paese. Sono ben 10 i blocchi che chiudono l'accesso al borgo veneto. Un giornalista di Repubblica intervista...


Alessandro Fancellu ha deciso di non far aspettare troppo i suoi tifosi e, alla seconda gara professionistica della carriera, si è ritrovato a lottare per la classifica generale del Tour of Antalya. Alla fine ha chiuso terzo, a soli...


  Michele Coppolillo, validissimo professionista nelle stagioni dal 1991 al 2001, è indicato dagli annuari quale terzo corridore ciclista originario della Calabria approdato al professionismo e poi, come vedremo, seguito da un quarto. L’hanno preceduto Giuseppe Canale, nato a Reggio...


Nice, multinazionale italiana con sede a Oderzo (Treviso) leader internazionale nei settori dell’Home Automation, Home Security e Smart Home, prende parte all’innovativo progetto di automazione del nuovo headquarter Pinarello. La storia di Cicli Pinarello inizia proprio a Treviso nel 1953,...


    Il Team Pieri Calamai di Settimello di Calenzano è una bella realtà del ciclismo juniores toscano, dove passione ed impegno vanno di pari passo sostenuti dal presidente Piero Pieri, da Leonardo Forconi e dal direttore sportivo Federico Fioravanti,...


Sono importanti le novità che vanno a caratterizzare questa nuova stagione dell'ASD GS Guadense, guidata dal presidente Angelo Gallio: una squadra storica nel panorama padovano, da sempre impegnata nell'avvicinamento per i giovani allo sport del pedale e molto attiva nell'organizzazione...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155