JUNGELS. «ANNO IN CHIAROSCURO, MI CONCENTRERÒ SULLE CLASSICHE»

PROFESSIONISTI | 08/11/2019 | 07:02
di Luca Galimberti

 

Il periodo di transizione tra un anno sportivo e l’altro è per tutti gli atleti un momento di bilanci. Anche Bob Jungels, detentore del titolo di campione nazionale del Lussemburgo sia su strada che a cronometro ha ripercorso il suo 2019, che peraltro non è stato il suo anno migliore

Intervistato dalla radio lussemburghese RTL, il corridore della Deceuninck Quick Step ha spiegato che - dopo un buon primo periodo di stagione in cui ha gioito per la vittoria nella Kuurne–Bruxelles–Kuurne, si è ben comportato nella Parigi – Nizza (8° della generale), è giunto quinto alla E3 BlinkBank Classic ed è salito sul terzo gradino del podio alla Dwars door Vlanderen - l’annata non è proseguita come avrebbe voluto.

«Ho preparato il Giro d’Italia (chiuso al 33° posto, ndr) lavorando intensamente ma tralasciando di fare una pausa per recuperare dopo le classiche: questo si è rivelato un errore grave. Non sono riuscito ad trovare una buona forma fisica e questo anche a livello mentale non mi ha aiutato, al punto che la mia corsa rosa è stata decisamente in calando».

Nell’intervista Jungels sottolinea: «Nelle ultime stagioni i protagonisti dei grandi giri sono giovani scalatori, dal fisico longilineo che pesano tra i 55 e i 60 chili, caratteristiche fisiche ben diverse dalle mie che peso 72 chilogrammi e sono alto 189 centimetri. Questo dato di fatto mi porta a riflettere su come le corse di un giorno, le classiche, siano più nelle mie corde. Mi piacciono perché posso provare ad attaccare da lontano e sono meno scontate. Ma nel mirino potrei mettere anche corse a tappe sicuramente importanti come la Parigi–Nizza e la Tirreno–Adriatico».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

L'eritreo Mulu Hailemichael ha vinto a Huye la seconda tappa del Tour du Rwanda. Il portacolori della Nippo Delko Provence, classe 1999, ha preceduto allo sprint il colombiano Restrepo della Androni Giocattoli - Sidermec e l'eritreo Biniam Girmay Hailu, anche...


Un altro podio in stagione e una vittoria sfiorata per l’Androni Giocattoli Sidermec che nella seconda tappa del Tour du Rwanda ha visto chiudere al secondo posto Jhonatan Restrepo. Il colombiano dei campioni d’Italia conferma così il suo brillante inizio...


Sotto il sole degli Emirati, Mauro Vegni divide i suoi pensieri fra la corsa - della quale è direttore - e l'Italia. Stamane, prima della partenza della seconda tappa del Tour, il dirigente del RCS Sport ha spiegato: «La situazione...


Un cambio netto per lasciarsi alle spalle un 2019 avaro di soddisfazioni. Romain Bardet, dopo sette anni in cui si è concentrato esclusivamente sul Tour de France, ha deciso di puntare per la prima volta sul Giro d’Italia. Ecco perché il Tour...


Operazione antidoping dei Carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria: fatta luce su una morte sospetta e smantellato un ingente traffico di anabolizzanti in palestre e nelle competizioni sportive; nove le misure cautelari personali, tra cui un forestale, e 20...


«Non è sempre facile essere me, ma i ciclisti... so­no masochisti». La bici è sofferenza, anche se sei un fenomeno. An­che se sei passato professionista a 18 anni e pronti-via hai sorpreso il mondo e te stesso vincendo fior di...


Una settimana di riposo forzato, la conseguente rinuncia alla Volta ao Algarve e poi finalmente Davide Ballerini ha potuto tornare in sella e riprendere ad allenarsi. A conclusione di un allenamento sulle strade svizzere, il portacolori della Deceuninck - Quick-Step...


Alla vigilia della stagione 2020, il BEAT Cycling Club si rafforza con l’arrivo di Stefano Museeuw, 22 anni. Il figlio minore di Johan Museeuw è l'undicesimo corridore della squadra. Non è un segreto che il BEAT Cycling Club intenda utilizzare...


È stata la suggestiva location del Palazzo della Regione Lombardia a fare da sfondo alla presentazione della Ktm Protek Dama, uno dei team lombardi di spicco del panorama del fuori strada. per leggere l'intero articolo e sfogliare la Gallery vai su...


Dal lunedì al sabato si allena come se la domenica potesse correre. Lavori, distanza, scarico, dietro moto. Poi, però, la domenica rimane a casa: niente numero dorsale, niente foglio firma, niente pronti via. Da venti mesi Andrea Innocenti è un...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155