PICCOLO LOMBARDIA. EDO MAAS RECUPERA MA RESTERA' PARAPLEGICO

MEDICINA | 17/10/2019 | 14:44

Al Piccolo Lombardia Edo Maas, 19enne olandese del Team Sunweb Contintental, si è schiantato contro un'auto che era entrata nei percorsi durante la discesa della Madonna del Ghisallo. Edo è stato immediatamente trasportato all'ospedale Niguarda di Milano con gravi ferite e da allora è ricoverato. Il team Sunweb e la famiglia di Edo sono estremamente grati al personale medico e infermieristico dell'ospedale Niguarda per l’impegno, la dedizione e la cortesia con cui hanno seguito Edo.

Su richiesta della famiglia, oggi il team fornisce un altro aggiornamento.

Edo è ora pienamente cosciente e risponde bene alla famiglia e ai compagni di squadra che gli hanno fatto visita. Le fratture alla schiena e le lesioni al viso hanno richiesto numerosi interventi chirurgici intensivi nell'ultima settimana, tutti riusciti.

Edo sta attualmente elaborando la diagnosi che la frattura alla schiena ha portato alla paraplegia, una perdita di sensibilità nervosa nelle gambe. In questo momento è improbabile che la funzionalità delle sue gambe tornerà mai, ma prevalgono in lui la volontà di combattere e la speranza.

In questa fase non sono disponibili ulteriori informazioni sulle condizioni di Edo. Chiediamo di rispettare Edo e la privacy della famiglia, mentre elaborano questa difficile notizia. Un altro aggiornamento verrà fornito quando necessario.

Anche se questo non cancellerà questa tragica tragedia, chiediamo ancora una volta al nostro organo di governo (UCI), di dare priorità - in termini di tempo e di risorse - per migliorare la sicurezza in gara per le squadre e i loro corridori.

Questa settimana è stata estremamente difficile per la famiglia del Team Sunweb, di cui Edo e i suoi cari sono e rimarranno sempre parte fondamentale. Mandiamo a loro tutto il nostro incitamento ed eleviamo le nostre preghiere per aiutarli in questo momento difficile.

comunicato Team Sunweb

Copyright © TBW
COMMENTI
Ciclisti mal tollerati
18 ottobre 2019 08:50 piuomeno
Ammesso che non conosco la dinamica dell'incidente e non mi permetto di mettere in dubbio la causa nella fatalità, non posso non fare una riflessione sulla difficoltà che si riscontra nell'imporre il blocco del traffico agli automobilisti in occasione del transito di una gara ciclistica. Neppure il personale in divisa è esente da insulti ed intolleranza, figuriamoci un volontario con la pettorina di servizio. Personalmente ho assistito a scene indegne di un paese civile e non rispetto del blocco del traffico.
Comunque rivolgo i migliori auguri al forte Edo nella speranza di una sua completa guarigione. Forza Edo, W il ciclismo.
Maurizio

che tragedia..
18 ottobre 2019 08:56 zzod79
in bocca al lupo ragazzo!!

mai più accada
18 ottobre 2019 12:51 geom54
i più grandissimi auguri possibili al ragazzo e vicinanza ai genitori.

SANZIONI
19 ottobre 2019 10:44 a01500
Sono d'accordo con piuomeno: nessun rispetto per gli addetti alla sicurezza dei corridori. Secondo me bisognerebbe prevedere ritiro della patente e confisca dell'auto oltre a condanne penali a chi si rifiuta di aspettare 10 minuti e si immette sui percorsi incurante degli addetti (magari insultandoli pure). Tolgono la vita o in questo caso la rovinano per sempre a ragazzi ventenni!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ve ne avevamo già dato contezza: il Giro dovrebbe effettivamente partire da Palermo. Oggi anche l’ottimo Cosimo Cito su “La Repubblica” ha riportato questa nostra anticipazione arricchendola di qualche particolare molto interessante. Intanto lo scambio di Grandi Partenze o Grand...


Grazie all'impegno e alla disponibilità della famiglia di imprenditori Pedron, grande amica del ciclismo, il Reparto di Terapia Intensiva e Patologia Neonatale dell'Azienda Ospedaliera dell'Università di Padova potrà disporre di una preziosa apparecchiatura ad ultrasuoni necessaria a monitorare le funzioni...


La diciasettesima tappa della HTV Cup . la Da Lat - Bao Loc di 110 km - ha visto l'ennesima volata sulle strade del Vietnam ed il successo è andato a Le Nguyet Minh (Ho Chi Minh City - MM...


«Dopo tre mesi di stop, comincio ad accusare l'astinenza da corse, ho bisogno dell'adrenalina da competizione...». Gianni Savio scalpita, non vede l'ora di tornare in ammiraglia, anche se ovviamente in questi mesi di pandemia non è mai stato fermo. «È...


Una storia che profuma d’altri tempi sia per il personaggio a cui si ispira che per quella sorta di dilettantismo - nel senso più puro della parola - che le ruota attorno. La storia è quella dell’Università Saint Augustine di...


Pochi giorni fa, per la precisione il 27 maggio, ha tagliato il traguardo dei suoi primi 50 anni e per l'occasione ha fatto uno strappo alla regola, accettando l'invito di BlaBlaBike che lo ha voluto intervistare: è proprio Michele Bartoli...


Parliamo di Gabriele Landoni, corridore professionista dal 1977 al 1983, passato nella massima categoria all’età di 24 anni essendo nato il 26 marzo 1953. E’ di Cislago, paese in provincia di Varese, ai margini con quelle di Milano e Como,...


Viene da Olbia uno fra i giovani più interessanti della Sardegna. Parliamo di Lorenzo Mura, diciotto anni compiuti, con alle spalle una bella lista di successi dei quali quattro conseguiti nella passata stagione, la prima con gli Juniores. Bicampione...


Sei giugno, dolce sei giugno. Giuseppe Saronni oggi sei giugno 2020 ha buoni motivi per brindare: sono trascorsi esattamente 41 anni dal suo primo trionfo in classifica generale al Giro d’Italia. Lo straordinario campione nel 1979 al Giro vinse maglia...


Ora che possiamo finalmente rimetterci in viaggio e superare in auto i confini regionali, ritorna il desiderio di spostarsi per le vacanze, magari portandoci dietro la nuova bici acquistata anche grazie al Bonus Mobilità. Come trasportare la bici se l’auto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155