TRE VALLI. VISCONTI: «MI VIENE DA STRINGERMI LA MANO DA SOLO...»

PROFESSIONISTI | 08/10/2019 | 17:59
di Giorgia Monguzzi

 

Finale al cardiopalmo per la novantanovesima edizione della Tre Valli Varesine che ha visto giungere al traguardo, dietro l’imbattibile Primoz Roglic, un ottimo Giovanni Visconti che con la vittoria della volata del gruppo si è garantito un ottimo secondo posto.

«il fatto che abbia vinto Roglic dà veramente lustro alla corsa. Certo, bisogna ammettere che c’è un po’ di amarezza per non aver raggiunto la vittoria, ma oggi Primoz ha dimostrato di essere un campione autentico e di avere una forma strepitosa. Nel finale me lo sono visto letteralmente partire davanti agli occhi, è diventato immediatamente imprendibile; quando qualcuno parte in questo modo nel finale di una corsa così impegnativa non si può dire che abbia avuto fortuna, ma solo che è semplicemente il più forte. Io ho cercato di fare il mio, sapevo che l’unica carta la potevo giocare era in volata e così ho fatto, infatti ho vinto quella del gruppo garantendomi un ottimo secondo posto».

Visconti è stato uno di quegli atleti che non è stato coinvolto nello sbaglio della direzione, ma ha vissuto la vicenda da un’altra prospettiva. «Bisogna ammettere che c’è stato un finale convulso, vedevamo il gruppo di Nibali, eravamo davvero vicini, ad un certo punto però non li abbiamo più visti, erano scomparsi. Eravamo convinti che fossero andati così tanto d’accordo da riuscire sia a riprendere Sanchez che a guadagnare un buon margine di vantaggio. Soltanto dopo abbiamo saputo di quanto era successo: io penso che siano loro ad aver sbagliato, non si possono dare colpe ad altri, non lo ritengo corretto, dopo tutto avevano già fatto quella strada e avrebbero dovuto conoscere il percorso. Quelle sono sempre fasi complicate della corsa in cui spesso si perde la concentrazione, ma francamene sono cose che a questi livelli non possono proprio accadere».

La Tre Valli Varesine è stata anche la terzultima corsa valida per la Ciclismo Cup che vede in testa l’Androni Giocattoli marcata ad uomo dalla Neri Sottoli. Una sfida molto forte che Giovanni Visconti sente in prima persona e per la quale approfitta per togliersi qualche sassolino dalla scarpa: «il discorso della ciclismo Cup è molto difficile, oggi con il mio secondo posto abbiamo guadagnato dei punti molto importanti, ora il nostro distacco è proprio ristretto, ma mancano due corse davvero complicate nelle quali fare punti sarà molto difficile. Senza peli sulla lingua, mi sento di dire che meriteremmo di vincere questa Ciclismo Cup: noi abbiamo sempre corso per vincerla e mai per farla perdere agli altri. A noi della Neri tocca sempre correre due gare diverse: una per vincere la corsa effettiva e un'altra per scrollarci di dosso gli Androni che ci seguono a uomo e non collaborano per paura che noi guadagniamo punti. Queste cose non sono belle né da vivere né da dire, ma a me piace esprimermi sempre tranquillamente e descrivere la situazione come è veramente. Il ciclismo è bellissimo, ma purtroppo c’è anche questo tatticismo. Per noi dei team Professional la Ciclismo Cup è tutto, è importante vincere non tanto per garantirci un posto al Giro, perché penso che questo non conti più, è più che altro qualcosa di prestigioso, un traguardo molto ambito che certifica che siamo la prima squadra in italia».

Insieme al secondo posto di oggi per Visconti arriva anche la vittoria nel Trittico Regione Lombardia, un traguardo molto importante per il siciliano che ha dovuto affrontare una seconda parte di stagione molto sfortunata. «Se penso a quello che è successo a luglio, non posso che essere felice per quello che sono riuscito a raggiungere, lo considero un traguardo straordinario, sono proprio soddisfatto della mia forma e devo ammettere che alcune volte mi viene da stringermi la mano da solo. Se provo a pensare a come ero messo a metà luglio, con un buco nel fianco e costretto ad allenarmi con il drenaggio addosso, mi sembra quasi impossibile immaginare di essere tornato ancora competitivo e invece sono ancora qui, a quasi 36 anni a giocarmela con tutti gli altri. Devo ammettere che non è stato per nulla facile, ma mi hanno sempre insegnato che i sacrifici pagano sempre e penso di averne dato una dimostrazione anche oggi».

Da parte di Giovanni Visconti una dedica speciale per la vittoria del diamante del trittico lombardo: a suo cugino Ciro, grande tifoso e venuto a mancare esattamente 6 anni fa per una brutta malattia e a Iannelli, il giovane ciclista morto in seguito ad una caduta in volata.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Alberto Bettiol ha prolungato il suo contratto con EF Pro Cycling per un anno. Ad annunciarlo sul sito della squadra è il team manager Jonathan Vaughters che spiega: «Alberto è una parte importante del nostro team per non dire altro....


Su un percorso completamente rinnovato rispetto alle passate edizioni, quelle che si sono concluse con la doppia scalata del Colle di Superga, torna in scena oggi la Milano-Torino che riscopre il suo vecchio ruolo di apripista per la Sanremo. Proprio...


Qualità e tecnicità sono due voci che precedono da sempre il marchio Assos e nessun appassionato ne fa mistero, posizionando spesso quanto prodotto dalla storica azienda svizzera ai primi posti delle proprie preferenze. Il completo Equipe RS rappresenta la punta...


Montegrotto Terme (Pd) riparte dal ciclismo con una volata lunga un intero mese. Il Campionato Italiano Juniores allestito dal Gs Work Service Brenta, inizialmente programmato per il 14 giugno scorso, si disputerà sabato 5 settembre.La macchina organizzativa condotta dal patron Massimo...


Il conto alla rovescia è terminato, tutto è pronto per la partenza del 77esimo Tour de Pologne - UCI World Tour che prenderà il via oggi dallo stadio Slaski di Chorzów con una tappa di apertura lunga 198 km. I...


Dopo la cancellazione della quasi totalità degli eventi in programma, l’agosto 2020 della categoria Under23-Elite si profilava come un mese desolante. La voglia di fare qualcosa per uscire dallo stallo di questa situazione, ha portato Gianni Pederzolli - team manager...


  Alla fine ce l'hanno fatta, correndo da grandi protagonisti anche l'ultima serata: Davide Plebani e Stefano Moro (Rosti) si sono aggiudicati al Velodromo "Attilio Pavesi" di Fiorenzuola d'Arda (Piacenza) la 23^ edizione della 6 Giorni delle Rose, con 100...


Italiani in bella evidenza anche sulle strade della Svizzera in quello che è stato il weekend di riapertura del grande ciclismo. Domenica a Isikon, alle porte di Zurigo, infatti, il Velo Club Mendrisio ha potuto festeggiare il terzo posto...


  E’ alto e magro, maldestro e sbadato, ottimista e fedele. Non a caso è un cane. Però cammina su due piedi e non a quattro zampe, è nato negli Stati Uniti, parla inglese (anche italiano, e chissà quante altre...


Davide Cimolai è pronto per le corse di casa. Il corridore classe 1989 della Israel Start Up, dopo un ottimo quarto posto alla Vuelta a Burgos sul traguardo Roa, la scorsa settimana, adesso vuole dimostrare le sue capacità in Italia....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155