GIRO 2020, MATAJUR A RISCHIO

GIRO D'ITALIA | 10/09/2019 | 14:23
di Antonio Simeoli

Quella che sembrava essere una certezza a luglio o giù di lì, negli ultimi giorni sta diventando una cosa complicata, forse troppo complicata. È a rischio l’arrivo di una tappa del Giro d’Italia 2020 sul Monte Matajur. Problemi logistici, infatti, stanno facendo prendere tempo agli organizzatori di Rcs e sono già pronti sul tavolo un paio di percorsi alternativi tutti nelle Valli del Natisone preparati da Enzo Cainero, il patron delle tappa friulane della corsa rosa, più che mai impegnato a definire il piano. Non è bastata una mezza dozzina di sopralluoghi tecnici nel periodo primavera-estate sulla salita simbolo delle Valli del Natisone e del Cividalese.



Nei prossimi giorni da Milano è annunciata un’altra visita della delegazione mandata dal direttore del Giro d’Italia, Mauro Vegni. Gli ostacoli più grossi da superare sono essenzialmente due: lo spazio ridotto per i mezzi della carovana rosa che c’è ai 1.320 metri di quota e dintorni del Rifugio Pelizzo, dove termina l’impegnativa scalata di 14 km che parte da Savogna via Cepletischis (la via scelta dagli organizzatori friulani per la scalata) e soprattutto l’assenza di una strada alternativa agli ultimi chilometri che da Montemaggiore portano al rifugio.


Problematiche che per decenni avevano escluso la montagna dai radar della corsa rosa, nonostante le abbuffate di grande ciclismo in Friuli negli ultimi 15 anni, ma che parevano essere risolte nelle ultime settimane. Ora spetterà a Vegni e ai suoi collaboratori la decisione finale. «I percorsi sono a disposizione - si limita a dire Cainero - comunque sia ne uscirà una tappa nelle Valli dal grande significato tecnico». Dai 3.800 ai 5 mila metri di dislivello: queste le altimetrie proposte da Cainero. L’arrivo, saltasse il Pelizzo, sarebbe a Cividale come nel 2016, perché anche la suggestiva location di Castelonte sarebbe impraticabile. Ma l’arrivo al “Piccolo Ventoux”, come nel mondo del ciclismo viene chiamata la montagna friulana per la vaga somiglianza col gigante della Provenza, intriga non poco anche a Milano. Insomma, si tenterà fino all’ultimo di chiudere con questo la seconda settimana del Giro 2020.

Calendario alla mano la tappa che partirà, come già anticipato, da Udine, si correrà o domenica 24 o lunedì 25 maggio il giorno dopo l’altrettanto intrigante Rivolto-San Daniele con il Monte di Ragogna da ripetere 4 o 5 volte nel circuito finale dopo la partenza dalla base di Rivolto appena le Frecce Tricolori avranno completato l’airshow esclusivo per corridori, carovana e pubblico, atteso alla base in massa per un evento senza precedenti al mondo. Poi? In un Giro che partirà dall’Ungheria, vivrà subito un sussulto con le tappe siciliane (cronoscalata dell’Etna?) e presenterà la crono del Prosecco a Conegliano e dintorni il giorno prima del Friuli, il gran finale verso ovest con Marmolada, Stelvio e l’inedita salita sterrata ai 2.700 metri del Fraiteve zona Sestriere prima dell’arrivo a Milano, forse con un’altra crono.


da il messaggero veneto del 10 settembre 2019

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
E come english. In sense of Giro’s official language. Sorry, rewind. I come inglese. Nel senso di lingua ufficiale del Giro. Perlomeno, la più utilizzata: sui profili social della corsa, l’italiano scritto è come un italiano in gara, viene...


La giornata più importante del Giro d'Italia è iniziata con una brutta avventura domestica per il ct Davide Cassani. Stamane, infatti, è rimasto vittima di un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze più gravi ed ha riportato alla mente quello...


Alla Vuelta di Spagna un altro ritiro importante: si tratta di Thibaut Pinot, che oggi non si è presentato al via della terza tappa che prevede l'arrivo in salita da Lodosa a La Laguna Negra. Il corridore della Groupama Fdj...


La nuova collezione invernale Equipe offre una naturale estensione dell’Assos Layering System, un sistema che abbina capi, quindi strati diversi, per garantire a chi pedala durante l’inverno la massima stabilità a livello di temperatura corporea. Il passaggio è semplice, più...


Giovanni Visconti non prenderà il via nella 18^ tappa del Giro d'Italia da Pinzolo ai Laghi di Cancano. Come informa Paolo Raugei, dottore della Vini Zabù - Brado - KTM, il siciliano soffriva da alcuni giorni di una tendinite del...


RCS Sport, in accordo con l'UCI (Union Cycliste Internationale) e con le squadre al Giro d'Italia, ha sottoposto queste ultime ad ulteriori controlli antigenici, al fine di rafforzare le misure sanitarie previste dal protocollo UCI, e nel rispetto delle misure...


Anche noi siamo sulla nostra Cima Coppi, la vetta più alta e più bella che la corsa rosa affronterà quest’oggi, mentre noi l’abbiamo scalata inconsapevoli ieri. Un altro record, per quanto ci riguarda pazzesco: in un solo giorno 145.142 visitatori,...


Comunque vada la corsa, non avrà tempo di brindare in cima allo Stelvio e allora lo facciamo qui, tutti insieme perché il traguardo che taglia oggi Roberto Bettini è davvero importante. «Succede anche questo nel 2020: si cambia decennio, il...


Stelvio chiuso da ieri pomeriggio verso le 17, ma qualcuno ha deciso di salire comunque in vetta e di dormire al gelo. Pochi, pochissimi, 15 persone in tutto (contate passando in auto stanotte). Soluzioni come tenda, e inevitabile mangiata...


Guerciotti è pronta a presentare la sua nuova gamma elettrica, che sarà svelata lunedi 26 ottobre alle ore 19.00 su tutti i canali social dell’azienda milanese. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155