CIAO FELICE. GHIROTTO: «PERDO UN GRANDE PRESIDENTE, PERDIAMO UN GRANDE UOMO»

STORIA | 19/08/2019 | 08:06
di Danilo Viganò
«Più che il campione ricordo l'uomo che è stato Felice Gimondi. Per intenderci si toglieva il cappello come gesto di saluto di fronte a una signora. Questo era Felice...». Così Massimo Ghirotto, ex professionista vincitore di tappe al Giro, Tour, Vuelta, Giro di Svizzera e di una prova di Coppa del Mondo parla del suo presidente.
Massimo è il team manager della squadra corse di Mountain Bike della Bianchi, che purtroppo a fine anno cesserà l'attività dopo 29 stagioni.
 
Come è nata la sua collaborazione con Gimondi?
«Una sera di fine anno 1999 mi chiamò al telefono e mi disse se volevo prendere in mano la squadra di mountain bike della Bianchi. Mi parve strano, io che arrivavo dalle gare su strada, essere considerato da Gimondi per questo incarico. Ci pensai solo un attimo, infine accettai e ci accordammo per vederci. Da quel giorno abbiamo passato insieme vent'anni».
 
Tra lei e Gimondi ci sono stati contrasti sulle decisioni sportive da prendere per la squadra?
«Noi due non abbiamo mai avuto opinioni diverse, siamo sempre stati sulla stessa linea e sintonia. La sua fiducia era per me una guida, una garanzia di successo. Discutevo tutto con lui, lo informavo su ogni movimento del team, a volte capitava di sentirci anche tre-quattro volte al giorno. Anche adesso mi pare di sentire la sua voce, garbata e gentile. Non era così che doveva andare».
 
L'ultima volta che ha visto Felice?
«Tre settimane fa, eravamo in Val di Sole in Trentino per la Coppa del Mondo di Cross Country. Gimondi è venuto a trovarci, accompagnato dal fratello Alessio. Non amava fare discorsi, non era nelle sue corde, ma in quella occasione si alzò in piedi e con i suoi modi garbati fece un discorso ai ragazzi dicendo loro che a fine stagione la Bianchi avrebbe chiuso la squadra. Ringraziò lo staff tecnico e tutte le persone che avevamo lavorato per i team e il ripensarci oggi mi rattrista... È stata l'ultima volta che l'ho visto».
 
Ha un'ultima parola per Felice?
«Perdo prima di tutto un amico e poi il mio presidente. Mi viene un groppo in gola solo a pronunciare il suo nome. E' stato prima di tutto un grande uomo, purtroppo ce lo hanno portato via. Ciao Felice».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

È ormai diventata un’abitudine: chi partecipa ai criterium asiatici firmati da Aso vive una vigilia particolare, caratterizzata dall’incontro con i tifosi e da quello con le abitudini e le tradizoni locali. Non sono sfuggiti alla regola nemmeno i protagonisti del...


La BORA - hansgrohe completa il proprio organico per la stagione 2020 con l'ingaggio del ventiduenne austriaco Patrick Gamper, che si prepara così a debuttare nel WorldTour.«Confesso che il passaggio al WorldTour è stata una sorpresa fantastica per me, resa...


Tutto cambiato, in testa alla graduatoria della Sei Giorni di Gand e lotta che si fa serratissima con un solo punti a premiare i nuovi leader Ghys e De Ketele rispetto agli olandesi Van Schip e Havik, con i sorprendenti...


  Perché non parlare del ciclismo del futuro? I problemi non mancano ed allora un gruppo di società toscane su imput del dirigente valdarnese Luca Luman ha deciso di costituire su Facebook un gruppo denominato “Idee per il Ciclismo” al...


Il Team Colpack annuncia l’ingaggio del 19enne ceco Karel Vacek che torna a correre in Italia dopo un’anno di esperienza con la Continental americana Axeon guidata da Axel Merckx, ex professionista belga, figlio del Cannibale. Karel è ciclisticamente maturato in...


Dopo averlo vinto nel 2016, Davide Bramati conquista nuovamente l’Oscar tuttoBICI per il miglior direttore sportivo dell’anno. Il tecnico milanese di Vaprio d'Adda, professionista dal 1990 al 2006, ha avuto la meglio su Giovanni Ellena, vincitore un anno fa, e...


Lucano come Domenico Pozzovivo. Da Marsicovetere, nel Potentino, ecco Alessandro Verre, giovane promessa della Basilicata, 18 anni che nell'estate di 11 anni fa è salito in bicicletta per gioco e non è più sceso. Quest'anno, con la la maglia della...


Dopo il giorno di acclimatamento a Namche Bazar, siamo ripartit con il nostro trekking verso il Campo Base dell’Everest. Sulla carta quella che ci attendeva sembrava essere una delle giornate più semplici, con un cammino che portava da 3500 a...


Prima ancora di vincere o perdere, il ciclismo è rispondere "presente!". E loro ci sono, ci sono stati, e ci saranno ancora: sono gli oltre 70 campioni che dalle 11.30 di martedì 19 novembre, nella suggestiva cornice del Baluardo della Cittadella...


Chiusa con soddisfazione e ottimi risultati la stagione 2019, la società Calzaturieri Montegranaro di Elite e Under 23 annuncia i primi colpi di mercato per il 2020.  Ufficiale l'arrivo di un'atleta di spessore come Alessandro Frangioni, classe 1995, prelevato dalla...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy