TRENTIN. «MOVIMENTO ITALIANO IN CRISI? NON E' VERO. MA C'E' TANTA IGNORANZA...»

TOUR DE FRANCE | 24/07/2019 | 19:05
di Guido La Marca

Quando parla, Matteo Trentin ha il pregio di non dire cose mai banali e lo ha fatto anche oggi in conferenza stampa a Gap. In particolare sono due i punti sui quali il campione euroepo ha insistito e ha anche alzato i toni del dibattito: il momento del ciclismo italiano e la multidisciplinarietà.


«Perché continuate a parlare di momento difficile del ciclismo italiano? A me non sembra proprio che sia così. Qui al Tour abbiamo vinto due tappe, un ragazzo giovane ha vestito per due giorni la maglia gialla, abbiamo fatto tanti piazzamenti. E di risultati importanti in stagione ne sono arrivati, oltre al fatto che ci sono parecchi giovani che stanno crescendo e fanno ben sperare. Il fatto è che il ciclismo non è più una faccenda di poche Nazioni. Qui c’è tutto il mondo, e tutti sono ciclisti forti (dal 2015, questa di Gap è la quarta tappa del Tour vinta da un italiano, sulle ultime 101: Nibali 2015, Aru 2017, Viviani e Trentin 2019, ndr). Non ha senso rimpiangere l’Italia dei bei tempi andati. Ci manca un successore di Nibali nei grandi giri, speriamo che Fabio Aru si riprenda. E ci mancano uno-due team nel World Tour. Ma siamo sulla buona strada».


E quando il collega Ciro Scognamiglio gli chiede un commento sui campioni che vincono su strada e che arrvano da altre discipline, aggacciandosi al fatto che anche Matteo ha sempre praticato ciclocross nelle categoria giovanili, Trentin spiega: «Non è una sorpresa che campioni come Van Aert e Van der Poel, per citarne due, ottengano grandi risultati anche su strada. Ovvio, non è che se fai pista, cross o mtb hai la garanzia di diventare campione. Però tecnicamente e fisicamente puoi avere qualche cosa in più. Io dovevo combattere per fare cross (ancora adesso in inverno ci si dedica, ndr), correvo per piccole realtà perché ai grandi team italiani non interessava. Che i direttori sportivi attuali non se lo siano messi ancora in testa è deprimente, c’è tanta ignoranza. Vedo le gare di cross, gli allievi sono 80-90, gli junior 40, da Under 23 non c’è più nessuno…Il problema vero ce l'abbiamo noi in Italia,sarebbe necessario un cambio di mentalità per crescere e far crescere i ragazzi».

Copyright © TBW
COMMENTI
Grande Matteo
25 luglio 2019 20:23 FrancoPersico
Dici bene sui DS. Discipline come il ciclocross migliorano la resistenza a lavorare in acido lattico. La pista aiuta ad avere il colpo d'occhio giusto per stare in gruppo gomito a gomito. Vallo a spiegare a certi DS ! Quando parli dici il vero, sempre.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Fisiocortiana, centro specializzato in fisioterapia, osteopatia, riabilitazione e medicina per lo sport, si conferma al fianco del team Bardiani CSF Faizanè anche per la stagione 2021. Il prossimo 10 e 11 dicembre il team, diviso in 4 gruppi per garantire le attuali...


La querelle è finita e, come vi avevamo anticipato qualche giorno fa, Fabio Aru correrà nella Qhubeka Assos la prossima stagione. A confermarlo è stata la stessa squadra attraverso un comunicato ufficiale. Dopo la fine della sua avventura con la...


Gli Emirati Arabi Uniti hanno celebrato ieri la 49a festa nazionale con un pizzico di grande Italia protagonista della giornata. Il merito è di Ernesto Colnago che ha realizzato per l'occasione una versione speciale del telaio V3Rs: i colori della...


Nell’ultimo Giro d’Italia il portoghese João Almeida è stato grandissimo protagonista e, grazie ai 15 giorni in maglia rosa, le sue quotazioni sono aumentate, così come l’interesse di molte squadre. Almeida corre con la Deceuninck-Quick Step, ma ad aver puntato...


Tra i volti nuovi della Kometa Xstra spiccano molti giovani interessanti. Davide Piganzoli è considerato uno dei corridori emergenti. Viene dalla Valtellina, come tanti suoi colleghi fra cui i fratelli Andrea e Nicola Bagioli e Francesco Gavazzi. Diplomando Perito Elettronico...


Il 9 dicembre il ciclismo avrà un altro campione del mondo: questa volta non arriverà dalla strada, ma sarà la tecnologia della prima Coppa del Mondo eSports a scegliere il più forte. Attenzione però, perchè non si scherzerà e nessuno...


Bonus bici. Più di 700mila italiani ne hanno approfittato. I primi 100mila rimborsati. Gli altri, se non a ore, a giorni. Finalmente. La macchina (se ne parlava anche alla fine dell’Ottocento: le bici erano considerate macchine) si è messa in...


“Una formica va in bicicletta. Possibile?”. Per Gianni Rodari sì. Perché per Rodari, di cui nel 2020 si celebra il centenario della nascita, la bicicletta rivela poteri magici: corre e vola, ispira e respira, gioisce e – come un cavallo...


CamelBak, storica azienda USA, rinnova totalmente gli zaini e le borracce dedicate al ciclismo e lo fa con articoli davvero molto interessanti. Come al solito, le idee e la qualità dei prodotti CamelBak sono al top, il massimo per vivere...


Nell’ambito delle consuete attività e iniziative legate al welfare aziendale, Garmin International ha indetto tra le proprie filiali una challenge volta a sostenere un progetto specifico a cui donare la somma messa in palio, oltre che a sensibilizzare i benefici...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155