I VOTI DI STAGI. GROENEWEGEN PRENDE IL VOLO, ELIA SI SGONFIA

I VOTI DEL DIRETTORE | 12/07/2019 | 18:14
di Pier Augusto Stagi

Dylan GROENEWEGEN. 10. Traguardo leggermente all’insù, che dopo 230 km e sei ore di sella diventa terribile, e l’olandese volante rompe il ghiaccio con una volata esemplare, nella quale mette in mostra tempismo, potenza e colpo d’occhio. C’è poco da dire: cecchino!

Caleb EWAN. 9. Lesto, lestissimo a partire a razzo alle spalle di Viviani. Fa tutto giusto e bene, ma Dylan gliele suona ancora.

Peter SAGAN. 7. Rafforza la sua maglia verde con un ottimo terzo posto. In mezzo a quei razzi, lui non è certo petardo, ma un po’ di esplosività gli manca.

Sonny COLBRELLI. 7. E sempre lì, a lottare come un gladiatore. Per quello che fa e come lo fa meriterebbe qualcosa di più, ma se si ha pazienza, come dice Sagan, qualcosa raccoglierà.

Jasper PHILIPSEN. 6. Il bimbo della Uae Emirates fa la sua volata e ottiene un buon quinto posto. Il ragazzo ha stoffa, e si vede ad occhio nudo.

Elia VIVIANI. 8. Oggi arriva depotenziato: non tanto per i 230 km e le sei ore abbondanti di sella, ma per quella dannatissima gomma anteriore che si sgonfia proprio sul più bello: e non è bello. Il treno è impeccabile, lui però non riesce a sgasare a dovere, per quella maledettissima ruota che non tiene e subisce, si affloscia e si spegne: proprio come le sue e le nostre speranze.

Giulio CICCONE. 8. Rinnova fino al 2021 con la Trek Segafredo e si tiene stretta la maglia gialla ancora per un giorno. Il geco d’Abruzzo è atleta preciso e scrupoloso, che ama il ciclismo e la sua bicicletta. Tipo fiero e sincero. Autentico e carismatico. È un capobanda, un vero trascinatore, che porta allegria e serenità. Anche se quando è in sella alla sua bicicletta fa sempre le cose maledettamente sul serio. Proprio come qui al Tour.

Nairo QUINTANA. 5,5. Lui è tipo tranquillo, pure troppo. Ad una trentina di chilometri dal traguardo, cambia il vento, e il colombiano con Daniel Martin, Van Aert e altri malcapitati, resta dietro: ad inseguire. Corre per la stella in movimento (Movistar), ma in questo frangente è immobile.

Stephane ROSSETTO. 8,5. Il corridore della Cofidis è ormai un habituè delle fughe  in questo Tour (oggi con Offredo più di 200 km al vento). È un punto di riferimento, un tutt’uno con la Grande Boucle. Parte e va, sognando in grande: solo così si possono realizzare i sogni.

Yoann OFFREDO. 8. Il transalpino in verità non è convintissimo di partire assieme a Rossetto. Va in fuga, ma appena vede che all’attacco sono solo loro due, il ragazzo della Wanty Gobert traccheggia un po’, prende tempo, chiede lumi all’ammiraglia. Ci sono da affrontare 230 km – la tappa più lunga del Tour – e farlo da soli non è come dirlo. Dall’ammiraglia arriva l’ordine chiaro e perentorio: allez allez allez. E lui, suo malgrado, va.

Tejay VAN GARDEREN. 7. Va giù pesantemente di faccia. La botta è di quelle che si fanno sentire, ma l’americano tira dritto, fino al traguardo e al primo ospedale per fare degli accertamenti. Nel corso della tappa cadranno anche altri (Teunissen e Nicholas Roche): in preda a repentini attacchi di  narcolessia.

Tappa LUNGA. 6. Sei ore di sella, lunghe, dure e interminabili. Tappa noiosa, sì certo, ma da sempre ci sono queste tappe da palpebra a mezz’asta, che i corridori corrono pensando al domani, logorandosi/ti a fuoco lento. Fa parte dello spartito dei Grandi Giri, fa parte della metrica del ciclismo. Vuoi abbreviare l’agonia? Bene, accomodati nelle posizioni di avanguardia e tira. Non vuoi spendere energie? Allora stai a ruota e sollazzati tante ore di sella sotto il sole. Comunque la giri, è ciclismo: sport di resistenza, che fiacca e sfianca. È chiaro che a livello televisivo – oggi che ci trasmettono tappe integrali – è al limite dell’umana sopportazione, ma non si è obbligati a stare davanti alla tivù per tutto il giorno. Basta accenderla un po’ più tardi. Con serenità, senza scassare gli zebedei.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

L’appuntamento è il primo della giornata: ore 10.15 alll’Hotel C Suites di Nimes. Schierati dietro una selva di microfoni Geraint Thomas, Dave Brailsford e Egan Bernal attendono le domande dei giornalisti. A parlare per primo è Dave Brailsford quando chiedono:...


È pronta l’Androni Giocattoli Sidermec per l’Adriatica Ionica Race, la gara al via mercoledì con un circuito cittadino e giovedì con la prima tappa per la sua seconda edizione, dopo l’esordio dell’anno scorso con un successo proprio di uno dei...


Ci sono Bahrain Merida, Mitchelton Scott e Trek Segafredo, ma i riflettori - e non potrebbe essere diversamente - al Logis Nimotel sono tutti per Julian Alaphilippe, maglia gialla e capitano della Deceuninck-Quick Step. Oltre cento fra giornalisti e fotografi...


Fuori, nel giardino del Grand Hotel de Nimes, sotto il sole della Provenza cantano le cicale. Dentro, rinfrescati da una piacevole aria condizionata, parlano i corridori della Movistar. Che, rispetto al primo giorno di riposo, hanno volti diversi: Mikel Landa...


Il recupero di Lorenzo Gobbo - il giovane pistard italiano protagonista di un incidente incredibile sulla pista di Gand durante i campionati europei Under 23 e Juniores - procede bene, anzi possiamo dire che il diciasettenne brianzolo migliora ora dopo...


Si torna a correre in Italia, con l’Adriatica-Ionica. 5 tappe con la cronometro a squadre di apertura e 4 tappe in linea dal 24 al 28 luglio 2019. Saranno 6 gli #OrangeBlue al via con Nicola Bagioli ancora non al...


L’annuncio arriva nel secondo giorno di riposo del Tour de France ed è un annuncio davvero importante: il team Deceuninck - Quick-Step diventerà il partner ufficiale del Tour de l'Avenir, la corsa a tappe riservata ai giovani più prestigiosa del...


Sofferente da giorni a causa di problemi alla schiena, Wilco Kelderman è costretto ad abbandonare il Tour de France dopo la quindicesima tappa della corsa. «Negli ultimi giorni Wilco ha avuto dolori alla schiena - ha spiegato il medico del...


Il bielorusso Siarhei Papok ha vinto allo sprint la nona tappa del Qinghai Lake Tour. Il portacolori del Team Minsk ha preceduto il colombiano Daniel Lopez e il rumeno Eduard Grosu. In testa alla classifica generale rimane saldamente il colombiano...


Un secondo posto che vale molto quello conquistato da Stefano Gandin in Ungheria. Il 23enne trevigiano della Delio Gallina Colosio Eurofeed sfiora infatti il successo nella gara internazionale V4 Special Series Vasarosnameny Ibrany del calendario Europa Tour classe 1.2 riservata...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy