GUERCILENA. «GIULIO DEVE CRESCERE ANCORA TANTISSIMO»

TOUR DE FRANCE | 12/07/2019 | 11:30
di Guido La Marca

È tornato in Francia ieri dopo qualche giorno al Giro Rosa, ma non è riuscito a salire al traguardo de La Planchedes Belles Filles. Luca Guercilena, team manager della Trek Segafredo, ha seguito il finale di tappa nell’hotel di Belfort che ha ospitato il suo team.

«Mi è spiaciuto non essere al traguardo, visto come sono andate le cose - ha raccontato il manager milanese a tuttobiciweb - ma ho provato ugualmente una grande emozione. La maglia gialla a noi di Trek Segafredo mancava dal 2015, quando l’aveva indossata Fabian Cancellara che, però, l’indomani sulle strade del Belgio è stato costretto al ritiro a causa di una caduta. Ho aspettato Giulio Ciccone in albergo, l’ho abbracciato e ho condiviso la sua gioia con tutto il team».

E adesso cosa cambia?
«La maglia gialla è un onere e un onore, lavorereremo per difenderla come è giusto che sia, ma dobbiamo restare con i piedi per terra, tanto noi quanto lui. Il nostro dovere è quello di pensare al bene di Giulio e in questo ci vogliamo impegnare».

Spiegaci.
«Ho sentito parlare di nascita del nuovo Nibali, per esempio... Ripeto, restiamo con i piedi per terra: Giulio deve crescere ancora tantissimo, deve lavorare e migliorare nelle cronometro, nella gestione della corsa, anche nel frenare almeno in parte la sua esuberanza, ovviamente senza cancellarla perché è parte del suo Dna. La realtà è che siamo consapevoli di avere un bello scalatore che ieri, in un finale durissimo, ha ceduto di fronte ad un ottimo cacciatore di classiche come Teuns, frenato anche dll’inevitabile mancanza di brillantezza che accusa un corridore come lui, che arriva da un Giro d’Italia dispendisoso nel quale è andato spesso all’attacco cercando il risultato e la maglia azzurra, obiettivi peraltro entrambi centrati. Noi e lui abbiamo la consapevolezza di partire da un’ottima base e siamo pronti a lavorare sodo per crescere insieme».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

L’appuntamento è il primo della giornata: ore 10.15 alll’Hotel C Suites di Nimes. Schierati dietro una selva di microfoni Geraint Thomas, Dave Brailsford e Egan Bernal attendono le domande dei giornalisti. A parlare per primo è Dave Brailsford quando chiedono:...


È pronta l’Androni Giocattoli Sidermec per l’Adriatica Ionica Race, la gara al via mercoledì con un circuito cittadino e giovedì con la prima tappa per la sua seconda edizione, dopo l’esordio dell’anno scorso con un successo proprio di uno dei...


Ci sono Bahrain Merida, Mitchelton Scott e Trek Segafredo, ma i riflettori - e non potrebbe essere diversamente - al Logis Nimotel sono tutti per Julian Alaphilippe, maglia gialla e capitano della Deceuninck-Quick Step. Oltre cento fra giornalisti e fotografi...


Fuori, nel giardino del Grand Hotel de Nimes, sotto il sole della Provenza cantano le cicale. Dentro, rinfrescati da una piacevole aria condizionata, parlano i corridori della Movistar. Che, rispetto al primo giorno di riposo, hanno volti diversi: Mikel Landa...


Il recupero di Lorenzo Gobbo - il giovane pistard italiano protagonista di un incidente incredibile sulla pista di Gand durante i campionati europei Under 23 e Juniores - procede bene, anzi possiamo dire che il diciasettenne brianzolo migliora ora dopo...


Si torna a correre in Italia, con l’Adriatica-Ionica. 5 tappe con la cronometro a squadre di apertura e 4 tappe in linea dal 24 al 28 luglio 2019. Saranno 6 gli #OrangeBlue al via con Nicola Bagioli ancora non al...


L’annuncio arriva nel secondo giorno di riposo del Tour de France ed è un annuncio davvero importante: il team Deceuninck - Quick-Step diventerà il partner ufficiale del Tour de l'Avenir, la corsa a tappe riservata ai giovani più prestigiosa del...


Sofferente da giorni a causa di problemi alla schiena, Wilco Kelderman è costretto ad abbandonare il Tour de France dopo la quindicesima tappa della corsa. «Negli ultimi giorni Wilco ha avuto dolori alla schiena - ha spiegato il medico del...


Il bielorusso Siarhei Papok ha vinto allo sprint la nona tappa del Qinghai Lake Tour. Il portacolori del Team Minsk ha preceduto il colombiano Daniel Lopez e il rumeno Eduard Grosu. In testa alla classifica generale rimane saldamente il colombiano...


Un secondo posto che vale molto quello conquistato da Stefano Gandin in Ungheria. Il 23enne trevigiano della Delio Gallina Colosio Eurofeed sfiora infatti il successo nella gara internazionale V4 Special Series Vasarosnameny Ibrany del calendario Europa Tour classe 1.2 riservata...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy