GUERCILENA. «GIULIO DEVE CRESCERE ANCORA TANTISSIMO»

TOUR DE FRANCE | 12/07/2019 | 11:30
di Guido La Marca

È tornato in Francia ieri dopo qualche giorno al Giro Rosa, ma non è riuscito a salire al traguardo de La Planchedes Belles Filles. Luca Guercilena, team manager della Trek Segafredo, ha seguito il finale di tappa nell’hotel di Belfort che ha ospitato il suo team.

«Mi è spiaciuto non essere al traguardo, visto come sono andate le cose - ha raccontato il manager milanese a tuttobiciweb - ma ho provato ugualmente una grande emozione. La maglia gialla a noi di Trek Segafredo mancava dal 2015, quando l’aveva indossata Fabian Cancellara che, però, l’indomani sulle strade del Belgio è stato costretto al ritiro a causa di una caduta. Ho aspettato Giulio Ciccone in albergo, l’ho abbracciato e ho condiviso la sua gioia con tutto il team».

E adesso cosa cambia?
«La maglia gialla è un onere e un onore, lavorereremo per difenderla come è giusto che sia, ma dobbiamo restare con i piedi per terra, tanto noi quanto lui. Il nostro dovere è quello di pensare al bene di Giulio e in questo ci vogliamo impegnare».

Spiegaci.
«Ho sentito parlare di nascita del nuovo Nibali, per esempio... Ripeto, restiamo con i piedi per terra: Giulio deve crescere ancora tantissimo, deve lavorare e migliorare nelle cronometro, nella gestione della corsa, anche nel frenare almeno in parte la sua esuberanza, ovviamente senza cancellarla perché è parte del suo Dna. La realtà è che siamo consapevoli di avere un bello scalatore che ieri, in un finale durissimo, ha ceduto di fronte ad un ottimo cacciatore di classiche come Teuns, frenato anche dll’inevitabile mancanza di brillantezza che accusa un corridore come lui, che arriva da un Giro d’Italia dispendisoso nel quale è andato spesso all’attacco cercando il risultato e la maglia azzurra, obiettivi peraltro entrambi centrati. Noi e lui abbiamo la consapevolezza di partire da un’ottima base e siamo pronti a lavorare sodo per crescere insieme».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Sudore più sacrificio uguale successo. È questo il motto di Andrea Vendrame, che si appresta a fare il grande salto nel World Tour e a vivere una nuova pagina della sua promettente carriera. Il 25enne trevigiano, passato professionista nel 2017...


  "La grande cultura del ciclismo è quella di far ritrovare tanti amici che hanno come obiettivo la crescita dei ragazzi" e "questa stagione, ricca di risultati, è stata caratterizzata, fino ad ora, da 78 medaglie proprio nell'anno che precede...


  Tra le belle sorprese che ci ha regalato il 2019 c'è Nicola Venchiarutti. Ventuno anni, friulano di Osoppo, 30 chilometri a nord di Udine, Nicola è passista veloce che si difende bene anche in salita. Quest'anno con il Cycling...


La macchina organizzativa del Memorial Efisio Melis è già all’opera per realizzare una manifestazione che possa replicare il successo delle edizioni precedenti in ricordo di un grande dirigente della Polisportiva Capoterra che ha guidato una delle più gloriose società ciclistiche...


Il Velo Club Sovico ha iniziato il cammino verso la nuova stagione. Sabato i sei atleti che il prossimo anno formeranno la squadra Esordienti hanno passato alcune ore assieme ai tecnici Gabriele Buttini e Mattia Redaelli per gettare le basi...


I prodotti utilizzati dai team professionistici di ciclismo fanno sempre gola agli appassionati. Succede così che quando i team decidono di mettere in vendita il materiale utilizzato durante l'anno, ci sia sempre molto interesse da parte dei fan. La regola...


  Partì da Boston il 27 giugno 1894: aveva 24 anni, una bicicletta-cancello (Columbia) di una ventina di chili, la gonna lunga e una pistola. Arrivò a Chicago il 12 settembre 1895: aveva 25 anni, una bicicletta da uomo (Sterling)...


Per diciotto anni è stato uno dei fari, dei punti di riferimento del gruppo. Uno dei più apprezzati e riconosciuti corridori in gruppo. Per il suo talento, la sua correttezza, per una storia fatta di vittorie raccolte per sé (54)...


La sua positività - ovviamente anonima, visto che M.C. ha solo 15 anni - riscontrata al termine di una corsa aveva creato naturalmente scalpore. Anche perché l’asettico cominicato di NadoItalia parlava genericamente di steroide anabolizzante. La sua assoluzione, decretata oggi...


Giornata importante, quella di oggi, per la famiglia Bonifazio: la Total Direct Energie ha infatti annunciato il prolungmaneo del contratto di Niccolò, che in questa stagione ha colto sette vittorie con la maglia del team francese, e l'ingaggio di suo...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy