OPERACION PUERTO, I NOMI NON SARANNO PUBBLICATI

DOPING | 12/07/2019 | 07:41
di Bibi Ajraghi

Sta per essere posta la classica pietra tombale sulla famigerata Operacion Puerto. Secondo quanto anticipato dal sito Inside the Games e confermato poi dal quotidiano spagnolo AS citando fonti autorevoli, i nomi degli atleti coinvolti non saranno resi pubblici. La WADA aveva annunciato già nel 2018 a Londra che il termine per una decisione sarebbe scaduto a maggio 2019. E ora dal Dipartimento di Intelligence e Ricerca dell’Agenzia Mondiale Antidoping fanno sapere che «sarà impossibile indicare le persone coinvolte a causa della lentezza del sistema giudiziario spagnolo e della prescrizione».

L’Operacion Puerto risale ormai al 2006, tutti i termini sono ormai scaduti e - anche se i test del DNA sono stati completa, identificando 35 campioni di sangue e plasma - l’ufficio legale della WADA considera "a rischio" la scelta di comunicare i risultati.

Copyright © TBW
COMMENTI
Bravi gli spagnoli!
12 luglio 2019 07:49 geo
Sono riusciti ad insabbiare lasciando le tante vittorie al loro posto! Avete notato che adesso le vittorie degli spagnoli sono nella norma mentre in quegli anni spadroneggiavano?

Abbiamo perso tutti.
12 luglio 2019 09:11 Bastiano
Giustamente la Russia è stata esclusa dallo sport mondiale per la sua tolleranza/coinvolgimento verso il doping. Ora sarebbe bello vedere il CIO che da un messaggio forte anche verso gli spagnoli perchè la gestione di tutta questa vicenda, vede un comportamento volto a coprire tutto, fin dall'inizio. Gli atleti italiano coinvolti, sono stati tutti squalificati, così come gli altri stranieri, per gli spagnoli, ha pagato solo Valverde, grazie alla giustizia italiana.
Non ci sono abbastanza argomentazioni per dare un segnale forte agli spagnoli???
Ora c'è l'opportunità di dimostrare se il doping si vuole debellare, oppure se si vuole continuare a far finta di combatterlo punendo qualche sfigato oppure qualche atleta di vertice, inviso al sistema.

Mah
12 luglio 2019 09:32 Ruggero
E' vero gli spagnoli ciclisti si sono abbastanza normalizzati, in compenso c'è qualche spagnolo non ciclista, già abbastanza chiacchierato che continua a fare letteralmente paura..........

Una vera vergogna
12 luglio 2019 12:48 servis68
L'ufficio legale di cosa ha paura? Se è vero che i reati sono prescritti è altrettanto vero che la prescrizione è solo l'impedimento a perseguire i colpevoli...dell'insabbiamento sarà contento il muratore di manacor

scandaloso
12 luglio 2019 20:11 Line
se sanno i nomi perche non dirli

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

L’appuntamento è il primo della giornata: ore 10.15 alll’Hotel C Suites di Nimes. Schierati dietro una selva di microfoni Geraint Thomas, Dave Brailsford e Egan Bernal attendono le domande dei giornalisti. A parlare per primo è Dave Brailsford quando chiedono:...


È pronta l’Androni Giocattoli Sidermec per l’Adriatica Ionica Race, la gara al via mercoledì con un circuito cittadino e giovedì con la prima tappa per la sua seconda edizione, dopo l’esordio dell’anno scorso con un successo proprio di uno dei...


Ci sono Bahrain Merida, Mitchelton Scott e Trek Segafredo, ma i riflettori - e non potrebbe essere diversamente - al Logis Nimotel sono tutti per Julian Alaphilippe, maglia gialla e capitano della Deceuninck-Quick Step. Oltre cento fra giornalisti e fotografi...


Fuori, nel giardino del Grand Hotel de Nimes, sotto il sole della Provenza cantano le cicale. Dentro, rinfrescati da una piacevole aria condizionata, parlano i corridori della Movistar. Che, rispetto al primo giorno di riposo, hanno volti diversi: Mikel Landa...


Il recupero di Lorenzo Gobbo - il giovane pistard italiano protagonista di un incidente incredibile sulla pista di Gand durante i campionati europei Under 23 e Juniores - procede bene, anzi possiamo dire che il diciasettenne brianzolo migliora ora dopo...


Si torna a correre in Italia, con l’Adriatica-Ionica. 5 tappe con la cronometro a squadre di apertura e 4 tappe in linea dal 24 al 28 luglio 2019. Saranno 6 gli #OrangeBlue al via con Nicola Bagioli ancora non al...


L’annuncio arriva nel secondo giorno di riposo del Tour de France ed è un annuncio davvero importante: il team Deceuninck - Quick-Step diventerà il partner ufficiale del Tour de l'Avenir, la corsa a tappe riservata ai giovani più prestigiosa del...


Sofferente da giorni a causa di problemi alla schiena, Wilco Kelderman è costretto ad abbandonare il Tour de France dopo la quindicesima tappa della corsa. «Negli ultimi giorni Wilco ha avuto dolori alla schiena - ha spiegato il medico del...


Il bielorusso Siarhei Papok ha vinto allo sprint la nona tappa del Qinghai Lake Tour. Il portacolori del Team Minsk ha preceduto il colombiano Daniel Lopez e il rumeno Eduard Grosu. In testa alla classifica generale rimane saldamente il colombiano...


Un secondo posto che vale molto quello conquistato da Stefano Gandin in Ungheria. Il 23enne trevigiano della Delio Gallina Colosio Eurofeed sfiora infatti il successo nella gara internazionale V4 Special Series Vasarosnameny Ibrany del calendario Europa Tour classe 1.2 riservata...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy