KATUSHA VERSO LA FUSIONE? MA CON CHI?

MERCATO | 11/07/2019 | 07:44
di Guido La Marca

Le voci si rincorrono, si intrecciano, si sovarppongono, si contraddicono: al centro dei discorsi di mercato al villaggio di partenza e di arrivo del Tour de France c'è sempre il futuro della Katusha Alpecin.

Come già vi avevamo scritto nei giorni scorsi, sono ore frenetiche di trattative, visto che è stato fissato il primo giorno di riposo della Grande Boucle - in programma martedì - come snodo importante.

Lo scenario resta quello: gli sponsor Alpecin e Canyon sono intenzionati a prendersi un anno sabbatico, ad impegnarsi al fianco di Mathieu Van der Poel nella sua rincorsa al sogno olimpico di Tokyo 2020 in attesa di tornare alle corse su strada nel 2021 con un progetto che abbia al centro proprio il giovane fenomeno olandese. Corridori e staff sono stati informati, sanno che il rischio di trovarsi sul mercato è molto alto.

Il patron della Katusha Igor Makarov sta lavorando comunque a possibili soluzioni: la prima è la realizzazione di una fusione con la Corendon Circus, la squadra di Van der Poel, sin dal prossimo anno, la seconda invece riguarda un possibile accordo con la Israel Academy.

Da una parte, la soluzione più plausibile sarebbe la prima: Katusha ha già una struttura WorldTour che la Corendon ovviamente non ha, ma ci sarebbero diversi tasseli da incastrare, a cominciare dall'uomo cui affidare la direzione manageriale della squadra.

Il progetto Israel appare forse più complicato ma non è del tutto campato in aria: Makarov e Sylvan Adams, numero uno del team israeliano, sono uomini d'affari a tutto tondo, abituati a muoversi ad alto livello, e sanno bene che un accordo porterebbe vantaggi ad entrambi. Il russo non vedrebbe naufragare il progetto nel quale ha investito molto in questi anni, l'israeliano riuscirebbe a coronare il sogno di entrare a far parte del WorldTour (e correre il Tour de France, soprattutto) che rischia di restare tale alla luce delle voci che vorrebbero favoriti i team francesi nella corsa alla licenza.

Comunque vada a finire, sicuramente in partenza viene dato Ilnur Zakarin, destinato a vestire la maglia della CCC, formazione polacca che ha messo gli occhi anche su un altro corridore dell'Est, il ceco Jan Hirt attualmente alla Astana.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Passione allo stato puro, e tanta voglia di Parigi-Roubaix... L'appuntamento con la regina delle pietre è ancora lontano - la corsa è stata posta in calendario per il 25 ottobre - ma l'attesa sta già crescendo. E allora oggi Les...


Niente Europa del Nord per il Women’s WorldTour in questa stagione. Dopo l0’annullamento delle due prove svedesi di Vargarda, infatti, analoga decisione arriva dalla Norvegia: gli organizzatori del Giro di Norvegia femminiel che era in programma dal 13 al 16...


È inutile negarlo, nonostnte manchino tredici mesi dall'evento i Giochi Olimpici continuano a destare grande preoccupazione. Il governo giapponese e gli organizzatori sono al lavoro per studiare ogni tipo di possibile scenario e cercare ogni tipo di soluzione per cercare...


Davvero un bel colpo, quello messo a segno da Marc Madiot per la sua Groupama FDJ: sono stati annunciati oggi infatti ben quattro rinnovi contrattuali e tutti per tre anni. Nelle stagioni 2021, 2022 e 2023 vedremo continuare a pedalare...


Nuovo appuntamento in programma questa sera alle ore 20.30 con «Ciclismo Oggi», lo storico programma dedicato alle due ruote in onda su Teletutto (canale 12). La puntata odierna è in gran parte dedicata alla Sprint Ghedi, storica società che opera...


La schiettezza non è certo dote che manca a Patrick Lefevere ed il general manager della Deceuninck Quick Step non la nasconde nemmeno parlando della pandemia e delle sue conseguenze. «Ci sono squadre che hanno lasciato a piedi i loro...


La Phan Rang - Da Lat (123 km), quindicesima tappa della HTV Cup, rivoluziona la classifica generale della corsa vietnamita: grazie alla vittoria ottenuta per distacco, infatti, lo spagnolo Javier Sarda Perez, uno dei due stranieri in gara, ha conquistato...


Spesso con gli amici se ne discute a lungo ma non si arriva mai ad un punto. Chiacchiere da bar per intenderci, ma il gravel esiste davvero? È una nuova specialità o è uno state of mind? Probabilmente quello che fai...


Mentre in Italia si sta incentivando l’uso della bicicletta con il bonus sconto del 60% sull’acquisto del mezzo, anche Appenninica MTB Parmigiano Reggiano Stage Race è pronta a venire incontro ai biker italiani in un’annata agonistica che ha perso buona parte dei...


Alessia Piccolo, Amministratore Delegato di Alé Cycling e General Manager della formazione Alé – BTC Ljubljana - unico team italiano nella categoria UCI Woman’s World Tour - è una manager competente e appassionata, il suo sguardo spazia dalla realtà imprenditoriale...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155