BALDINI, NIBALI E IL CICLISMO DELLA POESIA

INTERVISTA | 19/06/2019 | 14:14

«Non trovo che il ciclismo di oggi, seppur molto più tecnologico, sia poi troppo diverso da quello dei miei tempi. Conta sempre l’uomo e soprattutto la testa dei corridori, intesa come volontà di fare un lavoro di sacrificio e di fatiche». Parole e ‘musica’ di Ercole Baldini, a metà strada fra il Giro d’Italia, passato anche quest’anno dalla Romagna, e il Tour de France, in partenza il 6 luglio. A 86 anni compiuti il 26 gennaio, il Treno di Forlì è sempre attentissimo al suo sport, dalla sua casa museo di Villanova, e si accinge all’ennesimo anniversario personale da celebrare: 60 anni fa, al Tour appunto del 1959, conquistava la sua ultima grande vittoria internazionale in linea, trionfando nella tappa di Aosta.

Baldini, già campione olimpico in linea a Melbourne nel 1956 (unica medaglia ai giochi di un forlivese), veniva da quello stratosferico 1958 culminato nel colpaccio al Mondiale di Reims dopo aver vinto il Giro d’Italia, ma a inizio 1959 un’appendicite ne aveva frenato la preparazione. Fra l’altro quel Tour iniziò in un caldo afoso e lui soffrì moltissimo la cronoscalata del Puy de Dome: aveva dovuto dormire a valle e non era nemmeno riuscito a riposarsi, così pagò molto ai rivali ben più freschi. «Pensai di ritirarmi – ricorda –, invece ebbi un moto d’orgoglio». Così, spinto anche dall’entrata della corsa francese in Italia, nel giorno della festa nazionale transalpina (il 14 luglio) lasciò il segno. C’era da scalare l’Iseran, colle molto impegnativo, «ma era una montagna – spiega – adatta alle mie caratteristiche, lunga e costante nella pedalata. E li ritrovai – osserva con orgoglio – l’Ercole che conoscevo». Arrivò così con la sua maglia iridata solitario al traguardo. «Se penso che sono passati ormai sessant’anni faccio fatica a crederlo, tanto è vivo il ricordo di quei giorni nella mia memoria».

Ricordi che rivivono anche con i tanti cimeli che lo attorniano, ma lui ama guardare ancora avanti e al ciclismo, con passione e attenzione. «Un corridore che direi interpreti il ciclismo come un tempo – sottolinea – è Vincenzo Nibali, una bandiera per l’Italia, e spero che i giovani che si sono messi in luce anche nel recente Giro sappiano rimpiazzarlò. Mi permetto di dire che Vincenzo è un Coppi o un Bartali dei nostri tempi». Non un Baldini? «Beh, potrei citare piuttosto il belga Eddy Merckx, il più forte di tutti i tempi. Io? Qualcosa di bello ho fatto, in un ciclismo che oltre all’agonismo era anche rispetto per i colleghi pure delle altre squadre, tutti compagni di viaggio. Insomma un ciclismo che era anche poesia». Un Baldini che, nonostante gli acciacchi dell’età, è ancora un fuoriclasse nella sua capacità di analisi e con una memoria storica da campione.

da Il Resto del Carlino - ed. Forlì

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

            Parte il countdown per la terza prova di Coppa del Mondo su pista, in programma ad Hong Kong dal 29 novembre al 1 dicembre....


Novità di rilievo nello staff tecnico della Bora Hansgrohe. Concluso il rapporto di collaborazione con Patxi Vila, il club tedesco annuncia l’arrivo del direttore sportivo Jean-Pierre Heynderickx e dell'allenatore Hendrik Werner. Spiega Ralph Denk, Team Manager della Bora Hansgrohe: «Dopo...


Continua il valzer delle sorprese al Tour of Fuzhou: 24 ore dopo il primo podio tutto « millenials » del ciclismo Elite mondiale, un corridore della Mongolia ha vinto la tappa regina di una corsa 2.1. Jambaljamts Sainbayar, portacolori della squadra ucraina...


La dottoressa è volata via. Adriana Spazzoli, la vedova di Giorgio Squinzi, si è spenta questa notte a Milano. Malata da tempo, dopo la morte del marito - avvenuta lo scorso 2 ottobre - le sue condizioni di salute erano...


Lo aveva annunciato già da mesi e ora la notizia è ufficiale: Valentino Sciotti porta la sua Farnese Vini nel WorldTour. Sarà infatti sponsor della Israel Cycling Academy. L'imprenditore abruzzese spiega: «Ho creduto da subito nel progetto che la Israel...


Non sarà una serata come tutte le altre, quella di questa sera. Sarà speciale perché vivremo la Notte degli Oscar tuttoBICI, che celebreremo nell’ormai tradizionale ed esclusiva location dell’Hotel Principe di Savoia a Milano. E sarà speciale perché raggiungeremo un traguardo...


Tra i seicento abitanti che vivono a Frinco, piccolo comune a soli 15 chilometri da Asti, Matilde Vitillo è già una piccola leggenda sportiva.  Graziosa, gentile e simpaticissima, Matilde è la punta di diamante della Racconigi Cycling Team, società del...


Ed eccoci arrivati all'ultimo giorno di trekking con la partenza dalla fredda e umida Namche per raggiungere Lukla, dove tutto è cominciato. Per raggiungerla abbiamo affrontato 20 chilometri senza un metro di pianura ma in continuo saliscendi: non ce la...


  È un piccolo libro, ma dice grandi cose e, soprattutto, fa bene. “PedalAnde. Alla ricerca del vero sapore delle fragole” è la storia di un viaggio in bicicletta. Una piccolissima bicicletta, pieghevole e di colore rosso (una Brompton). La...


La mobilità sostenibile, la sicurezza stradale e le città sempre più a misura di pedoni e ciclisti saranno i temi dominanti di un convegno a Matera in programma sabato 23 novembre presso la sala consiliare del Palazzo della Provincia (via...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy