BALDINI, NIBALI E IL CICLISMO DELLA POESIA

INTERVISTA | 19/06/2019 | 14:14

«Non trovo che il ciclismo di oggi, seppur molto più tecnologico, sia poi troppo diverso da quello dei miei tempi. Conta sempre l’uomo e soprattutto la testa dei corridori, intesa come volontà di fare un lavoro di sacrificio e di fatiche». Parole e ‘musica’ di Ercole Baldini, a metà strada fra il Giro d’Italia, passato anche quest’anno dalla Romagna, e il Tour de France, in partenza il 6 luglio. A 86 anni compiuti il 26 gennaio, il Treno di Forlì è sempre attentissimo al suo sport, dalla sua casa museo di Villanova, e si accinge all’ennesimo anniversario personale da celebrare: 60 anni fa, al Tour appunto del 1959, conquistava la sua ultima grande vittoria internazionale in linea, trionfando nella tappa di Aosta.

Baldini, già campione olimpico in linea a Melbourne nel 1956 (unica medaglia ai giochi di un forlivese), veniva da quello stratosferico 1958 culminato nel colpaccio al Mondiale di Reims dopo aver vinto il Giro d’Italia, ma a inizio 1959 un’appendicite ne aveva frenato la preparazione. Fra l’altro quel Tour iniziò in un caldo afoso e lui soffrì moltissimo la cronoscalata del Puy de Dome: aveva dovuto dormire a valle e non era nemmeno riuscito a riposarsi, così pagò molto ai rivali ben più freschi. «Pensai di ritirarmi – ricorda –, invece ebbi un moto d’orgoglio». Così, spinto anche dall’entrata della corsa francese in Italia, nel giorno della festa nazionale transalpina (il 14 luglio) lasciò il segno. C’era da scalare l’Iseran, colle molto impegnativo, «ma era una montagna – spiega – adatta alle mie caratteristiche, lunga e costante nella pedalata. E li ritrovai – osserva con orgoglio – l’Ercole che conoscevo». Arrivò così con la sua maglia iridata solitario al traguardo. «Se penso che sono passati ormai sessant’anni faccio fatica a crederlo, tanto è vivo il ricordo di quei giorni nella mia memoria».

Ricordi che rivivono anche con i tanti cimeli che lo attorniano, ma lui ama guardare ancora avanti e al ciclismo, con passione e attenzione. «Un corridore che direi interpreti il ciclismo come un tempo – sottolinea – è Vincenzo Nibali, una bandiera per l’Italia, e spero che i giovani che si sono messi in luce anche nel recente Giro sappiano rimpiazzarlò. Mi permetto di dire che Vincenzo è un Coppi o un Bartali dei nostri tempi». Non un Baldini? «Beh, potrei citare piuttosto il belga Eddy Merckx, il più forte di tutti i tempi. Io? Qualcosa di bello ho fatto, in un ciclismo che oltre all’agonismo era anche rispetto per i colleghi pure delle altre squadre, tutti compagni di viaggio. Insomma un ciclismo che era anche poesia». Un Baldini che, nonostante gli acciacchi dell’età, è ancora un fuoriclasse nella sua capacità di analisi e con una memoria storica da campione.

da Il Resto del Carlino - ed. Forlì

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Festa grande ieri a casa di Pippo Pozzato: mamma Vittoria ha dato infatti alla luce Giacomo. E papà su Instagram ha scritto queste righe per presentare il suo primogenito al mondo: «Senza dubbio il giorno più bello della nostra vita....


Qualcuno ha notizie di Carapaz? Dice niente questo nome? Per chi faticasse a ricordare, confermo che si tratta dell’ultimo vincitore a casa nostra, al Gi­ro d’Italia. È passato un me­se, poco più, ma sembra già di parlare dei Gutemberg e...


Il Tour riparte dopo il secondo giorno di riposo con quella che, sulla carta è la tappa più semplice. Sono 177 i chilometri da percorrere con partenza e arrivo a Nimes, un lungo giro da affrontare sulle strade dellaProvenza, un...


Un applauso. Lo merita Romain Bardet per l’onestà con cui analizza il suo Tour de France, per come ci ha messo la faccia sulle strade e per come ce la metterà sicuramente nei prossimi giorni. «Non voglio essere solo spettatore...


L’ultima tappa pirenaica, vissuta ieri, consegna all’ultima settimana di corsa un Tour de France incerto e avvincente come non si vedeva da almeno trent’anni. Sei uomini sono ancora racchiusi in poco più di due minuti, con Alaphilippe che è riuscito...


Domenica scorsa ho avuto la fortuna (e la grinta) di scalare una salita mito come il Colle delle Finestre. Partecipando alla seconda edizione della Gran Fondo Sestriere insieme ad altri 2.000 ciclisti di ogni età e forma fisica mi sono messa alla prova,...


Il Tour de France è arrivato al secondo giorno di riposo prima di affrontare le Alpi e il gran finale verso Parigi. Ma la strada è ancora lunga. Fino ad ora le emozioni non sono mancate. Tra i protagonisti ci...


Jesus Herrada sarà il capitano della Cofidisalla Vuelta España che scatterà il 24 agosto. Accanto a lui altri due spagnoli: suo fratello José Herrada e Luis Angel Maté. Te anche i francesi: Nicolas Edet, Mathias Le Turnier e Damien...


È stata presentata ieri all’hotel Four Points Sheraton di Padova la collezione 2020 di Cicli Olympia, una gamma  diventata ancora più ricca grazie a nuovi modelli  ma anche grazie ad alcuni upgrade che rendono ancora più interessanti i modelli esistenti. Olympia...


Manca solo una settimana all’appuntamento clou della stagione per il ciclismo femminile italiano. Domenica prossima, 28 luglio, a Notaresco e Castellalto in provincia di Teramo, saranno assegnati i titoli nazionali su strada per le categorie Elite (professioniste) e juniores (classi...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy