SARONNI: «CONTENTI SI', MA DOBBIAMO AMBIRE A MOLTO DI PIU'»

PROFESSIONISTI | 18/06/2019 | 08:00
di Pier Augusto Stagi

In forma è in forma. È pure bello tirato e di buon umore. Beppe Saronni si aggira per gli uffici di Magnago con passo svelto e colpo d’occhio da fuoriclasse: guarda, osserva, indica ciò che va sistemato. Coordina e ordina, senza cambiare mai il tono della voce: a lui non è mai servito. Se chiede, si fa. Punto.


Beppe è tornato in bicicletta, per stare meglio, dice. «Poca cosa, qualche uscita, senza alcuna finalità». È in gran forma, e ha voglia di parlare il “capo”, come da queste parti viene ancora chiamato, come il gruppo l’ha ribattezzato negli Anni Ottanta.


Giro d’Italia archiviato, con un bilancio positivo.

«Diciamo che dobbiamo ringraziare Valerio Conti e Jan Polanc, che hanno fatto un buonissimo Giro. Valerio per quello che aveva fatto vedere meritava di arrivare fino in fondo, ma un problema al soprasella l’ha costretto al ritiro. In ogni caso è stato bravissimo, vestendo per sei giorni la maglia rosa. Ma bravo è stato anche Jan Polanc, che ha vestito la rosa per due tappe prima di cederla definitivamente a Carapaz e ha chiuso la corsa rosa con un più che onorevole 14° posto. Contenti? Per questi aspetti certamente sì, ma noi siamo una grande squadra che dobbiamo ragionare da grande team e dobbiamo ambire a qualcosa di più e di meglio».

C’è anche la vittoria di Fernando Gaviria…

«Certo, arrivata a tavolino dopo la squalifica di Elia (Viviani, ndr). Fernando non era al top, questo lo sappiamo bene. Come sappiamo bene quale è il suo valore e cosa rappresenta per il nostro team. Si è dovuto ritirare a causa di un dolore al ginocchio sinistro, e ancora adesso è alla prese con questo fastidio, che il nostro ortopedico - il dottor Dirk Tenner - sta cercando in tutti i modi di risolvere».

Tour a rischio?

«È chiaro che in queste condizioni non può prender parte ad una gara così dura e selettiva. Il punto di domanda è grande». 

Un anno fa avete chiuso con 12 vittorie in stagione, quest’anno al momento in cui scriviamo siete già a quota 20: 5 con Kristoff e Pogacar, 4 con Gaviria, 3 con Mirza, 1a testa con Molano, Ulissi e Philipsen.

«È chiaro che siamo soddisfatti, ma come ti ho già spiegato è altrettanto vero che un team con le nostre potenzialità deve ambire a molto di più. A livello numerico siamo sulla giusta strada, ma adesso, alla vigilia del Tour, dobbiamo aggiungere qualità e peso alle nostre vittorie. È normale che sia così».

La nota lieta è data chiaramente Tadej Pogacar, 21 anni, un ragazzo che ha già fatto vedere cose non comuni.

«È lì da vedere, e noi siamo stati bravi a vederlo tre anni fa quando lo mettemmo sotto contratto. È chiaro che dobbiamo ringraziare un amico, un ex corridore come Andrej Hauptmann (ex corridore Lampre, ndr), che l’ha segnalato a Fabrizio Bontempi, il quale mi ha sollecitato a conoscerlo. Ma credimi, quando mi sono trovato davanti questo ragazzo, ho avuto chiara l’impressione di avere a che fare con qualcosa di molto diverso dalla norma: di testa ha qualcosa di più. C’è davvero poco da insegnargli, va solo accompagnato: il talento è tutto lì da vedere».

Dove può arrivare un corridore come Valerio Conti?

«È migliorato molto ed è molto più consapevole dei propri mezzi. Credo che nelle brevi corse a tappe abbia molto da dire: tiene in salita, si difende molto bene nelle prove contro il tempo e in volata non è per niente fermo. Per le classiche di un giorno deve migliorare ancora, ma nei piccoli Giri può fare grandi cose. E poi è un cacciatore di tappe: questo può essere il suo obiettivo nei Grandi Giri».

Per il Tour la squadra è fatta?

«È chiaro che questo spetta a Matxin (Joxean Fernandez, ndr), il nostro team-manager, che con lo staff tecnico sarà chiamato a mettere in campo la formazione migliore. Abbiamo qualche punto di domanda, ma ci sono chiaramente anche dei punti fermi: Daniel Martin, Rui Costa, Alexander Kristoff, Bystroem, Troia, Henao, Marcato o Sutherland. Poi c’è sempre il punto di domanda di Gaviria…».

Ma anche quello di Fabio Aru.

«Fabio sta bene e questo è quello che più conta. Sta bene ed è sereno, ha ritrovato il sorriso e la voglia di correre in bicicletta. Sta disputando il Giro di Svizzera per verificarsi, per provare a vedere a che punto è dopo il delicato intervento al quale è stato sottoposto (operato il 1° aprile scorso all’arteria iliaca femorale, ndr). Diciamo che il Tour non è nel suo programma, ma le somme si tirano sempre alla fine, e non sarò certamente io a tirarle. Diciamo che il cuore di tutti noi è per rivederlo in Francia, ma in questo caso è bene usare la testa e fare le giuste valutazioni del caso. Fabio non è solo un corridore italiano, ma è un patrimonio della UAE Emirates e del ciclismo italiano. Tempo al tempo».

Quindi, mai dire mai.

 

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Grande vittoria di Alexander Kristoff nel Circuit Franco Belge, da Tournai s La Louvière per 175, 2 km. Dopo una corsa spettacolare, hanno tentato il colpaccio Alexander Kristoff (Intermarché), Jasper De Buyst (Lotto Soudal) e Dries Van Gestel (TotalEnergies). A...


Guillaume Martin vince la seconda tappa del Tour de l'Ain, la Saint-Vulbas - Lagnieu di 144 km - e conquista la maglia di leader della breve corsa a tappe francese. Lo scalatore della Cofidis ha sorpreso gli altri sei componenti...


Si sta per chiudere il “full circle” ideato da Nathan Haas: cinque biciclette con cinque differenti livree per ritornare sui percorsi sterrati degli albori della sua carriera, seguiti da dieci anni al servizio di squadre WorldTour su strada e per ridare nuova linfa...


Felix Großschartner ha siglato un accordo grazie al quale correrà per l’UAE Team Emirates nelle prossime due stagioni. Il ventottenne scalatore è campione austriaco in carica sia in linea che a cronometro, per un palmares che comprende sei successi...


Il catalano Abel Balderstone (Ullastrell, 2000) è il primo nuovo acquisto della Caja Rural-Seguros RGA per la prossima stagione. Il giovane scalatore sta vivendo un anno fantastico con la Caja Rural-Alea, raccogliendo vittorie e prestazioni che lo hanno portato a...


Maglia di miglior Giovane e quinto posto in classifica generale. E' il bottino finale di Gabriel Fede nella corsa a tappe internazionale Estivale Bretonne in Francia. Una bella prestazione davvero quella del giovane cuneese, 19 anni di Santa Croce di...


Ci ha lasciati Santo Conca per tutti Tino. Tecnico con provata esperienza, era nato a Spirano in provincia di Bergamo nel 1937 ma ha sempre vissuto a Bernareggio (Monza e Brianza). Nella sua lunga carriera di direttore sportivo nelle squadre...


Il 2023 porterà una grande novità nel mondo del ciclismo professionistico: arriverà infatti il primo UCI ProTeam della Nuova Zelanda. La squadra continentale UCI n. 1 al mondo, la Bolton Equities Black Spoke Pro Cycling, ha annunciato infatti di aver...


Mai banale Mario Cipollini quando parla di ciclismo: il nostro direttore Pier Augusto Stagi ha chiamato in causa il più grande velocista italiano di sempre per chiedergli conto sia del Tour de France e delle strategie di Jumbo Visma e...


Julian Alaphilippe è tornato in gara e per farlo ha scelto il Tour del’Ain con l'obiettivo di ritrovare la condizione migliore per l’ultima parte dell’anno, dopo una stagione iniziata bene, ma che ben presto ha messo in ginocchio il campione...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach