AURO BULBARELLI: «UN GIRO DA RECORD CHE MI SODDISFA MOLTO»

TV | 04/06/2019 | 11:03
di Pier Augusto Stagi

Fu il primo a dare la notizia in tivù del primo arresto di Mani Pulite, anche se la sua voce e il suo nome è riconducibile da sempre al ciclismo. «È vero, quando ero nella sede Rai della Lombardia – racconta oggi un più che soddisfatto Auro Bulbarelli, dallo scorso dicembre direttore di Rai Sport, e al suo primo Giro d’Italia condotto in porto con il vento e gli ascolti in poppa – fui proprio io a dare la notizia dell’arresto di Mario Chiesa. Il capo mi passò un’agenzia Ansa e mi disse: “fai tu”. Chiaramente nessuno, in quel momento, poteva pensare cosa sarebbe successo di lì a poco».

La prima telecronaca nel 1994, al Gran Premio Rio Saliceto, vinto da Andrea Tafi; l’ultima al Lombardia nel 2009, vittoria di Gilbert, al fianco di Davide Cassani. «A Davide sono legato da tempo, è un amico, una persona squisita. Secondo me è stato un grande commentatore e oggi è un ottimo Ct della nazionale. Mi diranno: ma non vince. Ha vinto con Matteo Trentin un oro europeo e ha sfiorato l’oro olimpico con Nibali. Alfredo Martini, che per me era come un secondo padre, disponeva di corridori come Moser, Saronni, Argentin, Bugno e Fondriest. Lo stesso Franco Ballerini ha avuto un certo Paolo Bettini: avercene… Davide, al pari di Ballerini e Martini è un ambasciatore del ciclismo: molto più di un Ct».

Date, numeri, adesso passiamo alle cifre di un Giro che è piaciuto e ha fatto registrare numeri più che lusinghieri. Senza tanto girarci intorno, il titolo è uno e uno solo: Richard Carapaz meglio di Chris Froome, almeno dal punto di vista degli ascolti tv del Giro. La sfida tra «La Locomotora del Carchi che ama essere però chiamato più semplicemente Richie, e lo "Squalo dello Stretto", Vincenzo Nibali - spiega Auro – ha battuto, come media degli spettatori, quella dello scorso anno tra Chris Froome e Tom Doumoulin: 1.634.504 quest'anno, 1.605.856 l'anno passato (lo share è rimasto sostanzialmente invariato, 12,7% contro 12,8%).

 Se si va poi a valutare i numeri di "Giro all'arrivo", il segmento finale di ogni tappa, in onda su Rai2, i numeri sono ancora più soddisfacenti. «Questo segmento ha fatto registrare un incremento di circa 230mila spettatori, passando da una media di 1.848.712 del 2018, agli oltre due milioni di quest'anno (per la precisione 2.078.682), superando, sempre relativamente al numero di spettatori, anche l'edizione del 2017, quando la media degli appassionati che apprezzarono la vittoria di Dumoulin fu di 2.029.865 (sempre un’edizione con Nibali lì a lottare per la vittoria finale, ndr). La ventesima frazione, la Feltre - Croce D'Aune Monte Avena, di sabato 1 giugno, è stata la tappa più vista in termini assoluti, con 3 milioni 350mila telespettatori che hanno seguito su Rai2 l'ultima ora e mezza di corsa, pari ad uno share del 27,3%: si tratta del miglior risultato degli ultimi cinque anni. Il dato più eclatante, però, è quello relativo allo share, passato in dodici mesi dal 15,5% al 17,2%, con un guadagno di oltre un punto e mezzo».

Numeri che ripagano degli sforzi fatti e, soprattutto, delle scelte prese. «Sicuramente – aggiunge Auro Bulbarelli - avere un italiano, in questo caso Nibali, in lotta per la maglia rosa, ha aiutato da punto di vista degli ascolti. Ciò che mi preme sottolineare, però, al di là del successo dei numeri, è l'innovazione nel racconto. Per la prima volta Raisport non ha mai 'ceduto la linea', raccontando il Giro dal Villaggio di partenza all'arrivo, fino al Processo alla Tappa. Abbiamo trasmesso due tappe, la sedicesima e la ventesima, in diretta integrale e non era assolutamente in programma, dal primo all'ultimo chilometro, ed i telespettatori di Raisport+HD hanno potuto vedere, in esclusiva, le immagini della corsa ancora prima che cominciasse il segnale internazionale. Notizie dal Giro si potevano avere in qualsiasi momento, grazie alla redazione web (diretta da Alessandra De Stefano, ndr) attiva e propositiva in ogni istante della manifestazione. In telecronaca il valore aggiunto è stata la presenza fissa di Fabio Genovesi, che secondo me ha fornito ogni giorno spunti interessanti di riflessione e punti di vista sempre diversi. Inoltre, e non per ultimo, mi fa piacere notare che lo sforzo produttivo fatto dall'azienda ha pagato, in particolare nella scelta di puntare sulla diretta integrale della tappa: il successo di 'Anteprima Giro', in onda su Raisport+HD (una media di 493mila spettatori e il 3,5% di share, con un valore assoluto di 709mila e il 5,9% nella tappa di sabato 1 giugno) lo dimostra».

Vinta anche la scommessa con una nuova prima voce: Andrea De Luca: «Assolutamente sì e di questo sono particolarmente felice – aggiunge il direttore -. Quando decisi di lasciare le telecronache, contattai subito Andrea, che in quel momento si occupava di motori. Stava per nascere Rai Sport 2 e c’era bisogno di forze nuove, lo spronai a mettersi in gioco, a provarci anche se non sapeva assolutamente niente di ciclismo. La sua prima telecronaca fu nel 2010, al Giro di Sardegna, solo qualche anno dopo mi ha raccontato che pensò seriamente di lasciar perdere, perché si sentiva un pesce fuor d’acqua. In questi dieci anni è cresciuto tantissimo e si meritava di diventare una prima voce di pari grado con un grandissimo professionista come Francesco Pancani, che tornerà alla conduzione al Tour de France. Sono due prime voci complementari e di assoluto livello: questo è quello che volevo, e sono felice della scelta fatta».

Di Genovesi hai già detto: ma la sua esperienza finisce qui, o c’è la possibilità di riascoltarlo su questi schermi? «Volevo dare respiro alla telecronaca come ti ho detto; l’avevo conosciuto qualche anno fa quando seguì il Giro per il Corriere della Sera ed eravamo rimasti in buoni rapporti. Una sera, come spesso mi capita, mi si è accesa la lampadina: ecco, Genovesi, potrebbe fare al caso mio. Avevo il numero, l’ho chiamato e gli ho illustrato il mio progetto: si mostrò subito entusiasta e felice. Venendo alla tua domanda, sarà lui a decidere cosa fare. Il Tour è tra un mese, se ha voglia, per lui le porte sono sempre aperte».

Anche il Processo è andato bene, facendo registrare ascolti che non si vedevano da quattro anni. «È così. Alessandra (De Stefano, ndr), al di là della nomina a vice-direttore, l’avrei in ogni caso cambiata: dopo dieci anni è fisiologico. Detto questo, Marco Franzelli è un grande professionista, che ha dato la sua disponibilità. All’inizio era titubante, poi più coraggioso, poi sicuro, alla fine sereno e felice di aver fatto questa esperienza. Io sono contento di come è andata. Può piacere o non piacere, come tutte le cose, ma se gli sportivi ci hanno premiato, significa che il prodotto non era poi così male. Aldo Grasso, massmediologo, professore universitario e critico del Corriere della Sera, non è mai stato tenero nei miei confronti, ma quest’anno, anche lui, ha riconosciuto che il viaggio del Giro è stato più leggero e ha privilegiato il territorio e la cultura. E lo stesso Processo, ha aggiunto Grasso, ha avuto più basi tecniche. Mi sembra bene, no?».

Stefano Garzelli ha dovuto invece sostituire in corsa Alessandro Petacchi. «E questo per me è davvero l'unico vero cruccio – conclude Bulbarelli -. La rinuncia forzata ad Alessandro, dopo la sua sospensione da parte dell'Uci, non ci voleva proprio. Umanamente e professionalmente spero che questa vicenda si chiarisca presto, per poterlo riavere in squadra. Per Stefano entrare a freddo non è stato per niente facile, e alla fine è stato molto bravo. Per Alessandro però, le porte sono sempre aperte».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Rai
4 giugno 2019 13:38 max73
Purtroppo come ho già scritto è da apprezzare lo sforzo della Rai in termini di mezzi, risorse e tante ore di diretta dedicate al Giro così come ad altre grandi corse ciclistiche. Purtroppo il tutto rischia di essere vanificato da commentatori che ripetono sempre lo stesso copione da mancanza di senso critico (i corridori sono sempre tutti bravi) da cronisti fatti con lo stampino che hanno paura di dire mezza parola in più. A mio avviso l'unico bravo è Rizzato che però ha poco spazio. Domande : a cosa serve il terzo cronista (Genovesi)?? A cosa servono i cronisti in moto se dicono esattamente quello che si vede in tv?? Il processo ha ancora un senso???? PS. Mi aspetto una replica del sig Canepari che è stato così solerte da rispondere domenica sbagliando completamente commento....

Eurosport
4 giugno 2019 14:04 ugo81
dopo aver letto, in questa cosiddetta intervista, le mirabilie di cui si vanta il direttore di raisport, sono ancora più contento di aver potuto vedere il Giro (per altro deludente, a mio avviso) su Eurosport.
tutt'altra cosa.

Quello che manca veramente
4 giugno 2019 15:30 berto
è un vero commento tecnico degno di nota. La figura di Genovesi poi la ritengo troppo intelligente per lo spettatore medio di questo sport. Sinceramente di tutta la carovana RAI salverei soltanto Rizzato ( un gigante) e Saligari mai banale sempre nel vivo della corsa.

Rai molto deludente quest'anno
4 giugno 2019 17:17 izoard
Ho sempre difeso RAI vs. Eurosport ma quest'anno la caduta è stata notevole. Scrivo queste righe non per polemica ma per critica costruttiva.

A livello editoriale è mancata completamente la caratterizzazione degli avversari di Nibali, ridotti quasi ad un nome ed un distacco in classifica generale. Bravo Rizzato, si salvano Del Luca e Cassani. Male la sostituzione di Martinello con Petacchi/Garzelli, e l'ho notato veramente quando ho risentito martinello alla radio domenica, proprio un 'altra cosa. Malissimo Franzelli, inspiegabile come si possa scegliere un giornalista a cui il ciclismo non è mai interessato.

LA RAI AL GIROUNA VERGOGNA
4 giugno 2019 18:51 soichan41
Se si fossero impegnati allo spasimo non sarebbero riusciti a fare un giro così vergognoso, tutti sopra le righe, senza capo nè coda, i commenti ti facevano venire il mal di testa solo sopravvalutazioni, campioni chiunque scattasse anche per qualche metro, poi quel giornalista al Processo sembrava imbalsamato…...ho visto solo Eurosport tutta un'altra musica , tranquillità, commenti tecnici pacati che te li godevi e ti facevano capire benissimo l'andamento tecnico della corsa. Contento lui………………………..

RAI deludente
4 giugno 2019 19:11 francesco5714
non sono d'accordo con il pensiero del direttore Bulbarelli, la RAI ha fatto più' ascolti grazie allo squalo. I cronisti come Franzelli e' meglio lasciarli dove lavoravano prima, il polemico Sgarbossa impresentabile, avete sostituito Martinello. Si e' sempre parlato di Caracas come sconosciuto, gli appassionati di ciclismo si ricordano che 2018 si e' classificato al quarto posto della generale.

Eurosport.... Due commentatori Che valgono tutto il palinsesto Rai!!!!!
4 giugno 2019 20:41 insalita
e non aggiungo altro..........................................................................!!!!!!!!!!!!!!

x berto
4 giugno 2019 20:55 siluro1946
"troppo intelligente per lo spettatore medio", leggendola ha convinto anche me, che ho sempre pensato il contrario.

Ingrati
4 giugno 2019 22:06 fido113
Ma cosa volete........Grazie RAI . Sforzo immenso fatto da grandi professionisti. Giànni

Credo ad Auro
4 giugno 2019 22:14 FrancoPersico
Credo a quanto dice Auro e mi complimento con lui per i numeri che espone. Non posso fare diversamente avendo seguito tutto il giro su Eurosport.
Cordiali saluti

Auro non potevi dire diversamente però....
4 giugno 2019 22:43 geo
Caro Auro, leggiti l'articolo di "Gatti e Misfatti" relativamente ai conduttori e fattene una ragione: A parte De Luca e Rizzato il resto non funziona. Di piuttosto che avevi un budget e delle scelte obbligate.
Un commento tecnico che non commenta ma ripete le cose dette e che si vedono, un commento "culturale" di cui in qualsiasi sport non se ne sente il bisogno, un processo che non "processa" e senza coraggio......
Caro Auro, tu non puoi dire altro che quello che hai detto, ma spero che in cuor tuo sappia la verità!

Scusate...
5 giugno 2019 09:34 Observant
ma cosa avrebbe dovuto dire Bulbarelli?
Ha detto esattamente quello che un direttore di rete dovrebbe dire...

Genovesi
5 giugno 2019 15:34 che pantaloni metto
Genovesi è troppo raffinato per il pubblico del ciclismo, è un pubblico che vuole sentire discorsi basici, ragionamenti terra-terra alla Silvio Martinello. Lo spesso re dei tubolari, quelle cose lì. Il pubblico del ciclismo, quando sente una metafora, chiama la polizia.

raffinati
5 giugno 2019 20:00 ugo81
lascerei volentieri il raffinato Genovesi e raffinati vari (Franzelli, Petacchi, Garzelli) ad una platea di altri raffinati.
e riascolterei volentieri Martinello, per dire.
ma ho risolto togliendo l'audio, le rare volte che sono stato costretto a guardare la Rai.

Ascolti
5 giugno 2019 22:10 che pantaloni metto
Il merito degli ascolti (buoni, ma non eccezionali) lo dividerei così: 50% a Nibali che sta sempre davanti e fa da traino, 30% a De Luca che è stata la vera voce-guida del Giro, e quindi è giusto che si prenda la sua parte di elogi, e infine il 20% al resto del squadra, Franzelli Genovesi e Garzelli. Le vedove di Martinello, disperate e inconsolabili, ci saranno sempre. Ma quello che conta alla fine sono i risultati, il resto sono chiacchiere.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Caleb EWAN. 10. Esemplare. Esplosivo come pochi. Trafigge tutti danzando sui pedali, con agilità, potenza e colpo d’occhio. C’è poco da dire. Il folletto australiano porta a due le sue vittorie di tappa (vittoria stagionale numero 8): è chiaramente e...


Caleb Ewan firma il suo secondo successo di tappa al Tour de France, unico velocista ad eserci riuscito fino ad ora, e raggiunge quota otto in stagione: «Ad essere sinceri, oggi mi sono sentito male per tutto il giorno,...


Ancora un piazzamento per Peter Sagan, oggi quarto a Nimes. La maglia verde è sempre più saldamente sulle sue spalle ma nelle volate a ranghi compatti il campione slovacco non riesce a a trovare lo spunto vincente: «La tappa era...


Inizia bene la spedizione azzurra all'European Youth Olympic Festival di Baku, in Azerbajan. L'allievo Dario Igor Belletta, 15 anni milanese di Arluno della società Busto Garolfo, ha conquistato la medaglia d'argento nella cronometro individuale sulla distanza di 10 km che...


Scatta domani con la inusuale e brevissima cronosquadre di Mestre la seconda edizone della Adriatica Ionica Race. Ventitré squadre al via, otto delle quali appartententi al WordlTour, con un campo partenti di grande valore. Che unito ad un percorso che...


Caleb Ewan è il primo velocista che in questo Tour de France mette a segno una doppietta. Il piccolo sprinter australiano è partito come una palla di cannone sul rettilineo di Nimes e ha letteralmente impallinato Elia Viviani che, dopo...


La Adriatica Ionica Race si prepara a conquistare un posto al sole fra gli eventi della stagione ciclistica. La seconda edizione domani, mercoledì 24 luglio, scatterà con una sorpresa dell’ultimo minuto: Mark Cavendish (Dimension Data), Campione del Mondo 2011, si...


Disattenzione? Ma ne siamo sicuri? Poco dopo il 30esimo chilometro di gara, Geraint Thomas affronta una curva ma finisce pesantemente per terra. Abrasioni al gomito e al ginocchio - medicati con lo spray dai medici delal corsa - e una...


"Lorenzo Gobbo sta molto bene, è in ottime condizioni e sicuramente tornerà a gareggiare". A parlare così è Marco Scarci, primario del reparto di Chirurgia Toracica dell'Ospedale San Gerardo di Monza. "Le condizioni attuali del ragazzo sono più che buone...


C’era anche l’Androni Giocattoli Sidermec, che parteciperà all’Adriatica Ionica Race, ieri mattina alla presentazione Collezione 2020 "Stand Out" di Bottecchia. La casa di biciclette di Cavarzere nell’importante appuntamento annuale per presentare le novità della prossima stagione ai propri rivenditori italiani...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy