GIRO. POLANC: «ORGOGLIOSO DI ESSERE SLOVENO»

GIRO D'ITALIA | 23/05/2019 | 17:10
di Diego Barbera

La maglia rosa passa dalle spalle di Valerio Conti al compagno Jan Polanc. «La squadra ha pensato bene di mandarmi in fuga, così che avessimo più carte da giocare per mantenere la maglia rosa in casa. Già che ero all'attacco ho provato a vincere anche la tappa, ma ero molto controllato dagli altri uomini davanti. Mi hanno fatto tirare perchè sapevano che ero messo bene in classifica, dopo due vittorie al Giro d'Italia, è una bella emozione per me vestire questa maglia. Spero di mantenerla, vediamo come andranno i prossimi giorni» spiega dopo le premiazioni il 27enne sloveno della UAE Team Emirates

Le sue impressioni a freddo, in conferenza:

In questo momento il ciclismo sloveno è protagonista in positivo e negativo. Quanto è pulito, cosa puoi dirci?
«La situazione è davvero triste in questo momento soprattutto visti i bei risultati sportivi, quindi è un po’ un peccato doverne parlare per le vicende poco piacevoli. Posso solo dire che sono orgoglioso di essere sloveno, quindi è triste tutto ciò che sta accadendo, ma non so cosa dire di più»

Grande azione di squadra oggi, proverete a continuare così fino alla fine, a Verona?
«Sarà davvero duro portare la maglia rosa fino alla fine, ci proverò almeno domani a tenerla, ma non so ancora come andrà, io di certo darò il mio meglio. La maglia è rimasta in squadra, quindi la strategia è stata perfetta. Ora vivremo giorno per giorno gestendo le energie».

Perché ci sono così tanti giovani forti in Slovena, come spieghi questo boom?
«Io mi alleno a casa, so che ci sono tanti giovani forti e credo che in generale si lavori molto bene. Certo, c’è questo momento nero attualmente, ma credo che si risolverà tutto per il meglio e si tornerà solo a parlare delle belle notizie. Io sono qui per correre per la mia squadra al meglio delle mie possibilità, ribadisco: sono orgoglioso di essere sloveno»

Questa maglia rosa cambia la tua carriera?
«La mia carriera continuerà come è andata finora. Questa maglia è di certo un sogno ed era un obiettivo, ma credo che sia così per tutti i corridori che partecipano a un grande giro».

Indossi dei calzini rosa, li hai rubati da Conti?
«Sì, erano pronti per Valerio, ma ora li indosso io. Ero felice per lui quando era in rosa e lui è per me ora, magari lo è ancora di più perché può rilassarsi e riposarsi un po’ senza interviste e conferenze!».

Avete parlato dopo la tappa?
«Non molto, forse dopo in hotel avremo più occasione».

Hai vinto in una tappa con rimandi storici importanti
«Sì. Più che altro oggi il nostro pensiero era l’obiettivo di fuga con la squadra per tenere la rosa. Ma esserci riusciti qui rende tutto più bello e importante».

L’ultima parte del Giro è molto impegnativa, sarà più controllata o ci sarà più battaglia?
«Credo ci saranno davvero grandi distacchi vista la difficoltà delle tappe future. Il Giro è appena iniziato e da oggi in poi credo ci sarà una bella sfida per la classifica generale».

Conosci Milan Erzen?
«L’ho incontrato nelle corse in Slovenia, ma non ho mai avuto a che fare con lui, lo conosco solo di vista perché io mi sono sempre allenato con mio padre e non avevo necessità di lavorare con qualcun’altro. Sin da piccolo ho avuto un supporto più che sufficiente proprio da mio padre».

Quanti giorni potresti tenere la rosa e chi potrebbe “prendertela” tra i tuoi compagni?
«Di sicuro ci sono tappe complicate davanti, sarà difficile mantenere la rosa e non saprei dire sinceramente. Di volta in volta deciderà il team manager per chi lavorare».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Si avvicina il debutto in un grande giro per Mathieu Van der Poel: il corridore olandese, infatti, sta valutando la possibilità di disputare la Vuelta nel prossimo mese di agosto. È stato lui stesso a parlare di questa opportunità nel...


Dopo essere tornata in calendario nelle due ultime stagioni, la Vuelta a Aragon va incontro ad un nuovo stop e nel 2020 non si correrà: lo hanno annunciato ufficialmente gli organizzatori, spiegando che la decisione è dovuta al fatto che...


Finalmente una bella dormita per me e anche per Giorgio, che ha recuperato al 100%. Dopo 10 giorni di convivenza abbiamo scoperto che Dil è un Lama, ovvero una guida buddista: ci ha portato a casa di alcuni suoi parenti...


Alberto Dainese è un ragazzo che non ha problemi a dire quello che pensa. È bastato qualche minuto di chiacchierata per capire la sua forte e genuina personalità. Risposte mai banali e buona tendenza a fare ironia. Ma, soprattutto, in...


  È tutto pronto per la 28ª edizione del Giorno della Scorta, in programma domenica prossima a Faenza, alle ore 9.30, con gli ospiti accolti in Sala del Consiglio Comunale per dibattere i temi della sicurezza nelle gare ciclistiche insieme...


È andata in scena la grande festa di chiusura  della stagione  2019 per l' Uc Lupi di San Martino di Lupari: la società del vulcanico presidente Otello Antonello - che quest'anno celebra anche il ventennale della fondazione - può veramente...


  Si svolgerà domani venerdì 22 novembre la cerimonia del 46° Giglio D’Oro il premio nazionale per il miglior professionista italiano della stagione, istituito nel 1973 da Saverio Carmagnini, con il patrocinio del Gruppo Toscano Giornalisti Sportivi dell’USSI. La cerimonia...


Una dinastia di corridori, quella della famiglia Colnaghi: dal padre Fabio ai tre figli Andrea e Davide (sono gemelli), e Luca che andiamo a presentarvi. Anni 20 compiuti, di Mandello del Lario sulle sponde del lago di Lecco, Luca Colnaghi...


Un appuntamento per parlare di ciclismo, del corridore più grande di sempre e della sua sconfitta più clamorosa: questa sera alle 19.30 da Cicli Turrina in via Busa 27 ad Ospedaletto di Pescantina (Verona), ci sarà infatti la presentazione del...


  Domenica 24 novembre a "La casa dei Gelsi" di Cusinati di Rosà, in provincia di Vicenza, i componenti l'Associazione Glorie del Ciclismo Triveneto presieduta da Mario Beccia, si ritroveranno per festeggiare con le famiglie e gli amici il 45°...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy