PETR VAKOC, UN ANNO DOPO

PROFESSIONISTI | 25/01/2019 | 07:58
di Giulia De Maio

Un anno fa veniva investito da un camion. Era in Sudafrica ad allenarsi con i compagni Bob Jungels e Laurens De Plus e un terribile incidente ha rischiato di compromettergli la carriera, o peggio, la vita. Nell'impatto fu quello più duramente colpito: riportò commozione cerebrale, un tendine lacerato e sei vertebre rotte, che hanno richiesto tre operazioni e mesi di riabilitazione. 365 giorni dopo Petr Vakoc è in Argentina dove tra poche ore tornerà a correre. Domenica sulla maglia della Deceuninck – Quick-Step il 26enne ceco riattaccherà il numero alla schiena.

Quanto sei felice da 1 a 10?
«11. Sono fortunato ad essere vivo e felicissimo di tornare a correre alla Vuelta a San Juan, ancora prima di quanto preventivato. Non ho ricordi di un anno fa, non soffro di incubi, ma sono decisamente più consapevole di quanto rischiamo ogni giorno in strada e arrabbiato con gli automobilisti che guidano in modo spericolato o imprudente».

Pedalare è oramai rischiosissimo.
«Sicuramente non è possibile prevenire tutti gli incidenti, ma sono convinto che i rischi di possano ridurre. C’è un’ostilità inutile tra guidatori e ciclisti: le persone al volante spesso non si rendono conto di quanto sia pericoloso sorpassarci a pochi centimetri. Per me questo è stato un argomento di grande interesse negli ultimi mesi: vorrei cambiare la situazione in meglio. La regola di superare il ciclista con una distanza minima di un metro e mezzo, come accade già in alcuni paesi, andrebbe imposta in tutto il mondo. Noi dal canto nostro dobbiamo fare di tutto per renderci visibili, con luici e abbigliamento colorato, e per sensibilizzare l'opinione pubblica. Più persone pedaleranno, più le strade saranno sicure».

Quando sei tornato in sella?
«Il mio primo vero allenamento risale a luglio quando sono stato con la squadra a Livigno, all'epoca non riuscivo a svolgere più di due-tre sessioni a settimana. In sella a pieno regime ci sono tornato solo tra settembre e ottobre. Settimana dopo settimana mi sono sempre sentito meglio e ora sono pronto a rientrare in gruppo. So che mi aspetta tanta fatica, ci vorrà almeno qualche mese prima che io possa tornare competitivo ad alti livelli ma ho imparato ad essere paziente e a pensare positivo».

Cosa ti auguri?
«Di tornare presto l'atleta che ero prima dell'incidente o anche una versione migliore di allora. Voglio aiutare la squadra e riprovare l'emozione di lottare per la vittoria. Lo devo a chi mi è stato vicino in questo anno difficile, a partire dalla mia famiglia. Devo ringraziare i dottori, quelli in Africa che mi hanno salvato la vita e quelli dell'istituto di Praga che mi hanno permesso di recuperare la piena mobilità, e la squadra che mi ha sostenuto come meglio non avrebbe potuto».

Che messaggio ti senti di mandare a chi in questo momento lotta in ospedale come hai dovuto fare tu?
«Non concentratevi su quello che è accaduto, ma focalizzate tutte le vostre energie su quello che potete fare per reagire. Una piccola pedalata dopo l'altra raggiungerete il vostro traguardo».


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Signore e signori, ecco a voi Tom Pidcock! Il giovane talento britannico di presenta al grande pubblico vincendo alla maniera forte la Freccia del Brabante. Il ventunenne britannico della Ineos Grenadiers ha impallinato Van Aert e uno stanco Trentin in...


Da quando un ictus lo colse di sorpresa ad appena 21 anni durante il Giro delle Asturie, Alberto Contador ha affiancato un'altra missione a quella ciclistica: la lotta contro questo male, improvviso e a volte fatale. E in questi giorni...


La località balneare di Kemer, situata sulla bellissima costa mediterranea della Turchia, ha fatto da palcoscenico per una giornata storica in casa Deceuninck - Quick-Step: la conquista dell'800a vittoria della squadra belga in una gara UCI, firmata ancora da Mark Cavendish....


Mentre l’Uci esaminava il caso borracce, in corsa avveniva la prima squalifica di un corridore per posizione illecita. È accaduto alla Freccia del Brabante e il colpevole è Gijs Leemreize, corridore della Jumbo-Visma. Il ciclista olandese è stato squalificato dopo...


Riunito oggi in videoconferenza, il CCP (Consiglio del Ciclismo Professionistico) ha esaminato l'attuazione delle nuove norme introdotte nel 2021 – il 1° aprile per la maggior parte di esse – per rafforzare la sicurezza dei ciclisti durante le gare su...


Bontrager ha presentato oggi la nuovissima linea Aeolus RSL, ampliando la propria offerta di ruote ad alte prestazioni, spostando molto in alto l’asticella delle prestazioni. Le nuove Aeolus RSL saranno il nuovo punto di riferimento in termini di velocità e stabilità nel...


La prima delle cinque tappe de la Volta a la Comunitat Valenciana disputata oggi da Elche ad Ondara sulla distanza complessiva di 168, 9 chilometri è stata vinta da Miles Scotson (Groupama FDJ). il 27enne australiano è arrivato con 29...


Incredibile finale alla Freccia del Brabante con l'olandese Demi Vollering che alza un braccio su traguardo e subito dopo festeggia inquadrata dalle telecamere. Intanto pero' i giudici analizzano per lunghi minuti il fotofinish e alla fine danno la vittoria alla...


Mark Cavendish firma il tris personale sulle strade della Turchia e realizza quello che non gli era mai riuscito in carriera, ovvero vincere tre tappe consecutive nella corsa turca. Il britannico ha battuto ancora una volta il belga Philipsen e...


Vincenzo Nibali è caduto questa mattina in allenamento. Il siciliano della Trek Segafredo è appena rientrato da un lungo ritiro sul Monte Teide ed era impegnato nei lavori di rifinitura in vista del Tour of the Alps e della Liegi-Bastogne-Liegi....


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155