PETR VAKOC, UN ANNO DOPO

PROFESSIONISTI | 25/01/2019 | 07:58
di Giulia De Maio

Un anno fa veniva investito da un camion. Era in Sudafrica ad allenarsi con i compagni Bob Jungels e Laurens De Plus e un terribile incidente ha rischiato di compromettergli la carriera, o peggio, la vita. Nell'impatto fu quello più duramente colpito: riportò commozione cerebrale, un tendine lacerato e sei vertebre rotte, che hanno richiesto tre operazioni e mesi di riabilitazione. 365 giorni dopo Petr Vakoc è in Argentina dove tra poche ore tornerà a correre. Domenica sulla maglia della Deceuninck – Quick-Step il 26enne ceco riattaccherà il numero alla schiena.

Quanto sei felice da 1 a 10?
«11. Sono fortunato ad essere vivo e felicissimo di tornare a correre alla Vuelta a San Juan, ancora prima di quanto preventivato. Non ho ricordi di un anno fa, non soffro di incubi, ma sono decisamente più consapevole di quanto rischiamo ogni giorno in strada e arrabbiato con gli automobilisti che guidano in modo spericolato o imprudente».

Pedalare è oramai rischiosissimo.
«Sicuramente non è possibile prevenire tutti gli incidenti, ma sono convinto che i rischi di possano ridurre. C’è un’ostilità inutile tra guidatori e ciclisti: le persone al volante spesso non si rendono conto di quanto sia pericoloso sorpassarci a pochi centimetri. Per me questo è stato un argomento di grande interesse negli ultimi mesi: vorrei cambiare la situazione in meglio. La regola di superare il ciclista con una distanza minima di un metro e mezzo, come accade già in alcuni paesi, andrebbe imposta in tutto il mondo. Noi dal canto nostro dobbiamo fare di tutto per renderci visibili, con luici e abbigliamento colorato, e per sensibilizzare l'opinione pubblica. Più persone pedaleranno, più le strade saranno sicure».

Quando sei tornato in sella?
«Il mio primo vero allenamento risale a luglio quando sono stato con la squadra a Livigno, all'epoca non riuscivo a svolgere più di due-tre sessioni a settimana. In sella a pieno regime ci sono tornato solo tra settembre e ottobre. Settimana dopo settimana mi sono sempre sentito meglio e ora sono pronto a rientrare in gruppo. So che mi aspetta tanta fatica, ci vorrà almeno qualche mese prima che io possa tornare competitivo ad alti livelli ma ho imparato ad essere paziente e a pensare positivo».

Cosa ti auguri?
«Di tornare presto l'atleta che ero prima dell'incidente o anche una versione migliore di allora. Voglio aiutare la squadra e riprovare l'emozione di lottare per la vittoria. Lo devo a chi mi è stato vicino in questo anno difficile, a partire dalla mia famiglia. Devo ringraziare i dottori, quelli in Africa che mi hanno salvato la vita e quelli dell'istituto di Praga che mi hanno permesso di recuperare la piena mobilità, e la squadra che mi ha sostenuto come meglio non avrebbe potuto».

Che messaggio ti senti di mandare a chi in questo momento lotta in ospedale come hai dovuto fare tu?
«Non concentratevi su quello che è accaduto, ma focalizzate tutte le vostre energie su quello che potete fare per reagire. Una piccola pedalata dopo l'altra raggiungerete il vostro traguardo».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Martino Dal Santo è un imprenditore, uno sponsor ed un sognatore. Oltre ad essere presente su Bardiani CSF Faizanè, con la sua azienda con sede a Zanè, ha deciso di supportare in mondo concreto anche il Campionato Italiano professionisti del...


Gli assenti hanno sempre torto, ma questa volta non sono a fare le vacanze ma sono al Delfinato per preparare la corsa dell'anno, quella che potrebbe salvare questa stagione disgraziata dilaniata dal Covid: il Tour de France. Il meglio del...


L'ennesima prova di forza della Jumbo Visma di Primoz Roglic. Il campione sloveno ha vinto oggi la seconda tappa del Delfinato con partenza da Vienne ed arrivo sul Col de Porte; il ciclista in maglia giallonera ha fatto il vuoto...


Le ipotesi si susseguono per quanto riguarda la nuova sede dei campionati del mondo ed è importante cercare di capire quali siano quelle serie e quali invece quelle solo suggestive. Bene, tra le ipotesi che nelle ultime ore hanno acquisito...


Sono ancora una volta le ragazze a dominare la scena nella mountain bike per il Trinx Factory Team. Nella quarta prova della Transmaurienne Vanoise ad Aussois in Francia, in una bella giornata che ha spiazzato le previsioni meteo che indicavano...


Sono stati resi noti i nomi delle 31 formazioni invitate a partecipare al 43° Giro d’Italia Giovani Under 23 Enel, che si svolgerà dal 29 agosto al 5 settembre 2020. Poche le modifiche rispetto alla lista diffusa prima del lockdown,...


Con orario differente rispetto alla tradizione (21.40 su Raisport) Radiocorsa offre oggi un piatto ricco: i mondiali in Svizzera e tutte le possibile alternative, la Jumbo Visma dominatrice di questo inizio di stagione con tutte le immagini delle varie gare,...


Sabato 15 agosto si correrà la 114^ edizione de “Il Lombardia”, una delle cinque classiche monumento del ciclismo. Il team Bardiani CSF Faizanè sarà al via e così come alla Milano-Sanremo si prepara a una corsa d’attacco come...


Che il cuore di Michele Fanini fosse grande si sapeva, che fosse immenso si è scoperto in questi giorni. E la dimostrazione è arrivata da un gruppo di suoi amici, forse ex campioni del ciclismo, forse gli stessi che Michele...


Non sottovalutate la cosa, il reggisella telescopico è un vero lusso! Voi biker probabilmente ne siete già ampiamente dipendenti, ma uno stradista che ha appena finito di montarsi la nuova gravel deve fare un passo in più e regalarsi il...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155