I FIGLIASTRI DELLA SICUREZZA

LETTERA APERTA | 21/01/2019 | 07:00
di Fiorenzo Alessi

Caro Direttore,

è indiscutibile che la SICUREZZA per gli amanti e praticanti di quello che un tempo era miticamente definito come "il cavallo d'acciaio" sia tema di stringente e drammatica attualità. E' sotto gli occhi di tutti, per chi voglia vedere e non solamente guardare, lo stillicidio di vittime che, pressochè quotidianamente, è conseguenza di una sorta di incompatibilità ambientale tra traffico automobilistico cresciuto a dismisura, un complesso viario per lo più inadeguato e a dir poco "malmesso", e i cosiddetti utenti deboli della strada come - da lungo tempo, non dimentichiamolo - sono, di fatto, i pedoni e, per quanto ci riguarda, i Ciclisti.

Ben vengano, dunque, tutte le iniziative volte a tentare di porre un argine, più o meno invalicabile, al... tiro al bersaglio di cui corre il rischio di essere oggetto chi, con questi chiari di luna, ha il coraggio di affrontare la strada in sella alla propria bicicletta. Oltremodo meritorio ed encomiabile quanto in materia sta facendo la Fondazione a nome dell'indimenticabile Michele Scarponi, così come l'opera disinteressata e determinata di tanti altri congiunti di ciclisti falciati per strada

"Io non vado più in bici da tre anni perché mi sono stancato di litigare con gli automobilisti": potrebbe anche liquidarsi come  frase espressiva di una scelta, ragionata o istintiva che dir si voglia, di un semplice e occasionale pedalatore che si è risolto ad abbandonare una... passioncella, in cambio della tranquillità. Se, invece, si considera che questa frase è stata testualmente pronunciata da un signore che di cognome fa BUGNO e di nome GIANNI, vincitore di qualche corsetta tra i professionisti tra cui, tanto per dire, due Campionati del Mondo su strada consecutivamente, ed attualmente Presidente del Sindacato Internazionale dei Ciclisti Professionisti, allora occorre prendere atto, senza se e senza ma, che qualcosa che non quadra effettivamente c'è!

Occorre però fare chiarezza: per esperienza, posso affermare con certezza che il concetto di SICUREZZA abbia contorni  oltremodo soggettivi. Così come, tanto per fare un raffronto di non poco conto, il concetto stesso di GIUSTIZIA. Ciò che rappresenta per il cittadino automunito una forma, e al contempo un riconnesso precetto, "per" la SICUREZZA, ben può non esserlo per il ciclista. Anzi, nella gran parte dei casi certamente non lo è. Allo stesso modo, quella che per la vittima deve rappresentare l'auspicabile e doverosa espressione di GIUSTIZIA, ben diversamente è intesa e dovrebbe essere per chi quella vittima ha provocato con la propria condotta in violazione delle norme che regolamentano non solo la circolazione stradale ma anche il comune e consueto vivere sociale. Quel che è certo, senza tanti ragionamenti apparentemente contorti, è che nella questione che ci occupa SICUREZZA e GIUSTIZIA dovrebbero andare a braccetto. O, per usare una metafora Ciclistica, la GIUSTIZIA dovrebbe decisamente... tenere la ruota della SICUREZZA.

L'esperienza professionale acquisita sul campo mi induce ad affermare che, purtroppo, così non è. Benchè , a fronte di innovazioni legislative, particolarmente sotto il profilo sanzionatorio (si veda, tra l'altro, l'introduzione della fattispecie del cosiddetto omicidio stradale), vi sia ben poco da scherzare allorquando, al volante di un autoveicolo, si pongano in essere condotte in palese ancorchè colposa violazione del dettato normativo che regolamenta e tutela la SICUREZZA di tutti coloro - ciclisti compresi - che fruiscono della strada, non è infrequente assistere tutt'ora da parte di chi ha l'onore e l'onere di Amministrare la Giustizia ad una benevola INTERPRETAZIONE della legge che si risolve, alla fin fine, proprio in una forma di denegata GIUSTIZIA.  

Ricordo, a me stesso prima che ad altri, alcune formulette, datate ma illuminanti, che ancora - più o meno credibilmente ed efficacemente - hanno a che fare con la Legge: LA LEGGE E' AMMINISTRATA IN NOME DEL POPOLO, LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI, DURA LEX SED LEX. Latinorum a parte, vi è a fare da contraltare  a tanta saggezza, peraltro contaminata dai tempi, una frase attribuita ad un altero politico piemontese di qualche secolo fa: "Le leggi si interpretano per gli amici e si applicano ai nemici". Temo che, alla fine della giostra, proprio questo sia il pericolo: che si finisca, magari inconsapevolmente, a ritenere che la SICUREZZA dei CICLISTI, pur idealmente sacrosanta, all'atto pratico debba far di conto con dei SE, MA, PERO', così contribuendo all'ennesima creazione di FIGLI e FIGLIASTRI. Con buona pace anche della certezza e... Sicurezza della Giustizia. 

Cordialmente.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Si parla di cerchi magici, ma viviamo tra gironi e cerchi dell’inferno. Tra lussuriosi e golosi, avari e iracondi. Sono i peccati del nostro tempo, che sanno più di zolfo che di zafferano. Per rimanere in ambito culinario, tempi grami...


Il 6 luglio, giorno in cui il Tour de France partirà da Bruxelles con la Grand Départ, Continental inizierà il suo primo anno in qualità di uno dei cinque Main Partner del Tour – insieme a LCL, E.Leclerc, Krys e...


Il "piccolo principe” Damiano Cunego, ciclista veronese classe 1981, ha saputo togliersi enormi soddisfazioni nel corso della sua carriera, aggiudicandosi oltre 50 corse tra i professionisti. Oggi, a meno di un anno dal suo ritiro, Damiano è sempre presente all’interno...


La Federazione Ciclistica Italiana insieme all’Agenzia per la Mobilità del Comune di Roma si impegna per una città migliore, più pulita, sicura e a misura di bicicletta e lo fa, come è suo stile, partendo dall’educazione nelle scuole. Firmato, presso...


In questi anni il ruolo dell’Ambassador è diventato un fenomeno molto diffuso visto e considerato il suo ruolo nei social network e nelle varie community. LOOK è un marchio molto attento a questi fattori e dopo essersi mosso benissimo a livello internazionale,...


È arrivata per ultima, con nobile distacco dalle colleghe e si è posta al centro dell’attenzione come una diva. È la nuova moto, a disposizione della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia, presentata nei giorni scorsi presso la sede di...


Parte dalla Sala Consiliare del Comune di Carmignano la nuova avventura della Big Hunter Beltrami TSA Seanese nel mondo del pedale per quella che sarà la stagione n. 46 della sua splendida storia iniziata nel 1973. Parte con gli auguri...


Anche per la formazione più giovane del Team Wilier Breganze è ufficialmente iniziata la preparazione su strada e, tra meno di due mesi, anche per loro si aprirà ufficialmente il calendario delle gare. L'organico del 2019 presenta ben dieci atlete....


Riparte nel segno dei giovani la stagione della Ciclistica San Miniato-S.Croce sull’Arno dopo il patto di collaborazione siglato con il gruppo sportivo Stabbia Ciclismo dal quale sono arrivati a San Miniato alla corte del presidente Franco Biagini un bel gruppo...


La Delio Gallina Colosio Eurofeed si sta comportando molto bene alla Boucles du Haut Var in Francia. Dobbiamo riconoscere che i ragazzi guidati da Cesare Turchetti hanno tanta qualità e voglia di fare. Tant'è che nelle prime due tappe, compresa...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy