ULISSI: «HO VOGLIA DI RICOMINCIARE E DI VINCERE»

PROFESSIONISTI | 07/12/2018 | 07:09
di Pier Augusto Stagi

Senza bicicletta per 25 giorni. Vacanza di una settimana a Dubai, con Arianna e la piccola Lia. Da lunedì nuovamente in sella, per dare inizio a quella che per Diego Ulissi sarà la stagione numero dieci. «E per uno che ha ancora 29 anni sono davvero tante», ci dice il toscano residente da anni a Lugano.

«Ormai siamo un po’ svizzeri anche noi – dice a tuttobiciweb il corridore della UAE Emirates -. Abbiamo comprato casa, e da maggio siamo in una villetta in zona Cadro, un quartiere molto bello di Lugano. Stiamo bene, mia moglie si trova benissimo. Lia quest’anno andrà ancora all’asilo, ma dal prossimo settembre iniziano le scuole. Se sono vicino a Vincenzo? (Nibali, ndr): sono dalla parte opposta, ma ci troviamo spesso in allenamento. Ci sono giorni che sono con lui, con Fabio (Aru), con Enrico (Gasparotto), Domenico (Pozzovivo) e Dario (Cataldo): siamo proprio un bel gruppo».

Tutto è pronto: lunedì si comincia a fare sul serio, con il primo ritiro a Playa de La Pineda a Tarragona (dal 10 al 22 dicembre, ndr).
«È come il primo giorno di scuola, e credimi, ho sempre un po’ di emozione. Arrivi alla fine della stagione che sei stremato e non hai più voglia di vedere una bicicletta, ma dopo solo una settimana questa ti viene a mancare. Adesso mi sento prontissimo a ricominciare: ho proprio voglia».

Programmi?
«Quelli si faranno assieme con lo staff la prossima settimana. In linea di massima, però, dovrei correre due Grandi Giri (è molto probabile che corra il Giro e la Vuelta, ndr). Se farò il Giro di Spagna sarò molto contento, perché l’ho corso una sola volta in carriera (nel 2013, ndr) e penso che sia molto adatto alle mie caratteristiche. Ho ancora l’amaro in bocca per un secondo di tappa alle spalle di Joaquin Rodriguez (all’Alto de Naranco, sopra Oviedo, ndr) e mi piacerebbe poter vincere anche lì una tappa. Ricordo che dopo essere uscito dalla Vuelta sono andato molto bene e ho vinto in sequenza Milano-Torino, Emilia e Sabatini. In ogni caso la mia stagione dovrebbe cominciare in Australia, al Tour Down Under».

Cosa chiedi a questa stagione che sta per incominciare?
«Il team mi considera con un corridore vincente, quindi spero di non deluderli e vincere. La Sanremo? Magari, è una corsa pazzesca. Però anche le Ardenne…».

Dieci anni da professionista, 30 vittorie: quali quelle che hai più nel cuore?
«Le sei tappe del Giro sono in cima a tutto. D’altronde i bimbi crescono con il mito del Giro e sognano di poter un giorno essere lì a battagliare con i migliori. Di queste vittorie di tappa la più bella è quella di Asolo, che risplende luminosa. Poi c’è il Gp Montreal: grande corsa».

Dalla Svizzera alla Spagna, poi Natale…
«In Toscana. Torniamo a casa nostra. Natale a Empoli, dai genitori di Arianna, Capodanno a casa dei miei. Poi ai primi di gennaio si parte. C’è l’Australia e una stagione da vivere profondamente, senza tirare i freni».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

«Non cambierei nulla di quello che ho fatto». Rispunta Lance Armstrong, protagonista di una lunga intervista televisiva che l’emittente statunitense NBC Sports trasmetterà mercoledì 29 maggio, e si riapre una pagina di storia che avremmo preferito non rileggere. «Innanzitutto non...


Non si è spento ancora l'eco dell'entusiasmo che hanno lasciato gli atleti dopo i successi nell'ultimo week end, che l'Us Ausonia Csi Pescantina è già pronta a competere su nuovi traguardi.Sabato 25 e domenica 26 maggio si svolgerà la due...


Dopo l'eccitante tappa inaugurale di Albstadt, la Mercedes-Benz UCI XCO World Cup è pronta a vivere la sua seconda frazione del 2019, che andrà in scena questo fine settimana a Nové Město,  in Repubblica Ceca. Il percorso è uno spasso,  merito delle sue...


L'australiano Chris Harper, che difende i colori del Team BridgeLane, ha vinto la sesta tappa del Giro del Giappone, la più attesa, vale a dire quella del Monte Fuji. Trentasei i chilometri da percorrere, praticamente tutti in salita: Harper ha...


  Già l’antipasto di montagna della tappa odierna ha determinato notevoli sommovimenti nella classifica con una frazione battagliata, come riportato con chiara e dettagliata sintesi, dapprima nella diretta e poi nell’esauriente commento, tutto “live”, già proposto da Paolo Broggi ieri...


È diventato il tormentone del Giro: ma il Gavia si fa o non si fa? Un tormentone che ci accompagnerà almeno fino a lunedì sera, forse anche a martedì mattina, a poche ore dallo svolgimento della tappa. Ieri mattina si...


Che i rapporti tra Nairo Quintana e la Movistar non siano più quelli di un tempo è cosa risaputa, così come è noto che Eusebio Unzue sta lavorando per trasformare almeno in parte il volto della squadra per renderla più...


Il nome di Giovanni Fontanini, il dottor Giovanni Fontanini di Camaiore è conosciuto nel ciclismo professionistico soprattutto fra gli addetti ai lavori per la oramai lunga attività, nonostante l’aspetto tuttora assai giovanile, con i vivacissimi occhi azzurri, che non fa...


Anche il più grande scende in campo: Eddy Merckx è arrivato ieri al Giro d'Italia e non ha esitato a "prestare" la sua mano per Save the Children: l’organizzazione è  protagonista come Charity partner del Giro d'Italia, per sensibilizzare il...


Il tema della sicurezza, per chi pedala su strada e per chi partecipa alle Granfondo, continua ad essere di primaria attualità. Non passa giorno senza che le cronache locali dei di ogni angolo d’Italia raccontino di un ciclista investito, ferito o addirittura...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy