COURMAYEUR, IL GIRO TINGE DI ROSA LA VALDIGNE

INIZIATIVE | 09/11/2018 | 07:36

La 102° edizione del Giro ciclistico d’Italia tocca la Valle d’Aosta come mai fatto prima, il 25 maggio 2019 la Saint-Vincent - Courmayeur Skyway Monte Bianco sarà la prima tappa interamente rossonera nella storia del Giro. L’ufficializzazione è arrivata nel corso della conferenza stampa di presentazione del Giro d’Italia 2019, in diretta dagli studi Rai di Via Mecenate a Milano, mercoledì 31 ottobre 2019, e sigilla in questo modo l’intenso lavoro portato avanti dal Comune di Courmayeur in sinergia con RCS, Skyway, Assessorato regionale al Turismo e gli altri partner coinvolti in questi mesi.

“Courmayeur e il Monte Bianco si coloreranno di rosa per accogliere il Giro d’Italia - commenta il Sindaco di Courmayeur, Stefano Miserocchi - in questa tappa interamente valdostana gli atleti coinvolti affronteranno un percorso impegnativo, non facile, ma potranno godere dell’unicità e bellezza del nostro territorio e di quei panorami che le nostre montagne sanno regalare. Siamo orgogliosi e felici di questa occasione che ci viene offerta e che ci vede al lavoro da mesi. I tanti campioni che si sfideranno per tagliare per primi il traguardo ai piedi di Skyway Monte Bianco, gioiello unico al mondo e orgoglio di Courmayeur, permetteranno, grazie alla grande macchina mediatica che accompagna la kermesse, di presentare la Valle di sua maestà il Monte Bianco a milioni di appassionati di ciclismo diventando un’occasione di promozione turistica unica. Tanta fatica sarà nelle gambe dei campioni su due ruote, fatica paragonabile a quella di chi sale a conquistare la vetta, una vetta, in questo caso, di trionfo rosa!”.

La macchina organizzativa sul territorio valdostano è già in moto da settimane e coinvolgerà molti partner. Per Courmayeur un ruolo importante sarà ricoperto proprio da Skyway.

“L’arrivo del giro d’Italia ai piedi della montagna più alta d’Italia ha non solo un valore sportivo e turistico, ma ha anche un forte carattere comunicativo e sociale - aggiunge Federica Bieller, presidente Skyway - Un evento di questa portata rafforza l’attrattiva turistica della Valle del Monte Bianco e la posiziona quale meta seducente per un target di turisti che nella nostra regione ha ancora grandi potenzialità di crescita: i bikers. Il valore aggiunto di questo evento non è solo quello della partecipazione diretta del pubblico all’evento, ma anche la partecipazione digitale e social. Siamo orgogliosi che, per la prima volta, la tappa porterà il nome di una funivia, COURMAYEUR SKYWAY MONTE BIANCO. Per l’occasione la funivia si tingerà di rosa”.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Quella di Dario Cataldo è una quarantena un po’ differente rispetto a quella che stiamo vivendo in Italia. Abbiamo infatti raggiunto telefonicamente a Balerna, nel Canton Ticino, il portacolori del Team Movistar che ha raccontato a tuttobiciweb le sue giornate,...


  Il 29 maggio 2016, 50 anni dopo la vittoria al Giro d’Italia, Gianni Motta organizzò una festa per raccontarsi e farsi raccontare. Corridori, direttori sportivi, giornalisti. E storie, avventure, retroscena. Molto era rimasto nei miei appunti. Eccolo qua. LA...


I divieti sono sempre difficili da osservare e ogni tanto qualcuno cerca di sfuggirvi. Nonostante un decreto governativo vieti di svolgere l’attività sportiva in bicicletta all’aperto, c’è sempre qualcuno che ci prova. È successo anche ieri a Otranto, con uno...


A pochi chilometri di distanza dalla celebre Università di Oxford, c’è quella che possiamo considerare una sor­ta di Università, oppure un Master, del ciclismo: la Holdsworth-Zappi. Siamo abituati a vederla in tutti gli appuntamenti dilettantistici più importanti in Italia, dal...


Volete conoscere le curiosità più interessanti, gli aneddoti più simpatici ed i segreti più nascosti delle grandi campionesse del ciclismo in rosa? Le appassionanti dirette Facebook del team Alè - BTC Ljubljana sono in rampa di lancio! Cinque imperdibili appuntamenti...


Davide Dapporto è un ragazzo romagnolo, un ragazzo del 2001. Si accorge di avere dei numeri da corridore quando in famiglia il nonno Giovanni e il papà Diego, entrambi ex dilettanti di stampo buono, gli parlano di ciclismo. La sua...


Diciamolo, anche se sottovoce, a tutti noi piacerebbero bici molto leggere, sempre. Per farlo servono telai leggeri, ruote leggere ma anche tante piccole accortezze come suggerito dal vasto catalogo di Carbon-Ti. Perni passanti, viteria, corone, collarini, dischi, insomma, l’elenco è lungo...


Una triste notizia in questa ultima domenica del mese di marzo. E’ morto a Prato (risiedeva nella frazione di Iolo) all’età di 80 anni, Giordano Paolini personaggio conosciutissimo nel ciclismo non solo toscano. Qualche giorno fa sottoposto al tampone per...


  Si è risvegliato. Giancarlo Ceruti ex presidente della Federazione Ciclistica Italiana sta mostrando piccoli ma significativi segni di miglioramento e a confermarcelo è Luigi Rossi, presidente della Polisportiva Camignone, da sempre amico fraterno di Ceruti. È lo stesso Rossi,...


“Sto bene, martedì prossimo avrei dovuto operarmi di nuovo, ma in questo momento di blocco totale non è possibile. Non vorrei parlare però di questo problema e distogliere l’attenzione dalle situazioni ben più serie legate all’attualità”. E’ un Domenico Pozzovivo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155