L'ORA DEL PASTO. IL TORNANTE CHE HA FATTO LA STORIA

STORIA | 10/08/2018 | 07:00
di Marco Pastonesi

L’Abetone. Dalla Lima, versante toscano. Diciassette chilometri di salita appenninica: tra faggi e querce, poi pini e abeti, tra fontane e casolari, tra storia e ciclismo. Il tredicesimo tornante – al settimo chilometro della salita - svolta a sinistra, alla sua destra è protetto, o forse minacciato, da un muraglione in pietre, dall’altra parte si affaccia sulla valle e sui boschi, tira al 10 per cento, introduce a un rettilineo di un centinaio di metri.

Il 29 maggio 1940, in una giornata primaverile di calendario e invernale di cielo, in una giornata che sapeva di Giro d’Italia e forse già di Seconda guerra mondiale, “un ragazzo segaligno – la descrizione aurea di Orio Vergani sul “Corriere della sera” – magro come un osso di prosciutto di montagna” s’impennò, decollò, fuggì. Ed entrò nella storia. Fausto Coppi.

Luciano Andreotti è tornato a quel giorno, a quella tappa, e anche su quella salita, su quel tornante, “Quel tredicesimo tornante che ha cambiato il ciclismo” (144 pagine, disponibile su Amazon Libri in versione digitale o cartacea). Lo ha fatto affidandosi a chi ne ha già scritto, ma anche ai propri pensieri, alla propria immaginazione, alla sua passione per la bicicletta e per il ciclismo, alla propria devozione per Bartali e Coppi, al proprio attaccamento per quella terra e quella salita. La ricostruzione comincia con il cane che attraversò la strada durante la seconda tappa e provocò la caduta di Bartali, continua con Bartali che lottava per restare in corsa, con Enrico Mollo che si impadronì della maglia rosa, con Fausto Coppi che da gregario (il più giovane: aveva vent’anni) stava guadagnandosi, se non ancora i gradi di capitano, la credibilità e la gloria di corridore.

Il via alle undici e mezzo a Firenze, dall’argine occidentale dell’Arno, la via Pratese percorsa sulla banchina come se la corsa si disputasse nelle Fiandre, poi le Piastre, lo scatto di Ezio Cecchi, “lo scopino di Monsummano”, e la risposta di Rimoldi, Generati, Doccini e Godio, che cedettero, poi l’alta Valle del Reno (che “reca le incognite di chi va incontro a una trappola naturale”), poi il Monte Oppio (“Tre chilometri circa, con pendenze a tratti impegnative”), l’incidente meccanico che a Pontepetri colpì Bartali (“Un guasto insolito alla calotta destra del movimento centrale”), Coppi che non lo aspettò, e da questo momento la corsa che si trasformò in una battaglia. Epica. Coppi lanciato verso la vittoria e la maglia rosa, Bartali teso nell’inseguimento (e lo avrebbe fatto per tutta la vita), e gli altri, tutti, anche Vergani, quasi increduli, davanti a tanto spettacolo.

Fu allora – scriveva Orio Vergani (e Andreotti avrebbe fatto bene a riprendere e citare questo capolavoro di cronaca e poesia) – sotto la pioggia che veniva giù mescolata alla grandine, che io vidi venire al mondo Coppi… Vedevo qualcosa di nuovo: aquila, rondine, alcione, non saprei come dire, che sotto alla frusta della pioggia e al tamburello della grandine, le mani alte e leggere sul manubrio, le gambe che bilanciavano nelle curve, le ginocchia magre che giravano implacabili, come ignorando la fatica, volava, letteralmente volava su per le dure scale del monte, fra il silenzio della folla che non sapeva chi fosse e come chiamarlo”.

Ed era solo l’inizio. Poi l’Abetone, poi il Barigazzo, poi la discesa e la pianura fino a Modena. Centottantaquattro chilometri che non finiranno mai.

Andreotti si avvicina alla storia del ciclismo da appassionato, da amatore. Ammette: “Non so dire se questo racconto della Firenze-Modena del 1940 rifletta esattamente la verità”. Spiega: “Ho reperito dati e notizie sulla tappa, soprattutto di tipo cronometrico, cercando poi di interpretarli nella maniera il più possibile coerente con le logiche e le dinamiche tattiche di una gara ciclistica”. Aggiunge: “Ho preso in considerazione la versione dei fatti restituitaci dallo stesso Bartali, trovandovi obiettivi motivi per ritenerla fondata”. Ha il merito di aver ricordato un Giro storico, esplorato una tappa decisiva, infine concentrato su un tornante a sinistra, che tira al 10 per cento e introduce nella letteratura.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Tappa in Sidi per Chris Froome. Nel pomeriggio di oggi il campione britannico del Team Sky ha fatto visita a Dino e Rosella Signori presso il quartier generale di Sidi. L’azienda trevigiana, con sede a Maser, fornisce praticamente da sempre...


La stagione del Team Colpack prosegue con gli ultimi appuntamenti. In particolare una vittoria e diversi piazzamenti sono arrivati dalla pista dove alcuni ragazzi della formazione bergamasca hanno partecipato con la Nazionale italiana alla Prolog Track Cycling Challenge 2018, gara...


Conclusa ieri domenica 14 ottobre a Torino la nona edizione del Giro d’Italia di Handbike con una strepitosa gara tra i corsi dell’innovativo quartiere Crocetta. Più di 80 gli atleti che hanno regalato al numeroso pubblico emozioni a 38 chilometri...


Doppio colpo di mercato per l’UAE Team Emirates: ingaggiati con contratto biennale i gemelli portoghesi Ivo e Rui Oliveira, due tra i migliori prospetti del ciclismo internazionale. Forza, costanza sul passo e velocità sono tra le qualità che contraddistinguono il bagaglio...


Arnaud Demare è tra i velocisti più attesi dell'ultima corsa World Tour della stagione, il Tour of Guangxi. «Sono arrivato due giorni fa in Cina, si tratta della mia prima volta in questa parte del mondo. Questa gara rappresentà una...


Nella conferenza stampa di apertura della seconda edizione del Tour of Guangxi non poteva mancare l'idolo di casa, Meiying Wang, il corridore più forte della Cina. Originario di Shandong, a fine anno compirà 30 anni, e nell'ultima corsa della stagione...


Dopo quasi 30 ore di viaggio Fabio Aru è finalmente arrivato a Beihai. Partito alle 13.30 da Milano Malpensa, ha fatto scalo ad Hong Kong, per arrivare a Nanning nel pomeriggio cinese. A quel punto sarebbero bastate “solo” 3 ore...


Giovanni Ellena è il direttore sportivo dell'anno e sarà premiato con il Gran Premio GR Grafiche nel corso della Notte degli Oscar che tuttoBICI organizzerà nel prossimo mese di novembre a Milano. Il tecnico torinese della Androni Sidermec ha vinto...


Tutto pronto per il Tour of Guangxi 2018, corsa a tappe cinese parte del World Tour che si apre domani 16 ottobre da Beihai per concludersi dopo sei frazioni a Guilin. Per prepararci all’evento che chiamerà a sé numerosissimi campioni...


Di fermarsi, non se ne parla. E nemmeno di appendere gli attezzi al chiodo. Alexandr Vinokourov continua a misurarsi con lo spirt a livelli estremi: dopo il ritiro dal ciclismo agonistico, il general manager della Astana ha scelto il triathlon...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy