GIANNI MOSCON, IL BANDITO E IL CAMPIONE

TOUR DE FRANCE | 23/07/2018 | 09:22
di Pier Augusto Stagi

Ha sbagliato, su questo non ci sono dubbi, Gianni Moscon ha sbagliato a reagire, a tagliare la strada, ad alzare le mani dal manubrio. Su questo non ci sono dubbi. Però, consentitemi di infilare anche qualche però. Va bene bandire Gianni dal Tour (pena in ogni caso per me eccessiva), ma mi ribello al fatto di farlo passare per bandito. Gianni commise un gravissimo errore in occasione della vicenda razzista con Kevin Reza. Lì mi deluse come non mai. Poi ci fu l’accusa dello svizzero Sebastian Reichenbach, poi la sciocchezza dell’ammiraglia, poi alla fine del Lombardia (ricordiamolo) altri corridori della Fdj che lo accusarono di non so bene che cosa: forse di essere nato, di essere alto, di andare troppo forte in bicicletta. Insomma, passerò per partigiano, ma su questo ragazzo, che ha come tutti agonismo eccelso, si sono puntati gli occhi di molti con un atteggiamento quasi razzistico. Ormai è segnato. Sono in molti prevenuti nel suo caso.

Non invito alla violenza, ma in gruppo ci sono stato (se volete ridere, non mi offendo di certo, ma tant'é), conosco le regole e le modalità. È un vespaio, non un convento di monache. Ci si manda a quel paese e il vaffa è all’ordine del giorno. Come, purtroppo, anche cose ben più gravi che spesso non vengono denunciate e viste. Alzare una mano, per mandare a quel paese un collega è una reazione sbagliata, da censurare ma non da criminalizzare. Ora far passare questo ragazzo come un bandito del gruppo, con macchia e senza scrupoli mi sembra davvero un crimine.

In ogni caso ha sbagliato. Questo lo voglio dire forte e chiaro anche a lui. Caro Gianni hai sbagliato, ad accettare le lusinghe e le offerte sontuose della Sky, che ti usa solo e soltanto non per fare il bandito, ma il badante. Ti usa come uomo di fatica, tu che al pari di Moser e Saronni (loro non avrebbero finito una corsa se ci fosse stata la Var) hai le stimmate del campione. In corpo hai una autentica e dirompente forza agonistica, vorresti spaccare le montagne e ti viene da spaccare la faccia. Bene, ti auguro che il team Sky rescinda il tuo contratto, alla tua porta hai la fila, ad incominciare dall’Astana di Beppe Martinelli, che ti ha sempre voluto, ti ha sempre apprezzato e ti farebbe fare quello per cui sei nato: il campione.

 

ARTICOLI CORRELATI

Caso Moscon. Caro direttore, sono d'accordo a metà

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Concordo con Stagi
23 luglio 2018 10:06 geo
Sacrosante parole di Stagi! Sicuramente il lavoro di Moscon alla Sky è ben pagato, ma Moscon, ma il suo lavoro è quasi umiliante. Da campione a servitore senza gloria. Altro esempio come lui è Diego Rosa. Rescinda il contratto con Sky, così apprezzeremo veramente quanto vale!

Moscon forte ma fragile nel controllo di se stesso
23 luglio 2018 11:29 giorginoc
Moscon deve trovare uno psicologo che lo aiuti a controllare se stesso nei momenti di provocazione.E' campione per cui deve andarsene quanto prima da Sky che lo utilizza come gregario, trovi una squadra dove gli sia permesso fare la propria corsa, sacrifichi qualcosa alle aspettative finanziarie nel breve, curi i rapporti con tutti i colleghi di gruppo e sarà uomo campione stimato e amato

Ecco il TIPICO ESEMPIO DI...
23 luglio 2018 11:30 Fra74
GIORNALISMO "PRO BONO PACIS": e mi spiego ancora meglio. In altre circostanze, chiunque, in una SIMILE circostanza, avrebbe, NON PUNTATO IL DITO CONTRO IL SIG. MOSCON, ma PUNTUALIZZATO I VERI VALORI DELLO SPORT. Il Dott. STAGI che è stato in gruppo, scusate l'ironia, sa bene che "agganciarsi" ad una ammiraglia non è proprio considerata una "sciocchezza" da parte degli altri atleti. Il Dott. STAGI, essendo stato in gruppo, (mi verrebbe da chiedere, quale gruppo, eh?!, forse quello della sala-stampa!!!), sa bene che al TOUR de FRANCE, la CORSA PIU' IMPORTANTE DEL MONDO, non puoi permetterti certi ATTEGGIAMENTI, visto che tanto tra VAR, cellulari e social vari Ti pizzicano in qualche modo.
Il Dott. STAGI sa bene che NOI TUTTI, Lui in primis, rappresentiamo un ESEMPIO per i più giovani ciclisti che ci leggono. E quale ESEMPIO vuole dare, Lei, Dott. Stagi?! Sicuramente Lei è anche ironico nel suo "pezzo", ma rifletta bene sul fatto che il Sig. MOSCON, fino ad ora, si è "macchiato" oltre che di buone prestazioni sportive, pure di certi fatti come l'ultima immagine del TOUR.
Francesco Conti-Jesi (AN).

Moscon
23 luglio 2018 12:26 claudino
Alle classiche era il capitano cosa ha fatto???prima di dire e un campione.......non vince una corsa e un campione

concordo
23 luglio 2018 13:03 geom54
con STAGI;
altro appunto invece mio e feroce:
finitela di parlare di razzismo che è come i cavoli a merenda altrimenti gli idioti buonisti pure dovrebbero mettere le mani avanti e la lingua ancora più avanti per prevenire l'eventuale aggettivo gay a coloro atleti che dimorano occasionalmente in una stessa camera;
pertanto ai buonisti rivolgo un STATE UN POCO ZITTI E FATELA FINITA;
ognuno reagisce SE e SOLO SE e nella maniera che ritiene meglio opportuno se e solo se prima fagocitato anche se sportivamente;
i tiri di auto poi sono altra cosa.


Gesbert se n’è accorto?
23 luglio 2018 13:03 Monti1970
Si vede bene dalle immagini che non lo colpisce. Altrimenti uno non continuerebbe a pedalare senza perdere mezza pedalata con un colpo in faccia.
È stato punito il gesto, perché il cazzotto non c’è stato

@Fra74 @claudino
23 luglio 2018 13:21 Jeanphill
Nonostante non nutra a livello personale una particolare simpatia per Moscon, quelli che sono accaduti sono "Normali fatti di corsa", che si chi è stato in gruppo ben conosce e ben sa giudicare come tali, tra l'altro dalle immagini video mi sento di escludere completamente che Moscon abbia colpito il francese. A vederlo bene il gesto sembra semplicemente una sclerata, un vaff... mandato all'indirizzo dell'atleta che lo segue, tant’è che poi si leva velocemente da lì e passa subito di fronte al corridore francese, questo vuol dire che mentre tirava il presunto colpo era già talmente avanti da non poterlo colpire, inoltre se si guarda la testa del francese non fa un millimetro nel momento in cui la mano di Moscon gli passa davanti, ragion per cui escludo completamente che il contatto ci sia stato!
Detto questo Moscon per la squalifica inferta dalla giuria di corsa va giudicato solo ed esclusivamente per il fatto di ieri, perché questo è quello che deve fare una giuria di gara, eventuali sanzioni per recidiva spettano all’UCI o alle federazioni nazionali. Fatti per i quali a mio avviso la squalifica è assolutamente infondata, ed assolutamente patetico è il comportamento tenuto dal Team Sky che lo ha costretto a qual video assolutamente svilente.
In merito al fatto che Moscon sia un talento be un 5 posto alla Roubaix da primo anno, non si inventa così, un mondiale U23 sfumato per una caduta agli ultimi chilometri mentre era all’attacco, campionati nazionali a crono e in linea U23, le tirate alla Vuelta dell’anno scorso che lasciavano pochi superstiti in gruppo sono tutti indizi a favore, sul fatto che non abbia azzeccato la stagione delle classiche di quest’anno be chi ha corso sa che le stagioni non sono tutte uguali e non sempre tutto si affila come dovrebbe, non si può giudicare un corridore da un mese. Che si un campione deve ancora dimostrarlo sicuramente e sotto molti punti di vista, ma sul fatto che , come sia stato scritto nell’articolo, abbia le stimmate per esserlo c’è poco da obbiettare.

Solidarietà a Gianni
23 luglio 2018 14:16 pickett
Lo scorso anno Froome assestò un cazzotto in piena regola ad un tifoso colombiano,che tra l'altro,pur essendo fastidioso ,non era ostile nei suoi confronti.Le parole incredibili di Brailsford mi fanno pensare che non aspettasse altro che questa scusa per rescindere il contratto.Quale sarebbe stata la sua reazione se,per un gesto venialissimo come quello di Moscon,la giuria avesse estromesso un altro dei suoi corridori?Vedremo dopo il Tour,la mia sensazione é che il nostro corridore verrà tagliato.Per una volta concordo con Stagi:fece malissimo Moscon,al momento di passare pro,a pensare solo ai soldi e a scegliere Sky.Sono errori inconcepibili che possono compromettere una carriera,purtroppo.

Pur
23 luglio 2018 16:08 Fra74
rispettando le Vostre innumerevoli opinioni e "scritti", rimango esterrefatto ed allibito (si fa per dire) dal contenuto SPORTIVO che trapela dai vostri messaggi. A parte il fatto che, qui, ognuno pare abbia corso in mezzo al gruppo, addirittura dei PROFESSIONISTI, ma questo è un altro fatto, però, dispiace, almeno personalmente, leggere di commenti che nulla hanno a che fare e vedere con la SPORTIVITA': addirittura si "contestano" le sentenze emesse, quando SKY, mi risulta, non abbia fatto appello a detto provvedimento, nonchè si fanno paragoni con il passato ed altri episodi di altri ciclisti. Fermiamoci qui, per favore, alla ESPULSIONE del ciclista MOSCON, della IMMAGINE che Lui si è creato ed ha creato al MOVIMENTO CICLISTICO. Mi preme solamente sottolineare che alcuno ha scritto una parola sul "traino-ammiraglia". Fa comodo scrivere quello che è a proprio favore oppure un pizzico di obiettività in più non guasterebbe?!
il Sig. MOSCON ora è al centro della ATTENZIONE MEDIATICA, non solo per le proprie prestazioni sportive.
Francesco Conti-Jesi (AN).

Moscon
23 luglio 2018 16:17 claudino
Leggere i vs commenti moscon ha ragione e un campione ,l educazione non esiste piu...!!!!

Claudino
23 luglio 2018 16:49 Ruggero
D'accordissimo con Claudino, che vada forte non ci sono dubbi, che sappia anche vincere le corse è tutto da vedere e dimostrare....

quanti mediocri
23 luglio 2018 17:00 tonifrigo
I campioni della tastiera sono tanti. Alcuyni ironizzano su Stagi, altri si scagliano su Moscon. Stagi fa il direttore e loro no, ci sarà qualche motivo o meglio quanche differenza... Quelli che se la prendono con Moscoin sono altrettanto castrati dalla forza e dalla potenza di questo ragazzo che sta sputando sangue per i soldi, ma nelle gambe e nella testa (sì la testa, perchè c'è eccome e chi ha presente la carriera di Gianni prima della Sky lo sa) ma sentendosi ogni giorno più inutile e castrato. Pier ha ragione: Gianni rischia di buttarsi via con questi gesti, ma ciò che combina è anche il sintomo di un malessere dettato dal fatto che lui non è uno qualunque. Si discuteva qualche giorno fa con Martinello sul fatto che - diceva Silvio - Gianni sta imparando. E la mia domanda era: imparando cosa, a schiacciarsi, a perdersi? Quello che non imparerà mai è il novantagradismo, perchè se nasci campione resti tale anche se ti chiudono in cantina come fa CON TUTTI LA SKY, a vantaggio di quel Froome che con la Barloworld si spegneva davanti a un cavalcavia. La Sky è arroganza dei soldi e basta. Mi dispiace perchè a Fausto e a Teo mi lega una bella amicizia, ma se c'è una squadra arrogante e antipatica, quella è la squadra che riduce a soldatini quelli che sarebbero i capitani di qualsiasi altra squadra. Scopo: mostrare che è la squadra che conta, non gli uomini. Come diceva un vecchio dopatore condannato: Con me il corridore basta che tenga le mani sul manubrio, al resto ci pensa lo zio qui....


Reagire a cosa?
23 luglio 2018 17:06 buendia
Gentile direttore, la sua difesa d'uffico di Moscon, per quanto lodevole, mi lascia perplesso.
Lei dice che Moscon ha sbagliato a reagire, ciò presupporrebbe che prima della reazione ci sia stata una azione scorretta, che onestamente non riesco a vedere.

@claudino
23 luglio 2018 18:09 Jeanphill
Moscon non è ancora un campione deve dimostrarlo, ma fisicamente ha i numeri per esserlo, non sto dicendo inoltre che Moscon non debba essere educato anzi, ma che per quello che si è visto dalle immagini non è assolutamente un comportamento da espulsione dalla corsa.
Il fatto che Sky non abbia fatto ricorso va letto molto probabilmente sotto il punto di vista che non voglia ancora tirarsi contro, dopo il caso Froome, le attenzioni tutt'altro che amorevoli del pubblico francese.

Sono pessimista
23 luglio 2018 18:57 marcodlda
Mi sembra che il ragazzo non abbia un gran controllo di sè, ha qualche problema, non so se di carattere o di educazione. C'è stata anche la squalifica l'anno scorso al mondiale, l'altro giorno ha detto che avevano fatto un regalo ad Aevermat lasciandogli prendere la maglia gialla.... Prima si è uomini, e poi si può essere anche atleti. Se il futuro del ciclismo italiano è questo non siamo messi tanto bene...

Comunque non lo ha colpito!
23 luglio 2018 20:04 Monti1970
E esperlerlo dal Tour mi sembra eccessivo!

Italiani sempre la stessa storia
23 luglio 2018 21:44 franck
Si puo sapere veramente cosa e successo ? prima di criticare giudicare comme siete sempre i primi all mondo per darvi la zappa su i piedi ....tutti moralisti sempre fanno la predica e razzolano male ecco cosa siete. Moscon in italia fare la fine di tanti ragazzi con talenti che poi fanno di tutto per bloccarlo.

Moscon
24 luglio 2018 14:43 SERMONETAN
Secondo me deve stare più tranquillo,sarà pure un campione(ho i miei dubbi,in Zalf fenomeni da dilettanti e poi spariti) possibile che capita sempre a Lui.Si lamenta che fa il gregario, ma vi ricordate cosa faceva Bettini per anni al fianco di Bartoli ,e poi ha dimostrato tutto il suo valore.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Tappa in Sidi per Chris Froome. Nel pomeriggio di oggi il campione britannico del Team Sky ha fatto visita a Dino e Rosella Signori presso il quartier generale di Sidi. L’azienda trevigiana, con sede a Maser, fornisce praticamente da sempre...


La stagione del Team Colpack prosegue con gli ultimi appuntamenti. In particolare una vittoria e diversi piazzamenti sono arrivati dalla pista dove alcuni ragazzi della formazione bergamasca hanno partecipato con la Nazionale italiana alla Prolog Track Cycling Challenge 2018, gara...


Conclusa ieri domenica 14 ottobre a Torino la nona edizione del Giro d’Italia di Handbike con una strepitosa gara tra i corsi dell’innovativo quartiere Crocetta. Più di 80 gli atleti che hanno regalato al numeroso pubblico emozioni a 38 chilometri...


Doppio colpo di mercato per l’UAE Team Emirates: ingaggiati con contratto biennale i gemelli portoghesi Ivo e Rui Oliveira, due tra i migliori prospetti del ciclismo internazionale. Forza, costanza sul passo e velocità sono tra le qualità che contraddistinguono il bagaglio...


Arnaud Demare è tra i velocisti più attesi dell'ultima corsa World Tour della stagione, il Tour of Guangxi. «Sono arrivato due giorni fa in Cina, si tratta della mia prima volta in questa parte del mondo. Questa gara rappresentà una...


Nella conferenza stampa di apertura della seconda edizione del Tour of Guangxi non poteva mancare l'idolo di casa, Meiying Wang, il corridore più forte della Cina. Originario di Shandong, a fine anno compirà 30 anni, e nell'ultima corsa della stagione...


Dopo quasi 30 ore di viaggio Fabio Aru è finalmente arrivato a Beihai. Partito alle 13.30 da Milano Malpensa, ha fatto scalo ad Hong Kong, per arrivare a Nanning nel pomeriggio cinese. A quel punto sarebbero bastate “solo” 3 ore...


Giovanni Ellena è il direttore sportivo dell'anno e sarà premiato con il Gran Premio GR Grafiche nel corso della Notte degli Oscar che tuttoBICI organizzerà nel prossimo mese di novembre a Milano. Il tecnico torinese della Androni Sidermec ha vinto...


Tutto pronto per il Tour of Guangxi 2018, corsa a tappe cinese parte del World Tour che si apre domani 16 ottobre da Beihai per concludersi dopo sei frazioni a Guilin. Per prepararci all’evento che chiamerà a sé numerosissimi campioni...


Di fermarsi, non se ne parla. E nemmeno di appendere gli attezzi al chiodo. Alexandr Vinokourov continua a misurarsi con lo spirt a livelli estremi: dopo il ritiro dal ciclismo agonistico, il general manager della Astana ha scelto il triathlon...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy