LE STORIE DEL FIGIO. NONNO PISO. GALLERY
 

STORIA | 19/06/2018 | 07:15
di Giuseppe Figini

E’ un tipo piuttosto schivo, riservato, non molto ciarliero Antonio Pisoni, fotografo che ha frequentato a lungo il ciclismo. Lo frequenta tuttora ma ha ridotto il raggio d’azione operando ora, per passione e divertimento, nel ciclismo cosiddetto minore – ma che minore non è – della sua zona. Infatti, a settantadue anni, ha in un certo senso mollato i pappafichi, usando un termine nautico, dedicandosi soprattutto alla cura dei nipoti Matteo e Azzurra, gli eredi di suo figlio Christian, preferendo e favorendo l’interpretazione del ruolo di nonno quasi a tempo pieno.

Abita a Buscate, comune della parte ovest della Lombardia, vicino al Ticino, prossima al Piemonte, paese che ha un alto tasso ciclistico con la dinastia dei Saronni con Giuseppe, il capofila. Sono di Buscate anche Abramo Merlotti, ai suoi bei dì buon corridore, pure in pista, nel glorioso Sport Club Genova di Milano, poi frequentatissimo oste-trattore anche dagli appassionati delle due ruote, del dottor Massimo Branca, quasi da una vita medico di corsa al Giro d’Italia e alle altre classiche rosa a fianco del prof. Giovanni Tredici. E’ pure il paese di Aldo Colombo, il “presidente”, appassionato sempre presente agli appuntamenti ciclistici, legatissimo a Giuseppe Saronni.  Sono comunque tanti gli amanti e praticanti delle due ruote di Buscate e dintorni.


Torniamo al “Piso” (questo il suo soprannome), però che, dopo avere studiato fotografia diplomandosi, alla fine degli anni 1970, iniziò con la collaborazione, soprattutto per il calcio, con il quotidiano varesino La Prealpina, accompagnando sovente Antonella Clerici, giornalista alle prime armi e poi “star” della televisione.
La collaborazione, in chiave ciclistica stavolta, si attiva con il settimanale Ciclismo d’Italia diretto da Enrico Magatti e dove lavorava anche un giovanissimo Marco Civoli, poi voce del calcio a Telenova e in Rai. E pubblica lì le prime foto a colori di ciclismo.

Intanto cresceva e vinceva, sia su strada, sia su pista, un certo Giuseppe Saronni di Buscate. E naturalmente Pisoni, con Aldo Colombo e altri sostenitori, era una presenza costante nelle corse, dove si schierava e sovente vinceva Giuseppe Saronni e pure i suoi fratelli. A metà degli anni 1970 circa, apre un negozio di fotografo a Buscate che riesce a fare convivere con la famiglia dove, nel frattempo, è nata la figlia Sara e una collaborazione costante con l’Agenzia Fotocronache Olympia, nome storico nel settore sportivo soprattutto, per la quale copriva vari eventi delle due ruote.

Per una sua situazione familiare lascia per un certo periodo l’attività esterna fino a quando incontra Roberto Bettini, milanese ma che, per matrimonio, si è trasferito a Cuggiono, vicino a Buscate. La figura di Roberto Bettini non ha certo bisogno di molte altre spiegazioni e illustrazioni nel settore delle corse. Roberto Bettini, in arte “Click”, richiede al “Piso” di tornare sulla strada con lui.

E non aspettava altro Antonio Pisoni che, all’inizio degli anni 2000, torna a seguire assiduamente le corse collaborando con l’équipe Bettini, con rinnovato entusiasmo e passione. E vive con lui le belle esperienze della rivista Cycling Magazine Sprint e la quotidianità, talvolta affannata, pressata, senza respiro e senza possibilità d’errore, della vita alle corse dei fotografi al seguito e nel cuore delle corse. Guai a perdere l’attimo fuggente.
E Antonio Pisoni sovviene sempre alle incombenze e agli amichevoli “ordini” del capo Roberto, poi affiancato pure dal figlio Luca.

E opera sempre con discrezione, sempre anteponendo i fatti alle parole, sempre disponibile anche all’organizzazione logistica, un aspetto da non trascurare e di rilievo nell’ambito del lavoro di gruppo della Bettini Company & C. -
Un periodo che si è chiuso abbastanza di recente con la “squadra Bettini” che conta su nuovi e valenti giovani, e che Antonio Pisoni ricorda come anni bellissimi, di soddisfazione e d’amicizia che tuttora continua anche se adesso, ed è quasi un ritorno agli esordi, il suo obiettivo riprende giovani e giovanissimi di belle speranze in luogo d’affermati campioni.
Non ha rimpianti ma solo ricordi, bellissimi ricordi, “nonno” Antonio.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Fortunate di aver partecipato a un'esperienza importante. Un bilancio sostanzialmente positivo quello del team Eurotarget Bianchi Vitasanaal Giro d'Italia Donne. Per la squadra più giovane della Corsa Rosa, alla sua prima stagione e al suo primo Giro tra le Elite,...


Voci e trattative di mercato si incrociano sulle strade del Tour de France.Jurgen Roelandts è sul punto di lasciare la BMC dopo una sola stagione per firmare un contratto biennale con la Movistar: nelle intenzioni di Unzue dovrebbe essere il...


Le novità di Prologo esposte ad Eurobike sono già al Tour de France, almeno per quanto riguarda la nuovissima sella Dimension Nack CPC 143, modello già utilizzato da Nibali durante la cronometro a squadre. Abbiamo visto da vicino anche la...


Rigoberto Urán sta vivendo giornate difficili sulle strade del Tour: «Durante la tappa di ieri mi faceva molto male la schiena. Ora siamo abbastanza indietro in classifica generale, stamane cercheremo di capire con la squadra cosa possiamo fare. Certo che...


Dopo che lunedì con specifica determina del Responsabile del Procedimento, il Segretario Generale della FCI Maria Cristina Gabriotti, la Federazione ne ha autorizzato l'inizio, da ieri sono partiti i lavori per la realizzazione del nuovo Velodromo di Spresiano. Al termine...


Molti dei più grandi ciclisti professionisti del mondo si esibiranno nelle strade di Hong Kong nel #ShowdownSunday, il prossimo 14 ottobre, sfidandosi in un Hammer Sprint e un Hammer Chase per vincere l'Hammer Hong Kong e la classifica finale delle...


I panni sporchi si lavano anche in sala stampa. Il Tour è così, e forse anche di più. C’è di tutto e di più per mettere nelle condizioni di vivere e seguire al meglio la Grande Boucle. Sei in...


Seconda razione di Alpi dopo la tappa di ieri che è servita a "misurare la febbre" al gruppo e a capire che le cadute e le pietre della Roubaix hanno lasciato il segno nelle gambe di Rigoberto Uran. Tappa breve...


Tutto il mondo sportivo attendeva con ansia la riunione della Giunta del CONI del 10 luglio che avrebbe dovuto finalmente stabilire, dopo mesi di rinvii ed incertezze, prima di tutto l’elenco delle attività di collaborazione considerate come rientranti tra i...


Del Tour si sa non solo dove partirà il prossimo anno, ma anche tra due. Già tutto definito, predisposto, preparato e annunciato. Tra un anno il “Grand Depart” sarà a Bruxelles, in nome e in onore del ciclista più forte...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy