NIBALI, INCONTRO A PASSO SAN PELLEGRINO

PROFESSIONISTI | 14/06/2018 | 14:01
di Pier Augusto Stagi

Non è in collegio e nemmeno in colonia, ma la sua testa è già al mare, a quello della Vandea, dove il prossimo 7 luglio scatterà il Tour de France. Noirmoutier-en-l’Ile è sull’oceano Atlantico, da lì scatterà la Grande Boucle edizione numero 105, mentre Vincenzo Nibali è a Passo San Pellegrino, in Val di Fassa, tra il Trentino Alto Adige e il Veneto, tra le Pale di San Martino e la Marmolada.

L’incontro è fissato al QC Terme Dolomiti di Pozza di Fassa, in un bel pomeriggio di sole come solo le Dolomiti sanno regalare.

Presente all’incontro l’Assessore allo sport Tiziano Menarini. E si parla subito di Val di Fassa con Alex Carera che spiega: «L’accordo con la Val di Fassa è nato in maniera spontanea, anche perché Vincenzo e Slongo vengono da molti anni ad allenarsi quassù».

«Questo è un distretto molto appetibile per la bicicletta - conferma Menarini - e per la Val di Fassa e il Trentino questa è una grande opportunità perché porta visibilità a prestigio. La Val di Fassa è una valle attrattiva non solo per i professionisti e il Trentino si conferma una un’autentica palestra a cielo aperto per tutti coloro che amano fare sport».

La parola passa poi a Paolo Slongo: «Per un allenatore questa è davvero la palestra ideale per sfruttare l’altura con blocchi di lavoro di due settimane. E poi, oltre alla bellezza del posto, ci sono strade eccezionali per poter simulare tappe del Giro o del Tour. La temperatura è ideale per recuperare e affrontare al meglio i grandi appuntamenti: ci troviamo davvero benissimo quassù».

Ed ecco Vincenzo Nibali: «In Val di Fassa io trovo tutto. Tantissime salite: Sella, Pampeago, Val Parola, non ce n’è una che mi piace in particolare, apprezzo la grande varietòà delle salite. Poi in allenamento dai una sbirciatina al paesaggio e non è male…».

Per concludere il discorso sul territorio, parla anche Pellizotti: «Qui si lavora bene ma è importante anche recuperare durante il pomeriggio vivendo in posti eccezionali. Questi 15 giorni ci servono per mettere a punto il lavoro e ricaricare le pile, liberare la testa in vista del Tour de France».

Iniziano le domande: Vincenzo a che punto sei?
«Abbiamo cercato di rifare quello che abbiano fatto in passato. Il Delfinato non è stato super, è vero, ma non non sono preoccupato».

Domanda a Pellizotti: rispetto ai tempi della Liquigas, come è cambiato Enzo?
«Come persona sempre lo stesso, ma è cresciuto tantissimo a livello mentale. I primi anni non si allenava come oggi, ha fatto progressi anche anche a livello alimentare e  nella cura dei particolari».

Vincenzo, come ti senti in vista di questo Tour?
«Sono molto sereno. L’obiettivo è quello di arrivare almeno al podio».

Dal 1980, quando vinse Zoetemelk, il solo Cadel Evans è riuscito a vincere il Tour a più di 33 anni.
«Non è facile, ma a me piacciono le grandi sfide. L’anno scorso ho affrontato due grandi corse a tappe e ottenuto due podi importanti. Sento di poter dire e dare ancora qualcosa di importante».

Cosa pensi della tappa di 65 km  con le griglie di partenza?
«La tappa corta è particolare. Per quanto riguarda la griglia, penso che sia una sciocchezza non serve a niente. Siamo professionisti, non amatori».

E Froome, come pensi di trovarlo?
«Non so come Froome reagirà al Tour. Sicuramente al Giro è partito piano e ha finito in crescendo».

La doppietta è possibile?
«Froome l’anno scorso ci è riuscito».

Ti ha sorpreso la sua azione sul Colle delle Finestre?
«No, un numero così ce l’ha nelle corde. Certo che ha avuto fortuna a non trovare vento in faccia per 80 chilometri in montagna».

Come stai lavorando qui a Passo San Pellegrino?
«Stiamo lavorando sulla qualità, io spero di arrivare in condizione buona al via di Noirmoutier».

C’è una tappa in particolare che ti ispira?
«Il Tour è una corsa speciale dalla prima all’ultima tappa. Sappiamo tutti che c’è la tappa del pavé e che tutte le prime tappe sono molto insidiose. E poi, come abbiamo già detto, la tappa di 65 km è un’incognita per tutti».

La cronosquadre ti preoccupa?
«Un po’ sì, ma so che andremo meglio che al Delfinato, Un distacco accettabile? Un minuto. Se è di più non è buona cosa».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

La Fundación Alberto Contador ha ricevuto da Cofidis un assegno di 25.000 euro, frutto dei proventi ottenuti grazie al "Pedalón Solidario". La consegna dell'assegno ha avuto luogo presso la sede di Cofidis in Spagna, a Cornellá de Llobregat: alla cerimonia...


Doppietta! Niccolò Bonifazio si ripete e conquista anche la seconda tappa de La Tropicale Amissa Bongo, la Franceville-Okondia di 170 km. Davvero un inizio di stagione eccellente per il corridore ligure che proprio quest'inverno è passato alla Direct Energie. Bonifazio...


Ci vorrà ancora qualche giorno per sciogliere le riserve: i vertici di RCS Sport si sono presi ancora qualche ora di riflessione prima di assegnare le wildcard per il Giro d'Italia e l'appuntamento è fissato per venerdì 25 gennaio in...


Il ritorno del trittico Wanne - Stockeu - Haute-Levée, che saranno anticipate dalla Côte du Mont de la Soie, e un finale esplosivo con il ritorno nel cuore della città di Liegi: sono queste le grandi novità della edizione 2019...


Aso ha presentato questa mattina il percorso della prossima edizione della Freccia Vallone, che si disputerà il 24 aprile. E nella circostanza sono state assegnate anche le wildcard: gli inviti sono stati attribuiti alle formazioni belghe Sport Vlaanderen blasone, Wallonie...


Da mesi ormai abbiamo lanciato l’allarme sul futuro delle formazioni Professional, che rischiano di andare incontro all’estinzione alla luce delle nuove regole proposte dalla Riforma. Bene, un altro colpo al futuro di queste formazioni arriva dalla possibilità offerta agli organizzatori...


Dopo la positiva partecipazione al Tour Down Under, l’UAE Team Emirates si è fermata in Australia per preparare il prossimo appuntamento World Tour, ovvero la Cadel Evans Great Ocean Road Race, gara in linea in programma per il 27 gennaio. Il...


Comprarsi una bicicletta nuova è sempre un passo importante ed è, credo in ogni singolo caso, l’avverarsi di un sogno. Rincorrere il modello preferito fino al tanto agognato giorno è qualcosa di speciale, ma se non ci accontentassimo avere solo un...


Eterna promessa non vuole che diventi un appellativo adatto a lui. Uno che di soprannome fa “Roccia” ha la testa dura e non può che pretendere che il suo sesto anno tra i professionisti sia «quello buono». Davide Formolo ci...


Dopo la sua introduzione su Cento10AIR e Cento10PRO, l'iconica finitura Ramata è ora disponibile su Cento10NDR, il modello di punta per la categoria Endurace. Il Cento10NDR ha ridefinito i limiti di comfort e prestazioni per una bicicletta da corsa, riconosciuto per questo con l'Eurobike Award nel...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy